Sacile Partecipata e Sostenibile

non ci resta che la solidarietà, se ancora riusciamo a dirlo PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Ottobre 2013 18:17

Non è facile trovare parole per quello che sta succedendo e probabilmente riusciamo tutti solo molto lontanamente a immaginare come si sentono, come si guardano, di cosa parlano, come pensano ai loro figli, i lavoratori, magari coppie, che lavorano alla Electrolux.
Torna ad un tratto in mente quando negli anni ‘70 dalle Magistrali e dall'IPSIA gli studenti marinavano e andavano in autostop a PN per partecipare ai cortei degli operai della Zanussi. E ci si sentiva coraggiosi a 17 anni a sfilare in mezzo ai celerini con la visiera abbassata. E si era ben consapevoli che dovevamo essere tutti uniti.
Ma erano lotte che riguardavano un problema ben preciso, una lotta tra operai e azienda in loco.
Nulla rispetto ad oggi. Una lotta impari, tra due soggetti sconosciuti uno agli altri. Operai e Multinazionale. Una lotta infinitamente più impari. Un destinatario infinitamente meno riconoscibile. Una rivendicazione che chiede disperatamente risposte a tortuose logiche economiche. Una volta protestavi contro un "padrone" in carne ed ossa, che magari ti guardava sfilare dalla vetrata del suo ufficio. Ora non sai CHI è. Chi sono i vari menbri di un Consiglio di Amministrazione che ogni tanto si riuniscono in sede o via teleconferenza, ma che per il resto vivono sparpagliati nel mondo? Che ne sanno loro di come è fatta Porcia e della gente che ci vive?

Abbiamo celebrato l'inglobazione nelle varie multinazionali come l'entrata in un "colosso". Invece era l'annessione operata da una dittatura.
Se davvero, come dicono tutti i docenti universitari, i politici, gli amministratori, gli esperti intervistati, sono mancate le “politiche nazionali”, "il territorio non ha saputo innovarsi", "le medie imprese che han saputo investire in ricerca vanno meglio", mi chiedo: dove erano finora questi saggi di oggi? Le attuali dichiarazioni sono delle semplici "constatazioni" che qualsiasi cittadino sta facendo da sè. Non dovevano i docenti universitari formare manger di qualità? E i politici, gli amministratori, i vari altri esperti, non ne hanno mai parlato ai loro riferimenti nazionali? Non sapevano chi erano i loro Ministri, sottosegretari, parlamentari, membri di commissione?
Pensavamo che la crisi e la chiusura delle prime aziende (ad es. i mobilifici intorno a noi) che come SPS avevamo seguito (v. caso Abbarredi, poi quello della Mercury, seguito poco dopo da Della Valentina) fossero un evento terribile. Poi son arrivate a cascata le chiusure una dopo l’altra. Poi non credevamo che potesse toccare anche un’azienda come la Ideal Standard. Ora l’Electrolux.
Come immaginare lo scenario che avremo in primavera nella nostra provincia?
Non si può pensare che non coinvolgerà non solo il territorio provinciale tutto, ma anche chi ha altro impiego. Chi non avrà un vicino che non saprà come pagare l’affitto o il mutuo? Che non può pagare le bollette? Che non potrà mandare i figli dal dentista? Che non potrà mandarli in viaggio di istruzione?
Davvero mancano le parole. A noi piace fare ricerca, citare dati, confrontare, segnalare buone pratiche. Cosa ricerchiamo, citiamo, confrontiamo, segnaliamo in questo caso?
Il nulla. La sensazione è che, come in “La storia infinita” il vero male sia il nulla che sta per inghiottirci.

Non ce la sentiamo di definire questa semplice riflessione una "posizione politica". Pare tutto troppo poco, troppo semplicemente rituale, nemmeno tanto dignitoso. Un debole gesto di vicinanza. Una sentita ma certamente non risolutiva dichiarazione di solidarietà.

 

in aggiunta scrive Emilio:
Non voglio buttarla in politica ma è il capitalismo ragazzi! Forse pensavate che questa teoria economica, che ormai anche a destra molti mettono in dubbio, portasse benessere per tutti e fosse una panacea per l'umanità intera?! Quando i tanto criminalizzati no.global mettevano in guardia sul pericolo delle multinazionali ed del loro enorme potere finanziario ed aggiungo corruttivo, quando affermavano che non è democratico che la ricchezza del mondo fosse in mano a poche migliaia di persone e questo rappresentava un pericolo per la democrazia, pochi si sono stracciati le vesti....è il mercato che regola tutto, dicevano i post Thatcheriani....In ogni caso se posso fare una modesta proposta penso che l'unica speranza, (se mai è fattibile) , è riconvertire la produzione della Electrolux verso tecnologie verdi e la produzione di componenti per l'energia rinnovabile, i materiali ecocompatibili, come ad esempio le turbine eoliche che già sono state prodotte ed installate in Danimarca, e che forse una azienda come Electrolux è in grado di realizzare dal punto di vista tecnologico. Bisogna vedere se c'è la volontà da parte dell'azienda di produrre queste tecnologie e soprattutto di produrle in Italia.....invece di andare in altri paesi dove è più conveniente per la multinazionale svedese....Siccome in Italia manca del tutto una politica industriale da parecchio tempo ed i nostri politici (la maggioranza ovviamente) pensano a tutto fuorchè alle cose veramente importanti, la vedo dura!

 

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Ottobre 2013 20:14
 
Articoli correlati :

» La sede della PM di Sacile SLITTA e LIEVITA...

Quando i cittadini chiedono pochi spiccioli per questo o per quello si sentono rispondere al 90% delle volte che non ci son soldi. Ora, questa risposta oggi nel nostro Paese è purtroppo vera. Dal momento però che si tratta di denaro pubblico, di...

» ancora un passo avanti in via ponte Schiavoi

Anche Sistema Ambiente ci ha messo personalmente al corrente di quanto nel giro di poche settimane verrà fatto relativamente allo scarico segnalato da SPS. Oltre alla solerte riposta inviata alla Prefettura (che poi l'Ufficio ci ha girato), Sistema...

» Esposto al Prefetto per via ponte Schiavoi

Esposto al Prefetto da parte di SPS su segnalazione di un residente di Schiavoi che da due anni chiede inutilmente all'amministrazione comunale di intervenire per le sotto elencate questioni:Sacile, 04/02/2016Oggetto: Ripetute segnalazione relative...

» ennesima segnalazione di SPS andata a buon fine per la cittadinanza

Ormai abbiam capito di non doverci aspettare che il nostro lavoro si traduca in voti, ma non importa, il nostro dovere lo facciamo lo stesso: è stata infatti confermata ancora una volta una segnalazione di SPS della quale NESSUNO in Municipio...

» al via il bando regionale per la realizzazione delle "Zone30"

Sul profilo Facebook dell'Ass. regionale Santoro è apparso sabato 28 febbraio il seguente post:"Ieri abbiamo approvato in Giunta Regionale un bando per l'erogazione di contributi ai Comuni, per la realizzazione nei centri urbani di Zone 30, dove il...

» "abitare sociale" a Porcia: quale quota per Sacile?

Dal momento che entro la primavera a Porcia verranno consegnati 5 alloggi destinati al cosiddetto "abitare sociale", in parte finanziati anche da Sacile, sarebbe utile a) che la nostra Ammnistrazione provveda ad informare e b) che, in vista...

» le casse di espansione a Prà dei Gai si faranno

L'intervento previsto a non può ormai essere bloccato. Ha da poco superato l'esame della VIA, la Valutazione di Impatto Ambientale, e partirà nel 2016. Così ci ha comunicato il consigliere regionale veneto del PD, Alessio Alessandrini, nella...

» mercoledì 21, per chi davvero vuol decidere come il nostro Comune dovrebbe distribuire le risorse finanziarie...

Mercoledì 21, ore 20.45, ex San Gregorio: serata sul significato, sugli strumenti e sul percorso del.Non annunci, ma presentazione concreta di come potrebbe anche a Sacile essere applicata questa forma di democrazia diretta. Una modalità che...

» I candidati di SPS

Ecco i nomi dei 18 candidati di Sacile Partecipata e Sostenibile Rossana Casadio (insegnante), Carlo Bosi, Daniela Giust (insegnante), Michele Maccorin (studente), Chiara Maltese (impiegata), Andrea Maman (educatore), Marta Modesti, Michele Negro...

» dillo alla Lega...

Dillo alla Lega e verrai ascoltato?!Pronti!(tutti paiono ora scoprire la "partecipazione - hi hi hi)SPS non si tira indietro: infatti “diciamo” al deputato Massimiliano Fedriga che il “posto all'asilo nido” la Lega sacilese lo aveva ben...