Sacile Partecipata e Sostenibile

l'amministrazione dovrebbe informare su dove e come reperire contributi PDF Stampa E-mail
Sabato 26 Novembre 2011 18:29

Ancora una volta SPS legge le notizie in parallelo:
Il 30 ottobre 2011 la stampa pubblica l’elenco dei 56 beneficiari del piano co-finanziato da Stato e Regione per promuovere l'impegno civile dei giovani.
Nessuno del Comune di Sacile.
Il 22 novembre 2011 la stampa pubblica l’elenco dei 21 tra Comuni e associazioni che hanno ottenuto i contributi per il miglioramento dell’offerta turistica (per un totale di ca. 5.000.000).
Il Comune di Sacile non compare.
Il 25 novembre 2011 la stampa pubblica l’elenco dei 25 sodalizi sportivi non professionistici che si potranno spartire 360.000 Euro.
Del Comune di Sacile non compare nessuno.
Il 26 novembre 2011 la stampa pubblica l’elenco delle 123 società sportive che si divideranno 324.960 Euro.
Del Comune di Sacile non compare nessuna.
Il 29 novembre 2011 la stampa pubblica l’elenco dei 207 soggetti che operano in campo culturale, ricreativo, sportivo, turistico e sociale. Vengono ripartiti 1,588 milioni.
Nessun soggetto del Comune di Sacile.

Orbene, relativamente al nostro articolo che segnalava l’assenza di Sacile dall’elenco dei beneficiari dei contributi per l’impegno in vari campi dei giovani, l’Assessore alla Cultura, Carlo Spagnol, ci rispondeva tramite stampa che non era compito del Comune presentare domanda.

Lo sappiamo benissimo – e infatti non lo abbiamo mica detto/scritto – ma quel che è certo, è che i Comuni possono fungere da guide, da facilitatori, da informatori, possono tenere capillarmente al corrente le varie realtà operanti sul territorio della possibilità e delle modalità di accesso ai bandi.

Quante volte succede, ad. es., che ci siano domande non ammesse perché “non rispondenti ai requisiti richiesti dal regolamento”, o perché “pervenute al di fuori dei tempi utili”, o perché “non debitamente compilate”, ecc.?
Guarda caso, lo stesso giorno in cui compare sulla stampa locale l'ultimo elenco sopra citato, si può anche leggere un articolo sulla “diserzione” dei Comuni del pordenonese dal ciclo di lezioni organizzate dall’associazione Eventi, destinate proprio ad imparare come meglio reperire i fondi. Nel caso specifico si trattava di aggiornarsi su come usufruire delle disponibilità finanziarie della regione rispetto allo sport, sia in riferimento al Credito Sportivo, sia per come imparare a districarsi tra le norme regionali. Iscritti comuni dell’udinese e del trevigiano, non uno della nostra provincia.

E continuiamo, sempre in parallelo:
Il 15 dicembre la stampa riferisce direttamente di tre diversi finanziamenti:
18 contributi per complessivi 638.917 Euro per gli impianti sportivi,
9 contributi per complessivi 97.085 Euro per la promozione di attività motorie per gli anziani,
5 eventi di particolare significato sociale o sportivo per un totale di 45.900 Euro,
ma Sacile non appare in nessuno dei tre. 
Il 17 dicembre è notizia ufficiale che non si faranno più i campi da tennis previsti in area PalaMicheletto, perchè "niente fondi dalla Regione"....... (In compenso si faranno parcheggi - tranquilli, per questi i fondi ci sono!)

A parte l'ironia, ecco cosa intendevamo con la nostra segnalazione: che l’Amministrazione comunale può svolgere un importantissimo ruolo di regia. E non solo per reperire finanziamenti pubblici, ma anche per informare ed accompagnare tutte le nostre associazioni e/o società in quel percorso che viene definito “fund raising”, cioè il reperimento di risorse (pubbliche locali, europee, private), per il quale infatti ci sono dei veri e propri esperti, vista la non facile materia……

Citiamo da Wikipedia: “Il fund raising è una parola inglese che non è traducibile semplicemente in raccolta fondi. "To raise" ha il senso di: far crescere, coltivare, sorgere, ossia di sviluppare i fondi necessari a sostenere una azione senza finalità di lucro. Infatti il fund raising trova le sue origini nell'azione delle organizzazioni non profit, quelle organizzazioni che hanno l'obbligo di non destinare i propri utili ai soci, ma di reinvestirli per lo sviluppo delle proprie finalità sociali. Tuttavia attualmente il fund raising viene praticato anche da enti e servizi pubblici e da aziende che promuovono iniziative a scopo sociale. Chi raccoglie i fondi è definito fundraiser: egli deve saper gestire la relazione con il donatore, deve avere competenze nella gestione del database attraverso strumenti informatici, deve avere un'ampia conoscenza di tutte le modalità per raccogliere fondi (direct marketing, telemarketing, e-mailing, web marketing, face to face).”

Putroppo la figura del “fundraiser” in Italia è ancora molto poco conosciuta.

Mah, forse perchè ancora una volta non fa molto comodo e rispecchia una consolidata usanza di anti-politica: ”emancipare” i vari protagonisti dell’associazionismo e renderli edotti ed autonomi nelle possibilità e nelle vie corrette della burocrazia per il reperimento di fondi, significa farsi sfuggire di mano la possibilità di tenerli legati al voto di scambio per mezzo del contributo elargito come “favore” di questo o quel politico.

......semplice......

e intanto la lista delle assenze si allunga:
il 29/12/2011 la Regione delibera l'assegnazione di 51.128,08 Euro decennali per la sistemzione di impianti sportivi (Pordenone costruirà un centro medico-sportivo, Chions procederà alla copertura del campo di calcetto e alla realizzazione di spogliatoi in un altro campo da calcio, Fiume Veneto potrà avere la copertura di una pista polivalente). Sacile è carente di palestre, non si sa dove pattinare liberamente, ha cancellato i campi da tennis previsti da sempre accanto al Palamicheletto, e fateci pure altre segnalazioni....
Ma Sacile anche in questo elenco non appare.
Il 24 aprile 2012 tocca di nuovo allo sport: 736.000 Euro a 32 istituzioni pubbliche e private.
Nessuna di Sacile.
Il 28 giugno 2012 vengono pubblicati gli elenchi per i contributi ai centri di aggregazione giovanile, in particolare parrocchie, per un ammontare di 276.500 000 Euro. Sacile non compare nell'elenco.
Il 27 settembre 2012 è la volta di 123 soggetti che ottengono un totale di 2,6 milioni di Euro per auto-organizzazione dei compiti familiari, educativi e di cura. Non uno di Sacile.
Il 4 ottobre 2012 è la volta delle attività finanziate per progetti di giovani creativi e volontariato. Tra i 28 progetti finanziati nessuno di Sacile.
Il 28 novembre 2012 la stampa pubblica l'elenco dei destinatari dei 40 milioni destinati al patrimonio immobiliare pubblico: ne avremmo di scuole ed altri edifici pubblici da riqualificare..... ma Sacile non c'è.
7 dicembre 2012: non ci siamo nell'elenco dei 55 soggetti che hanno ricevuto 6 milioni per le strutture pubbliche e private della prima infanzia.
16 dicembre 2012: con gli emendamenti alla finanziaria del 2013 al Comune di Porcia vanno 900.000 Euro per il nuovo Polo Scolastico; a Prata 300.000 per la nuova scuola elementare; a San Quirino 300.000 per la Casa degli Anziani. Sacile aspetta minimo da dieci anni due scuole elementari e il centro diurno per anziani non autosufficienti.
Il 5 aprile 2013 appare l'elenco dei contributi per i quali, come afferma l'Ass. De Anna, si è tenuto conto nei criteri della loro "valenza internazionale". Si tratta di 434.000 Euro per eventi sportivi rilevanti. Troviamo Comuni piccoli come Majano, Sequals, Caneva. Ma non troviamo Sacile.
Nella graduatoria per i fondi PISUS, pubblicata il 10 aprile 2013, per un totale di quasi 19 milioni di Euro,  Sacile è penultima, prima di Muggia. Data la posizione non arriverà nemmeno un Euro.
E in quella pubblicata il giorno dopo per 400.000 Euro destinati ai "centri commerciali naturali", cioè semplicemente alla rivitalizzazione del piccolo negozio o piccola bottega artigianale in centro, della nostra provincia compaiono San Vito e Spilimbergo, ma Sacile NO.

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Novembre 2017 19:08
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» No NEMO??? ahi ahi ahi

Sempre in tema di NON adesione: non mi pare ad oggi di aver sentito annunciare che Sacile ha aderito al e che è stato varato nel giugno del 2017 dalla regione FVG.Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e mira allo sviluppo...