Sacile Partecipata e Sostenibile

numeri di incidenti che ... non tornano PDF Stampa E-mail
Venerdì 24 Marzo 2017 20:48

La relazione di sintesi che accompagnava nel 2015 la domanda di partecipazione al bando regionale per la realizzazione di zone a 30km/h continua a crearci perplessità.
Oltre infatti a non aver ancora ricevuto risposta relativamente al gruppo dei "Nonni vigili", che non sappiam bene da quale cappello magico siano saltati fuori, non ci si orienta più nemmeno sui numeri degli incidenti.
Come son stati calcolati?
Nella relazione si dice infatti che tra il 2010 e il 2014 si son verificati "sul territorio sacilese" (e non limitatamente alle aree destinate al 30km/h) 176 incidenti con 226 feriti e 6 morti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 



SPS monitora da ANNI l'incidentalità nel territorio comunale assemblando i dati forniti gentilmente da Polizia Municipale, Comando Carabinieri Radiomobile di Sacile e

Polizia Stradale di Pordenone. Per cui - come vi riportiamo tabella di seguito - a noi ... i conti non tornano. Il numero degli incidenti va ben oltre lo scarto di qualche unità che potrebbe essere fisiologico.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ora, qualcuno potrebbe dire che cerchiamo sempre il pelo nell'uovo, ma, oltre al fatto che purtroppo ogni numero in più significa un incidente in più con tutte le sue conseguenze, ci chiediamo anche se nel punteggio assegnato per concorrere ai fondi regionali questa variazione avrebbe potuto avere un peso per scalare la classifica.

Ad esempio a Sacile sono stati attribuiti 0,43 punti su 5 per danno sociale, e 2,22 su 5 per incidenti di utenze vulnerabili. Avremmo potuto vederci riconoscere un valore maggiore a fronte di una situazione di gravità maggiore?

Certo è che, come abbiamo detto anche in altre occasioni di accesso ai bandi (!), la voce "progettazione partecipata" a Sacile non ottiene MAI il massimo del punteggio. Anche stavolta infatti su 5 punti ne abbiam ottenuti 2.
Il nostro giudizio politico sul mancato percorso di partecipazione, tra l'altro, è particolarmente negativo perchè è evidente che l'amministrazione sacilese o non sa o nega che in tutta Europa le politiche di moderazione del traffico passano proprio per un percorso partecipato. Non solo. Il Rapporto Pubblico di Sicurezza stradale del 2003 (!) elencava già molto chiaramente quali fossero gli obiettivi della moderazione del traffico:
• migliorare l’efficienza dell’intervento e della spesa pubblica con il contributo dei residenti e operatori locali
• migliorare la consapevolezza dei fattori di sicurezza stradale in tutti i cittadini
• avviare un processo di partecipazione dei cittadini e degli operatori locali alle scelte infrastrutturali ed il senso di appartenenza e identità con il proprio territorio
• ridurre la conflittualità sociale

E' passato già qualche annetto. In Europa si fa. Da noi le solite parole al vento. E niente massimo punteggio dunque.
Ma anche altri punteggi potevano essere sicuramente migliori, come per es. la "caratteristica degli interventi", che è stata valutata solo con 9 punti su 20 e "l'efficienza", che è stata valutata 0 su 2 (l'unico Comune sui 21); mentre la "chiarezza della proposta" ha ottenuto solo 1 punto su 3 (così basso solo noi e Fontanafredda su 21 Comuni).

Ricordiamo che si intende intervenire con zone 30km/h in v.le Trieste, p.zza del Popolo e S.Odorico. il costo totale è di 160.000 Euro, suddivisi in 100.000  finanziamento regionale e 60.000 del Comune di Sacile.

Ultimo aggiornamento Venerdì 07 Aprile 2017 20:09
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...