Sacile Partecipata e Sostenibile

Non intervenire su situazione pericolosa può essere "omissione"? PDF Stampa E-mail
Mercoledì 27 Gennaio 2016 14:48

Quanti incidenti devono ancora verificarsi perchè l'amministrazione sacilesa ammetta che la scelta di invertire il senso unico di via Bellini con l'uscita in viale Trieste è stato un provvedimento pessimo e potenzialmente pericoloso?
Si spera che non si attenda altro evento per rimediare alla situazione che sin da subito abbiamo ritenuto altamente rischiosa. Non vi è alcun motivo logico di aver reso a senso unico via Gardini per recuperare 7 miseri parcheggi, nè di aver invertito via Bellini, visto che pochi metri dopo, alla fine di v.le Zancanaro, si svolta a sinistra per immettersi in v.le Trieste (visto che ci siamo segnaliamo anche in questo caso la pericolosità data dalla ostruzione della visuale per le piante sull'isola spartitraffico!).
Non vi è alcun motivo, anzi, i risultati sono ad ora pessimi. L'unico motivo e l'impuntarsi sulla creazione del tanto amato "ring", una soluzione ormai vecchia e provatamente inefficace e pericolosa nelle città dove c'è da anni, vedi il ring disseminato di incidenti anche mortali a Pordenone.

Speriamo dunque che al più presto si valutino interventi stradali seri, competenti e proiettati davvero in un futuro di città vivibile e sicura.
Perchè altrimenti......
Altrimenti potrebbe iniziare a delinearsi uno scenario forse molto pesante in fatto di conseguenze legate a questa decisione.
Dopo questa sequenza di incidenti e il permanere dello stato di fatto potenzialmente pericoloso, ci poniamo infatti alcuni interrogativi: Dal momento che il Codice Penale considera punibile chi poteva intervenire per prevenire un evento, ma non lo ha fatto, come la mettiamo in questo caso? Potrebbero le persone coinvolte chiamare in causa l'amministrazione di Sacile?

La cosa non è da poco. Il nesso di causalità viene trattato e disciplinato dall'articolo 40 del codice penale: il comma 1 afferma che nei "reati di evento" nessuno può essere punito se l’evento non è conseguenza della sua azione o omissione. Ma se invece è conseguenza?
Il comma 2 rende poi ancor più chiaro e specifico il termine di "omissione" perchè recita testualmente "Non impedire un evento, che si ha l’obbligo giuridico di impedire, equivale a cagionarlo". Vi par solo un cavillo?
Certamente anche nella legislazione tutto è interpretabile dal Giudice, ma un pochettino pochettino in allarme, una frase tanto chiara, dovrebbe metterci. Ci pare porprio che la differenza sostanziale sia chiara: non è solo la previsione dell'evento, bensì la volizione, a differenziare il dolo eventuale dalla colpa cosciente. Perciò, aver verificato quasi subito che l'incrocio era fonte di incidenti, ma lasciar tutto allo stesso modo, non è una decisione ben conscia?
Se nei "reati omissivi d’evento" si può essere chiamati a rispondere dell’evento lesivo se e solo se si aveva un obbligo giuridico di intervenire per impedire l’evento, non ci trociamo di fronte ad una ammnistrazione comunale che ha, nella figura del Sindaco, l'obbligo di vigilare sulla salute dei suoi cittadini? Per cui è tenuto a compiere una specifica attività a protezione del loro diritto di incolumità?
Come una madre ha l’obbligo (sociale e morale, prima ancora che giuridico) di proteggere il proprio figlio da qualunque lesione possa capitargli, indipendentemente dalla fonte o dalla tipologia dell’evento lesivo, lo stesso non vale per la figura istituzionale di un Sindaco? Come un datore di lavoro è chiamato a rispondere delle lesioni subite dai lavoratori durante l’attività lavorativa, non riveste un Sindaco una "posizione di garanzia" se incombono su di lui i doveri di tutelare la salute dei suoi cittadini?

Insomma, se l’omittente riveste il ruolo di garante della salvaguardia del bene protetto e risponde anche dei risultati collegati al suo mancato attivarsi, non porsi il problema, non dimostrare di aver vagliato ipotesi sostituive migliorative e perseverare invece nel lasciare le cose come stanno, pur nella loro ripetuta dimostrazione di pericolosità (e speriamo non ci scappi qualcosa di più grave ancora...), non è una OMISSIONE MOLTO MOLTO BEN CONSCIA???

Ultimo aggiornamento Domenica 31 Gennaio 2016 18:28
 
Articoli correlati :

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» l'ass. Ceraolo risponde, ma ... non convince

Arriva la risposta dell'ass. ai Lavori Pubblici in riferimento alla problematica della che avrebbe dovuto precedere l'inaugurazione della Funeral House a San Giovanni del Tempio, ma non soddisfa di certo.1) Come mai tutto queste spiegazioni non sono...

» Annunciato pericolo a San Giovanni del Tempio

Si stanno ormai sistemando gli esterni della all'entrata est del Comune Sacile da dove entrano ed escono i residenti di San Giovanni del Tempio provenienti da Pordenone da quando la in via dei Masi. Dal momento ormai che il problema è ammesso da...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...