Sacile Partecipata e Sostenibile

Nasce a Capannori la rete "Comunità Rifiuti Zero" PDF Stampa E-mail
Sabato 13 Ottobre 2012 16:58

Nasce oggi, 13 ottobre 2012, a Capannori, l’associazione delle comunità che guardano al futuro e contrastano lo spreco di materia in discariche ed inceneritori: la “Comunità Rifiuti Zero” a cui hanno aderito 107 Comuni italiani. Oltre al Sindaco di Capannori, Giorgio Del Ghingaro, e all’assessore all’ambiente del comune di Capannori, Alessio Ciacci, il professore americano Paul Connett che ha relazionato sulla storia della "Zero Waste" in America e in Europa.
Il percorso Rifiuti Zero in Italia è nato nel 2007 a Capannori. La nascita dell’associazione nazionale delle ‘Comunità rifiuti zero’ è un risultato straordinario, perché può realmente incidere sul cambiamento culturale in ambito ambientale e particolarmente nel campo dei rifiuti a livello nazionale.
“Oggi abbiamo scritto una pagina importante della storia del movimento Rifiuti Zero a livello nazionale ed internazione - afferma l’Assessore all’Ambiente Alessio Ciacci - In un anno abbiamo raddoppiato i comuni aderenti ed ogni giorno stiamo crescendo sia per quantità di enti ma anche in qualità del lavoro intrapreso e condiviso. Stiamo dimostrando che un’alternativa a discariche ed inceneritori esiste, ha vantaggi sociali, ambientali, economici ed occupazionali. Questa rivoluzione coinvolge ormai milioni di cittadini e promuove a livello regionale e nazionale una politica di vera sostenibilità. Siamo entusiasti che Capannori rappresenti sempre più un luogo di incontro, confronto e di riferimento per quanti in tutta Italia stanno inseguendo questo obiettivo. La strada da fare è ancora lunga ma i numeri ci dimostrano l’ottimismo della ragione e la bellezza di costruire una politica che guarda al futuro con la partecipazione attiva di tutti.”

Capannori è oltre l'80% nella raccolta differenziata, al tempo stesso ha ridotto la percentuale di rifiuti del 35%, sta introducendo in questi giorni la TIA puntuale e vuole creare centri per la riparazione e il riuso degli oggetti. La visione è quella di “Zero Waste Europe”, arrivare al riciclo totale, un percorso che sta raccogliendo sempre maggior interesse anche a livello nazionale. Ad oggi sono oltre 100 i Comuni italiani, che hanno aderito alla strategia “Rifiuti Zero”.

La Commissione Europea indica la gestione e il riciclaggio dei rifiuti come uno dei settori in forte crescita e fonte di occupazione e danaro: Nel 2008  questa visione virtuosa aveva già creato due milioni di posti di lavoro in tutta Europa e un fatturato annuo di quasi 150 miliardi. In molti parti d’Europa dunque il business ecologico è già a pieno ritmo, solo in Italia si stenta ancora a comprenderlo. La Commissione Europea lo dice chiaro e tondo: basta discariche, la soluzione passa per un’altra strada che non solo è ecologicamente molto più sana, ma porta occupazione e onesto guadagno.
Non è difficile trovare esempi molto concreti in Europa: in Brandenburgo, un Land della Germania, tra il 1990 e il 2002 si è provveduto a chiudere ben 1.375 siti discarica, mentre delle 100 principali nel 2009 ne sono rimaste appena 5. Contemporaneamente venivano creati 15 impianti di trattamento e riciclaggio che significavano 1.800 posti di lavoro immediati e un fatturato complessivo di 100 milioni l'anno.

La nuova associazione intende operare nel campo dell’assistenza, della formazione della promozione e della valorizzazione della cultura della strategia Rifiuti Zero, così come definita nella Carta internazionale di Napoli, dare  assistenza alle amministrazioni comunali che vi hanno aderito per affrontare la questione del ciclo dei rifiuti, promuovere  campagne di sensibilizzazione e informazione sulle buone pratiche nell’ambito dei rifiuti e creare una rete per lo scambio di informazioni tra Pubbliche Amministrazioni e soggetti privati. Infine, ma non certo per ultimo, dare un contributo fattivo alla formazione culturale di comunità che vedono nel bene comune ambiente il punto di riferimento principale per contribuire ad innalzare la qualità della vita di tutti.

Ambiente Servizi, la Multiservice che gestisce la raccolta anche nel nostro Comune, ha appena ricevuto il "Ceep-Csr Label", un marchio di qualità europeo. La percentuale di differenziata raggiunta dai Comuni aderenti è del 79%. Sarebbe auspicabile allora che anche Sacile aderisse ufficialmente alla rete "Comunità Rifiuti Zero", magari provando a calcolare anche la "riduzione", che spesso dimentichiamo debba precedere la differenziazione e il riciclaggio!
L’elenco dei comuni aderenti è pubblicato in: www.rifiutizerocapannori.it

Ultimo aggiornamento Venerdì 21 Dicembre 2012 20:57
 
Articoli correlati :

» Case di luce ... e di speranza!

CASE DI LUCE è il nome del complesso condominiale di ben 61 appartamenti del progetto di rigenerazione urbana sostenibile ed architettura zero energy nel Comune di Bisceglie.Finito nell'ottobre 2016 si tratta del  complesso abitativo in canapa e...

» ancora un passo avanti in via ponte Schiavoi

Anche Sistema Ambiente ci ha messo personalmente al corrente di quanto nel giro di poche settimane verrà fatto relativamente allo scarico segnalato da SPS. Oltre alla solerte riposta inviata alla Prefettura (che poi l'Ufficio ci ha girato), Sistema...

» appello dei 30 Sindaci contro il ddl regionale

Pubblichiamo di seguito il testo dell'APPELLO firmato da 30 Sindaci contro il disegno di legge regionale che accorpa servizio idrico e gestione rifiuti. Da anni presente al tavolo permanente per l'acqua, coordinato dal CEVI, SPS è contraria a...

» Dire che il piano aria dei 10 comuni è comico sarebbe un complimento

Definirlo "comico" si potrebbe se non si trattasse di una tale gravità. Gli amministratori dei 10 Comuni presenti del pordenonese hanno fatto una sola cosa nuova: mettersi insieme.Primo provvedimento che andava fatto già anni fa. Primo aspetto...

» triste ritornello: il Comune di Sacile sempre ...fuori

Fuori dai primi posti entro i quali ricevere il finanziamento , fuori dai fondi PISUS, fuori dal (assegnazione solo a fine 2015, vedremo ora quanto tempo passerà per la concretizzazione!) e ora fuori dal primo finanziamento per i progetti di...

» quando i Ministeri la dicono tutta

Già. Quando i Ministeri (ovviamente ricoperti da persone responsabili e competenti) la dicono tutta sul perchè la qualità di vita in una certa Nazione è quella che è.Andiamo : andiamo per questo articolo in ... SVEZIA.In Svezia dove dal 2015...

» Complimenti a ... al comune di Azzano Decimo

Avevamo colto giusto con il nostro articolo precedente: il è andato ben oltre le solite belle parole e si è rivelato molto concreto e può essere davvero considerato con il termine di "buona pratica".Complimenti, perchè Azzano Decimo ha...

» il più grande distributore elettrico

Oltre ai parcheggi muniti di colonnina di ricarica elettrica, contrassegnati in verde e posizionati in città, nei centri commerciali e nelle nuove aree industriali, è stata da poco inaugurata a Villach la più grande stazione di distribuzione di...

» comunicato comitato per l'ospedale di Gemona

Comunicato stampa del Coordinamento dei Comitati a difesa del "San Michele" di Gemona:"Per la prima volta la Giunta regionale è assente alla Messa del Tallero: sdegno dei comitati. La storica via Bini imbandierata di striscioni a difesa...

» inadempienti?! il Comune NO, LSM e AMBIENTE SERVIZI SI

L'Agenda digitale italiana per l'Europa 2020 (AgID) supporta la Pubblica Amministrazione occupandosi del coordinamento delle azioni per l'innovazione tecnologica informatica perseguendo gli obiettivi in coerenza con l’Agenda digitale europea. La...