Sacile Partecipata e Sostenibile

Lettera sulla preoccupante situazione dei servizi dell'ASS6 PDF Stampa E-mail
Lunedì 27 Maggio 2013 17:09

Pubblichiamo con grande preoccupazione e con lo scopo di ampliare il raggio di informazione alla cittadinanza dell'intero Ambito6, la seguente lettera, inviata dalle Rappresentanze Sindacali firmatarie a tutti i Consiglieri dei Comuni interessati:

Ai Consiglieri Comunali della provincia di Pordenone                                                                  24/05/2013
L’ASS6, su delega dei comuni della provincia di Pordenone, gestisce in forma diretta e indiretta (appalto/convenzione con cooperative) un ventaglio di servizi rivolti alle persone con disabilità, offerta riconducibile a due tipologie: residenziali (sulle 24 ore) e semiresidenziali (diurni). Tali servizi hanno subito, negli ultimi anni:
- forti riduzioni di personale (ben oltre quanto previsto da blocco delle assunzioni e spending review),
- processi di privatizzazione/esternalizzazione (tra i servizi a gestione diretta nel 2012 è stato chiuso il Centro operante nel territorio del Sanvitese)
- contemporanea riduzione dei finanziamenti (anche ad alcuni servizi convenzionati)
- aumento dei costi a carico delle famiglie (compartecipazione).
Per come l’ASS6 lo traduce, l’atto di delega firmato a fine 2012 dalla conferenza dei sindaci confermerebbe e rinforzerebbe tale processo riorganizzativo dei Servizi per il triennio 2013/2015.
Entro la fine del 2013 è programmata la privatizzazione del Centro Diurno di Sacile; sorte simile sembra prevedibile per altre strutture sottoposte al processo di riorganizzazione.

Va ricordato che già ora oltre il 60% del bilancio dei Servizi in Delega viene destinato alle esternalizzazioni. Per contro, il ridimensionamento si concentra prevalentemente sulla residua parte a gestione diretta.
Riteniamo doveroso sottolineare che tali azioni non comportano riduzione dei costi. L’esperienza ormai conferma che la privatizzazione di servizi pubblici produce spesso effetti opposti, mentre evidente è il rischio di progressivo disimpegno della parte pubblica attraverso il meccanismo della delega a terze parti (cooperative, associazioni e, in ultimo, assistenti e collaboratori familiari) con conseguente riduzione degli standard qualitativi e maggiori difficoltà di monitoraggio dei servizi erogati. Ne consegue la graduale trasformazione di quello che è oggi un diritto ai servizi e alle pari opportunità per le persone disabili in una facoltà, con ovvie ricadute negative per le famiglie, particolarmente per quelle in maggiori difficoltà economiche.
Nell’atto di delega si propone una differenziazione dei servizi che vorrebbe configurarsi come moltiplicazione dell’offerta da attuarsi a saldi invariati, anzi, a fronte di una riduzione delle risorse investite. I tagli però non possono che pesare inesorabilmente sulla qualità e sulla quantità delle prestazioni che vengono offerte.
Conoscendo le attività svolte e che si vorrebbero attivare, come pure l’impegno ed il senso di responsabilità presente negli operatori pubblici e privati attualmente coinvolti, riteniamo non sussistano margini per una effettiva realizzazione nei termini prospettati… a meno che non si avvii un percorso di distruzione delle condizioni di lavoro...
Altresì temiamo che la riorganizzazione, così come ventilata, si riveli un processo di dispersione e frammentazione dei servizi, che non può che prefigurare un peggioramento della loro qualità complessiva, con importanti conseguenze in particolare nelle persone disabili con più gravi difficoltà e con minore autonomia.
Per quanto detto, ribadiamo l’importanza di un servizio garantito a tutti, pubblico e di qualità e consideriamo ineludibile un confronto concreto e trasparente con l’ASS 6 e i Comuni responsabili dei relativi servizi sociali dedicati alle persone disabili, un confronto finalizzato a rispondere alla reale esigenza di un rilancio della qualità dei servizi offerti e contestualmente ad affrontare la questione del personale, includendovi quella della sua professionalità.
Per tutte le ragioni esposte si ritiene inoltre analogamente imprescindibile un rifinanziamento dello specifico capitolo di bilancio regionale.

p. le OO.SS. FP CGIL - USB P.I.                              p. la RSU
L. Munno - F. De Rosa                        G. Piccinin - S. Truccolo - A. Buligan

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Maggio 2013 17:45
 
Articoli correlati :

» Il recupero del vecchio edificio militare

E così questa città si è liberata da una servitù militare, si appresta a vedere il recupero di un grande edificio storico, compreso il parco intorno, e a guadagnare 120 posti di RSA.      E' Sacile questa città?

» le nostre segnalazioni per il PAES

Premesso che in questi anni non abbiamo messo alcun bel cappottino a nessun edificio pubblico e che l'illuminazione a LED ormai sta spopolando (e non sempre senza problemi), abbiamo comunque cercato di dare un piccolo contributo alla riduzione delle...

» Patto dei Sindaci e PEDIBUS

Come vi abbiamo già detto, ogni cittadino può dare il suo contributo per suggerimenti utili al raggiungimento dell'obiettivo contenuto nel Patto dei Sindaci, cioè della riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020  e del 20% di energie...

» appello dei 30 Sindaci contro il ddl regionale

Pubblichiamo di seguito il testo dell'APPELLO firmato da 30 Sindaci contro il disegno di legge regionale che accorpa servizio idrico e gestione rifiuti. Da anni presente al tavolo permanente per l'acqua, coordinato dal CEVI, SPS è contraria a...

» immancabile conferma di altra perplessità di SPS

Fine della convenzione per la gestione associata del servizio di Polizia Municipale dei Comuni di Sacile e di Caneva.Ma come?!Non doveva portare al nostro Comune più copertura ed efficacia di servizio e più economicità?!Ma come?!Non eravamo stati...

» Zona 30: beneficio 3

Beneficio 1: minor spazio di frenata e di arrestoBeneficio 2: cono visivo allargatoTerzo - e ovviamente non ultimo beneficio del 30 all'ora - questa volta è il restringimento della carreggiata per le auto in favore dell'ampliamento della sede...

» Zona 30: beneficio 2

Dopo avervi esposto il primo beneficio di una città a 30km/h (spazio di frenata e di arresto) vi proponiamo il secondo:Il secondo beneficio è ugualmente innegabile perchè attestato da prova concreta (può verificarlo ognuno di noi!). Si tratta...

» 3.700 generosi utenti di Sacile han regalato anni di quota di depurazione!

Si è svolta domenica 1 febbraio l'assemblea per avviare la raccolta di quanti ora volessero proseguire sulla via legale del rimborso della quota di depurazione e fronte di un servizio non ricevuto. Dopo la sentenza (solo un primo passo) emessa di...

» dopo 5 anni...GIUSTIZIA è fatta

Il Giudice di Pace di PN, dott. Francesco Iervolino, il 29/12/2014 emana Sentenza che dà ragione alla causa della in caso di servizio non concretamento reso!!!L'utente si vedrà risarcito di 907,96 Euro più interessi; la società dovrà anche...

» il comitato ha visitato l'Ospedale

Il 4 novembre le si sono ritrovate alle 8.30 per effettuare, come annunciato, un sopralluogo alla struttura: un gruppo di circa 13 persone a vario titolo interessate a che la struttura ospedaliera mantenga il suo status e non venga ulteriormente...