Sacile Partecipata e Sostenibile

L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio??? PDF Stampa E-mail
Giovedì 06 Settembre 2018 20:23

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???

A cosa mi riferisco? Beh, mi riferisco ancora una volta a qualcosa che un amministratore sensibile, idealista e lungimirante, che davvero ha a cuore la salute dei suoi cittadini e del suo territorio, avrebbe dovuto fare IMMEDIATAMENTE.
Cioè?
Cioè provvedere all'immediata revisione del regolamento edilizio di Sacile per ottemperare al DECRETO LEGISLATIVO del  16 dicembre 2016, n. 257.
Cioè?
Cioè
fare quello che ormai in Europa è quotidianità ma continua a rimanere sulla carta in Italia.

Il tema è quello del recepimento della direttiva europea 2014/94/UE che stabilisce i requisiti minimi per la costruzione di infrastrutture per i combustibili alternativi, inclusi i punti di ricarica per i veicoli elettrici. Lo scopo della Direttiva europea è quello di accelerare la diffusione di veicoli sostenibili per incidere sulla diminuzione dell’inquinamento da traffico nelle città.
L'attuazione della Direttiva in Italia è avvenuto con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del Dlgs 257/2016.

Ma, purtroppo, tutto finisce qui.

Perchè il nostro paese non ha gli amministratori dei paesi scandinavi o tedeschi o mitteleuropei. Ha amministrazioni come quella di Sacile, alla quale con un articolo del 3 gennaio 2018 già avevo chiesto se avesse provveduto ad inserire quanto dovuto nel regolamento edilizio.

Diciamo che anche a livello nazionale c'è un pò di differenza, dal momento che la buona politica ambientale ha saputo nel frattempo coinvolgere su grande scala il Gotha dell'industria automobilistica, addirittura con eventi come questo al Red Bull Ring.
Che dire....

Torniamo a noi:
Il 3 gennaio 2018 era esattamente DUE giorni dopo il 1° gennaio 2018, giorno dal quale i Comuni avrebbero dovuto adeguare i loro regolamenti edilizi in modo tale che, a partire da questa data, il conseguimento del titolo abilitativo per i nuovi edifici risulti vincolato alla predisposizione di punti di ricarica per veicoli elettrici. Lo stesso vale anche per gli edifici oggetto di ristrutturazione.

In modifica all’art. 4 del Testo unico dell’edilizia (dpr 380/2001) si stabilisce che: “entro il 31 dicembre 2017, i Comuni adeguino il regolamento edilizio prevedendo che ai fini del conseguimento del titolo abilitativo edilizio sia obbligatoriamente prevista la predisposizione all’allaccio per la possibile installazione di infrastrutture elettriche per la ricarica dei veicoli”.

Gli immobili soggetti all’obbligo di installazione di infrastrutture di ricarica delle auto elettriche, per il conseguimento del titolo abitativo edilizio, sono:
-  edifici di nuova costruzione ad uso diverso da quello residenziale aventi una superficie utile superiore a 500 m2 e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia di primo livello;
-  edifici di nuova costruzione a scopo residenziale con almeno 10 unità abitative e per i relativi interventi di ristrutturazione edilizia di primo livello.

La infrastrutture dovranno permettere alle utenze la connessione di una vettura da ciascuno spazio a parcheggio coperto o scoperto e da ciascun box per auto, siano essi pertinenziali o meno, per un numero di spazi non inferiore al 20% di quelli totali.

Bene, allora, A CHE PUNTO SIAMO???

E, visto che siamo in tema, che ne è del PAES???

Ultimo aggiornamento Domenica 09 Settembre 2018 20:05
 
Articoli correlati :

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.Sottolineo ancora una volta che mettere...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, terza puntata

Eccoci finalmente alla terza puntata della risposta scritta del Sindaco di Sacile relativa al della stazione.Anche in questo caso il Coronavirus aveva bloccato la verifica di un  - chiamiamolo – dettaglio, che invece è di primaria importanza!...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, seconda puntata

Per la seconda puntata () riporto la fine della risposta del Sindaco di Sacile, perchè non ci vogliono lunghe considerazioni, rispetto a quanto verrà esposto invece nella terza puntata.Nell'ultimo capoverso si legge che "in ragione del fatto che...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, prima puntata

Come promesso, ecco la pubblicazione della risposta scritta da parte del Sindaco di Sacile, Carlo Spagnol, alla . Preciso subito che la risposta del Sindaco è arrivata pochi giorni dopo, ma prima la ricerca di una gentile mano esperta in disegno e...