Sacile Partecipata e Sostenibile

L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio??? PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Settembre 2018 20:23

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???

A cosa mi riferisco? Beh, mi riferisco ancora una volta a qualcosa che un amministratore sensibile, idealista e lungimirante, che davvero ha a cuore la salute dei suoi cittadini e del suo territorio, avrebbe dovuto fare IMMEDIATAMENTE.
Cioè?
Cioè provvedere all'immediata revisione del regolamento edilizio di Sacile per ottemperare al DECRETO LEGISLATIVO del  16 dicembre 2016, n. 257.
Cioè?
Cioè
fare quello che ormai in Europa è quotidianità ma continua a rimanere sulla carta in Italia.

Il tema è quello del recepimento della direttiva europea 2014/94/UE che stabilisce i requisiti minimi per la costruzione di infrastrutture per i combustibili alternativi, inclusi i punti di ricarica per i veicoli elettrici. Lo scopo della Direttiva europea è quello di accelerare la diffusione di veicoli sostenibili per incidere sulla diminuzione dell’inquinamento da traffico nelle città.
L'attuazione della Direttiva in Italia è avvenuto con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Dlgs 257/2016.

Ma, purtroppo, tutto finisce qui.

Perchè il nostro paese non ha gli amministratori dei paesi scandinavi o tedeschi o mitteleuropei. Ha amministrazioni come quella di Sacile, alla quale con un articolo del 3 gennaio 2018 già avevo chiesto se avesse provveduto ad inserire quanto dovuto nel regolamento edilizio.

Diciamo che anche a livello nazionale c'è un pò di differenza, dal momento che la buona politica ambientale ha saputo nel frattempo coinvolgere su grande scala il Gotha dell'industria automobilistica, addirittura con eventi come questo al Red Bull Ring.
Che dire....

Torniamo a noi:
Il 3 gennaio 2018 era esattamente DUE giorni dopo il 1° gennaio 2018, giorno dal quale i Comuni avrebbero dovuto adeguare i loro regolamenti edilizi in modo tale che, a partire da questa data, il conseguimento del titolo abilitativo per i nuovi edifici risulti vincolato alla predisposizione di punti di ricarica per veicoli elettrici. Lo stesso vale anche per gli edifici oggetto di ristrutturazione.

In modifica all’art. 4 del Testo unico dell’edilizia (dpr 380/2001) si stabilisce che: “entro il 31 dicembre 2017, i Comuni adeguino il regolamento edilizio prevedendo che ai fini del conseguimento del titolo abilitativo edilizio sia obbligatoriamente prevista la predisposizione all’allaccio per la possibile installazione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli”.

Gli immobili soggetti all’obbligo di installazione di infrastrutture di ricarica delle auto elettriche, per il conseguimento del titolo abitativo edilizio, sono:
-  edifici di nuova costruzione ad uso diverso da quello residenziale aventi una superficie utile superiore a 500 m2 e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia di primo livello;
-  edifici di nuova costruzione a scopo residenziale con almeno 10 unità abitative e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia di primo livello.

La infrastrutture dovranno permettere alle utenze la connessione di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box per auto, siano essi pertinenziali o meno, per un numero di spazi non inferiore al 20% di quelli totali.

Bene, allora, A CHE PUNTO SIAMO???

E, visto che siamo in tema, che ne è del PAES???

Ultimo aggiornamento Domenica 09 Settembre 2018 20:05
 
Articoli correlati :

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» No NEMO??? ahi ahi ahi

Sempre in tema di NON adesione: non mi pare ad oggi di aver sentito annunciare che Sacile ha aderito al e che è stato varato nel giugno del 2017 dalla regione FVG.Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e mira allo sviluppo...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...