Sacile Partecipata e Sostenibile

Nuova caldaia al posto della "Pediatria di gruppo"?! PDF Stampa E-mail
Venerdì 17 Maggio 2013 16:28

Esprimere forte sconcerto relativamente alla decisione di sospendere il progetto di pediatria di gruppo per dirottare i fondi sulla nuova caldaia dell'Ospedale è un eufemismo.
Fermo restando che ovviamente manutenzioni, riparazioni e sostituzioni sono doverose, la dichiarazione di “urgenza” significa ammettere le responsabilità: Sono anni che è risaputo lo stato obsoleto della caldaia, anni che se ne parla, anni che si traducono in spreco di denaro per un impianto che per reggere deve andare a tutta potenza, divorando ed emettendo energia inquinante.
Non è solo che le risorse vengono spostate dalla messa a norma dei locali che avrebbero ospitato la pediatria di gruppo ai lavori per la centrale termica, è grave il fatto che di conseguenza il progetto stesso viene affossato. La “Cittadella della salute” di Sacile è solo un bel pensiero su carta perchè non esiste alcun stanziamento di fondi.
Non possiamo non chiederci come mai la cittadinanza viene a sapere 8 mesi dopo l'incontro da noi promosso nel settembre 2012 con il Direttore Sanitario, dott. Mario Casini, e il responsabile del Distretto Sanitario, dott. Antonio Gabrielli, quale fosse la destinazione dei fondi che prima parevano essere destinati all'avvio del progetto, le cui finalità ci erano state elogiate dagli stessi. Effettivamente al nostro sollecito per conoscere i tempi del progetto ci era stato risposto che aveva subito uno stop “per l’insorgere di imprevisti di carattere economico che richiedevano immediata risposta”, ma si confidava “nell’avvio entro il 2013” . E non era stato dato ulteriore chiarimento.

Si sapeva invece già allora che si doveva finanziare il “nuovo appalto per la gestione del calore unitamente al rinnovo della centrale termica”? Allora perchè annunciare ciò che si sapeva non fattibile? Sono queste le capacità di "programmazione"? E davvero, con un bilancio in attivo, come appena comunicato sulla stampa dal Direttore Generale, dott.Tonutti, non si potevano trovare risorse per entrambe le cose?
Eppure era stata data grande rilevanza alla possibilità di lavorare in team che si prospettava ai Pediatri con l'apertura degli studi associati al 4° piano del padiglione Meneghini. Uno sforzo economico, se tale davvero fosse, indiscutibilmente doveroso, a nostro parere, perchè si sa che dare il miglior servizio sanitario ai pazienti più piccini si traduce in investimento per la salute da adulti. E' che sul territorio non tutto funzioni proprio bene è provato anche dal sovraffollamento del Pronto Soccorso Pediatrico di Pordenone.
L'ARS e SPS ritengono dunque gravissimo questo rinvio del progetto di pediatria di gruppo che, a questo punto, leggiamo come una cancellazione, a meno che nel giro di pochi giorni non arrivi dalla Direzione Generale chiara dichiarazione di impegno nei tempi e nei modi, unitamente allo stanziamento delle risorse utili allo scopo.

Luigi Zoccolan per l'ARS e Carlo Bosi per SPS

Ultimo aggiornamento Giovedì 27 Giugno 2013 16:23
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...