Sacile Partecipata e Sostenibile

numeri di incidenti che ... non tornano PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Marzo 2017 20:48

La relazione di sintesi che accompagnava nel 2015 la domanda di partecipazione al bando regionale per la realizzazione di zone a 30km/h continua a crearci perplessità.
Oltre infatti a non aver ancora ricevuto risposta relativamente al gruppo dei "Nonni vigili", che non sappiam bene da quale cappello magico siano saltati fuori, non ci si orienta più nemmeno sui numeri degli incidenti.
Come son stati calcolati?
Nella relazione si dice infatti che tra il 2010 e il 2014 si son verificati "sul territorio sacilese" (e non limitatamente alle aree destinate al 30km/h) 176 incidenti con 226 feriti e 6 morti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



SPS monitora da ANNI l'incidentalità nel territorio comunale assemblando i dati forniti gentilmente da Polizia Municipale, Comando Carabinieri Radiomobile di Sacile e

Polizia Stradale di Pordenone. Per cui - come vi riportiamo tabella di seguito - a noi ... i conti non tornano. Il numero degli incidenti va ben oltre lo scarto di qualche unità che potrebbe essere fisiologico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora, qualcuno potrebbe dire che cerchiamo sempre il pelo nell'uovo, ma, oltre al fatto che purtroppo ogni numero in più significa un incidente in più con tutte le sue conseguenze, ci chiediamo anche se nel punteggio assegnato per concorrere ai fondi regionali questa variazione avrebbe potuto avere un peso per scalare la classifica.

Ad esempio a Sacile sono stati attribuiti 0,43 punti su 5 per danno sociale, e 2,22 su 5 per incidenti di utenze vulnerabili. Avremmo potuto vederci riconoscere un valore maggiore a fronte di una situazione di gravità maggiore?

Certo è che, come abbiamo detto anche in altre occasioni di accesso ai bandi (!), la voce "progettazione partecipata" a Sacile non ottiene MAI il massimo del punteggio. Anche stavolta infatti su 5 punti ne abbiam ottenuti 2.
Il nostro giudizio politico sul mancato percorso di partecipazione, tra l'altro, è particolarmente negativo perchè è evidente che l'amministrazione sacilese o non sa o nega che in tutta Europa le politiche di moderazione del traffico passano proprio per un percorso partecipato. Non solo. Il Rapporto Pubblico di Sicurezza stradale del 2003 (!) elencava già molto chiaramente quali fossero gli obiettivi della moderazione del traffico:
• migliorare l’efficienza dell’intervento e della spesa pubblica con il contributo dei residenti e operatori locali
• migliorare la consapevolezza dei fattori di sicurezza stradale in tutti i cittadini
• avviare un processo di partecipazione dei cittadini e degli operatori locali alle scelte infrastrutturali ed il senso di appartenenza e identità con il proprio territorio
• ridurre la conflittualità sociale

E' passato già qualche annetto. In Europa si fa. Da noi le solite parole al vento. E niente massimo punteggio dunque.
Ma anche altri punteggi potevano essere sicuramente migliori, come per es. la "caratteristica degli interventi", che è stata valutata solo con 9 punti su 20 e "l'efficienza", che è stata valutata 0 su 2 (l'unico Comune sui 21); mentre la "chiarezza della proposta" ha ottenuto solo 1 punto su 3 (così basso solo noi e Fontanafredda su 21 Comuni).

Ricordiamo che si intende intervenire con zone 30km/h in v.le Trieste, p.zza del Popolo e S.Odorico. il costo totale è di 160.000 Euro, suddivisi in 100.000  finanziamento regionale e 60.000 del Comune di Sacile.

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Aprile 2017 20:09
 
Articoli correlati :

» Esposto su ritardo ambulanza

AL PREFETTO DI PORDENONE                                                                                                              Sacile, 29/03/18Oggetto:...

» Ottima possibilità per il Pujati!

Nuovo finanziamento in arrivo oltre ai 14 milioni Inail. Si tratta di 61 milioni dal Ministero per l'Istruzione e dalla UE per l'adeguamento sismico a la messa in sicurezza di strutture scolastiche.Confermata dunque la proposta di SPS: anche questa...

» ...ci saremo almeno stavolta?

Continua la serie delle nostrenella speranza, prima o poi, di vederli ben usati anche a Sacile. Ancora una volta ci riferiamo al recupero degli edifici scolastici, nello specifico dell'attuale sede del Linguistico dell'ISIS Pujati, per la quale da...

» Pista ciclabile da NON dimenticare!

Da due mesi si è provveduto a dotare di illuminazione la pista ciclabile "Denis Zanette" che lungo il rio Paisa conduce dal centro allo stadio. Bene.MA nessun amministratore ha finora aggiunto che in seguito si provvederà anche a quella di San...

» rimosse rastrelliere ingannevoli ...

He he he ... rimosse finalmente dopo ANNI le mai decollato!Ohhh almeno una brutta figura in meno nei confronti dei turisti alla ricerca delle due ruote promesse.Sì, però, come al solito, ancora una volta, le cose per bene fino in fondo ... no...

» no volontà, no idee, no proposte, no progetti = no finanziamenti

"Se tutto va bene contiamo di partire con i lavori per la nuova scuola nel 2018." Aveva annunciato il Sindaco di Sacile nell'assemblea territoriale del dicembre 2015 a San Giovanni del Tempio, quando era venuto a perorare la causa dell'accorpamento...

» un centro del riuso in un centro commerciale???

perchè l'amministrazione sacilese non ha alcuna intenzione di in verità riciclabili e utilizzabili, lanciamo il nostro appello a uno dei centri commerciali in zona.Per rendere più chiaro e motivato il nostro appello, come sempre, citiamo e...

» Spunti per ... chi vuol sentire

Continuiamo a . Spunti che - ormai sappiamo - vengono tanto apprezzati dai nostri lettori quanto ignorati dai nostri amministratori. Ma sono i primi ad interessarci, la nostra speranza è sempre qualle di avere cittadini-elettori che badano ai fatti...

» La coerenza del M5S

Si sta - pare (in vista delle regionali del prox anno bisogna pur avere la veste pulita) - avvicinando il momento della decisione su chi dei due consiglieri del M5S sacilese sia quello che davvero abbia titolo per rappresentare il movimento....

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...