Sacile Partecipata e Sostenibile

Lettera delle mamme per richiesta di incontro PDF Stampa E-mail
Venerdì 25 Gennaio 2013 18:10

Pubblichiamo di seguito la lettera di un gruppo di cittadine e mamme con l'obiettivo di trovare una soluzione al problema del traffico davanti al plesso scolastico "Vittorino da Feltre" in via Ettoreo:

Sacile, 21 gennaio 2013
Alla c.a.
del Sindaco della Città di Sacile, Roberto Ceraolo
degli Assessori all'Istruzione, Carlo Spagnol e all'Ambiente, Vannia Gava
del Comandante della Polizia Municipale, Stefano Antonel
del Dirigente Scolastico, dott. Claudio Morotti
del Dirigente dell'ASL – Distretto Ovest, dott. Antonio Gabrielli
del Presidente del Consiglio di Istituto, Alessandro Gasparotto

Oggetto: situazione di pericolo nella zona adiacente la sede scolastica di Via Ettoreo

Con la presente i sottoscritti informano le SS.V. che, in Via Ettoreo, presso i cancelli della Scuola Elementare Vittorino da Feltre, intorno alle 8 del mattino, l’inquinamento atmosferico causato dagli autoveicoli sale a livelli elevatissimi. Ci sono auto e scuolabus parcheggiati con il motore acceso, auto che entrano ed escono dal loro parcheggio, auto in moto incolonnate che scaricano i bambini...e ci sono decine di scolari che, in attesa di entrare nel cortile, respirano quotidianamente una notevole quantità di NO2 e PM10, emessa proprio all’altezza dei loro visini. Si assiste ad un selvaggio affollamento di autoveicoli che portano pericolo e veleno. La situazione si ripete anche nell’orario di fine lezioni, ogni giorno, per tutti i mesi dell’anno scolastico.

Il pericolo è inoltre evidente nell’indisciplinato andirivieni di auto e nelle loro manovre, così vicini ai pedoni: l’incolumità di bambini e genitori non è garantita in alcun modo. Ci sentiamo confortate nella nostra richiesta, dalla posizione che emerge anche da fonti autorevoli, come l’ACP (Associazione Culturale Pediatri). Infatti, in un recente comunicato stampa, l'ACP chiede che si rendano sicure le aree intorno alle scuole, vietando la circolazione ed i parcheggi e diffondendo consapevolezza, insieme a soluzioni alternative, per i genitori e chiunque accompagni gli studenti. Denuncia che gli incidenti d’auto sono la prima causa di morte dei minori fino a 14 anni. Rimprovera duramente le manovre azzardate, i genitori trafelati che cercano parcheggi improbabili, le auto che fanno uno zig zag scomposto tra bambini e adulti.
Il veleno è l’inquinamento atmosferico derivante dal traffico veicolare, noto fattore di rischio per la salute. Si contano e distinguono, infatti, sia effetti di tipo acuto (che si manifestano entro pochi giorni dall'esposizione) sia effetti di lungo termine (che si manifestano in seguito all'esposizione cumulata negli anni). Tutta la letteratura medico-scientifica sull’argomento sottolinea, in particolare, la dannosità per i bambini e raccomanda, per questi, particolari precauzioni e tutela. L’età evolutiva è più esposta agli inquinanti atmosferici per diversi motivi: l’apparato respiratorio dei più piccoli è vulnerabile perché in via di sviluppo; perché vi è inalazione di maggiore volume d’aria rispetto all’adulto, in rapporto al peso corporeo (con relativa maggiore inalazione di agenti inquinanti); per l’immaturità metabolica e immunologica; per l’elevata frequenza di infezioni respiratorie; per la scarsa consapevolezza del rischio. E’ dimostrato e noto  l’effetto irritante degli inquinanti sulle vie respiratorie e la possibilità di indurre alterazioni nel sistema immunitario, favorendo il manifestarsi di patologie cardiovascolari e respiratorie croniche, di alterata funzionalità della tiroide, di tumori. Sui bambini, in particolare, si registra un aumento della mortalità da infezioni acute delle basse vie respiratorie, un aumento delle allergie, un aumento dell’incidenza e delle ricadute dell’asma, un aumento dei casi di basso peso alla nascita, di malformazioni, di morti bianche. E’, infine, documentato il legame causa-effetto tra inquinamento dell’aria e decessi (i numeri vanno da 35.000 a 50.000 all’anno, in Italia) e accorciamento della vita (da 8 a 9 mesi a persona).  
A Sacile, i dati sull’inquinamento sono preoccupanti: nel dicembre 2012, 14 giorni su 31, il PM10 ha superato pesantemente il limite di 50µg/m3 (valore attualmente in corso di revisione per essere portato a diminuzione); se consideriamo la soglia OMS di 20µg/m3 , siamo stati oltre il limite 28 giorni su 31 (come dire … costantemente). In questa situazione generale di pericolo, abbiamo il dovere di intervenire subito ed efficacemente a tutela dei bambini, riducendone l’esposizione individuale e garantendo loro il giusto beneficio per la salute.
A tal fine, chiediamo alle SS.V. un incontro urgente per valutare possibili soluzioni al problema in oggetto.
Certi dell'accoglimento della richiesta, porgiamo cordiali saluti

Cinzia Bortolussi
Barbara Bortolussi
Erica Feltrin
Monica Piccinato
Michele Bernard, Presidente del Circolo “F.Grizzo” di Legambiente di Pordenone
Rossana Casadio, portavoce della Lista Civica “Sacile Partecipata e Sostenibile”

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Gennaio 2013 20:44
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...