Sacile Partecipata e Sostenibile

nella "scheda" per l'Ospedale di Sacile appare una novità: il POINT OF CARE...cosa vuol dire? PDF Stampa E-mail
Martedì 25 Novembre 2014 21:00

Nella scheda che elenca i servizi previsti dalla Riforma per l'Ospedale di Sacile troviamo unitamente alla riconversione del Pronto Soccorso in “punto di primo intervento” (la cui definizione avevamo già riportato in altro articolo) il cosiddetto “point of care”.
Cosa significa, al di là della solita promettente definizione straniera?

SPS se lo è infatti chiesto e ha ricercato pazientemente nella letteratura specifica così come di seguito riassume per i lettori di questo articolo:

Con il termine Point of Care si indica la modalità con la quale si possono eseguire test analitici al di fuori delle strutture del Laboratorio clinico di riferimento. Test analitici immediati che non necessariamente richiedono spazi strutturati permanenti e che possono consistere in kit e strumentazione trasportabile manualmente nel modo più comodo e a più immediata disposizione del paziente. Si tratta spesso dell'utilizzo di strumenti trasportabili, portatili e palmari (ad esempio, il glucometro nel sangue) e kit test (ad esempio, PCR, HbA1c, omocisteina, test HIV salivare ed altri).

Infatti un test al point-of-care (POCT) è definito come un'analisi medica svolta in prossimità del sito di cura ed assistenza del paziente e vorrebbe aumentare la probabilità che il paziente, il medico, ed il team assistenziale pervenga più celermente ai risultati. Di conseguenza anche le decisioni diagnostiche e terapeutiche e le ulteriori analisi da effettuare potrebbero avere una maggiore immediatezza.
I Point of Care si distinguono in: POCT di “emergenza”, che immaginiamo sia quanto previsto per Sacile, POCT da “ricovero” e POCT da “self testing”, che sono le strumentazioni ad uso diretto del paziente.

I Point of Care dovrebbe avere le seguenti caratteristiche:

1. fornire risultati in tempo reale, cioè entro 10 min.;
2. disporre di una strumentazione di facile uso;
3. richiedere un minimo volume di sangue;
4. garantire precisione e accuratezza;
5. garantire archiviazione e tracciabilità dei dati, il che significa che tutti gli esami eseguiti devono essere controllati on line dal Servizio di Laboratorio che li valida, li archivia e li ritrasmette al punto di partenza;
6. prevedere infine l'istituzione di una Commissione POCT Interdisciplinare, costituita, di norma, da: Direttore sanitario (o suo delegato), Direttore del Laboratorio Analisi, Resp. del Servizio infermieristico, Coordinatore dei Tecnici del Laboratorio. Partecipa, inoltre, d’ufficio il Responsabile della Struttura organizzativa/Reparto interessato alla installazione del sistema o suo delegato.

Tutto potrebbe suonar bene se ….. se, a detta degli esperti, come si rileva da numerosi interventi in convegni sul tema, il Point of Care non soffrisse di “essere una procedura giovane e poche sono ancora le informazioni sul suo uso ottimale”, tanto da esser definito dagli stessi esperti un “Far West”.
La cosa ancora una volta non ci pare dunque molto rassicurante a parte l'elegante definizione.

Continuando nella ricerca si trovano ben elencati i rischi. Leggete un po' in cosa consistono:

Incremento di costi, ad es. per il pericolo della duplicazione delle apparecchiature;
Impiego di personale non sufficientemente formato e/o aumento degli operatori coinvolti;
Incerta registrazione dei risultati;
Inadeguata supervisione;
Mancanza di governance e di accreditamento del sistema;
Assenza di schemi di controllo qualità;
Inappropriata interpretazione dei risultati.

In conclusione, il principale svantaggio di un Point of Care è rappresentato da una sostanziale incompatibilità con i risultati del laboratorio centralizzato. Inoltre si debbono tenere presenti altri possibili problemi, in genere determinati da una cattiva progettazione del POCT. Per cui potrebbe anche verificarsi l'effetto contrario, cioè di una lievitazione dei costi causata da un aumento di analisi inappropriate o non necessarie "generate" proprio dalla presenza del POCT. In particolare, devono essere definiti i modelli organizzativi per l’operatività prevista, anche con riferimento alla coerenza dei sistemi diagnostici con gli obiettivi clinici, la formalizzazione delle procedure operative e dei processi relativi, i piani di formazione del personale interessato, il controllo interno e la valutazione esterna della qualità.

!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Vi basta???

Pare dunque motivata la domanda: se la Riforma mira all'efficacia, all'efficienza e al contempo al risparmio, l'istituzione di un Point of Care all'interno del punto di primo intervento, in sostituzione del Pronto Soccorso di Sacile, rappresenterà in questo senso una garanzia?

Ultimo aggiornamento Domenica 21 Dicembre 2014 17:57
 
Articoli correlati :

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» Sempre meglio un uovo oggi che ...

Decisamente sempre meglio un uovo oggi che una gallina domani.In seguito alla segnalazione sulla stampa locale, secondo la quale succede che alle sbarre di viale Lacchin la gente attenda sotto il sole a volte anche mezz'ora prima di poter passare,...

» Capriole, salti mortali e tripli avvitamenti della Lega sacilese

Una cosa è certa: seguendo il solco del solito vecchio modo di far politica - criticato ma poi sempre premiato dagli elettori - la Lega sacilese non disdegna nemmeno la triste strategia di mettere uno contro l'altro i cittadini dello stesso...