Sacile Partecipata e Sostenibile

Offfensiva casa di riposo!!! PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Novembre 2018 18:12

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.
Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.
Ovvio.
Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è abbastanza - e anche ben - soddisfatta. Quindi non resta che avanzare verso ovest.
DUE sono i gruppi: il gruppo Zaffiro, già ben affermato con case di riposo di qualità a Fagagna, Martignacco, Tarcento, Magnano in Riviera e, ancora in fase di completamento, Rivignano; il gruppo Sereni Orizzonti, allargatosi ormai su ampio territorio nazionale e pronto a tentare il salto anche all'estero, del quale ve ne avevo già parlato.

Entrambi i gruppi han ben valutato che nel pordenonese vi è una gran carenza e così nulla di cui stupirsi se a Pordenone e a Fontanafredda sono state annunciate due residenze.
Paiono stupirsi solo i nostri amministratori, ahìnoi...

Il gruppo Zaffiro aprirà il cantiere di Pordenone a gennaio e conta di finire già nel 2020 la sua residenza con complessivi 120 posti letto.

Il gruppo Sereni Orizzonti si è assicurato Fontanafredda, pure con 120 posti, con buona pace dell'amministrazione sacilese che è parsa cadere dalle nuvole.

E così, a Sacile staremo alla finestra col cerino in mano, mentre accanto a noi i cantieri procederanno alacremente e celermente.

 

 

 

 


A proposito, faccio notare all'amministrazione sacilese che stia all'occhio pure per Caneva, perchè anche lì sono molto interessati ad una casa di riposo propria e l'amministrazione canevese in questi anni ha dimostrato di portare a termine molti progetti per il bene della comunità e dell'ambiente.

Ci sarebbe però una possibillità di redenzione per la Giunta Spagnol: un serio impegno per un seppur piccolo complesso di residenze per anziani autosufficienti. Certificata senza barriere o, meglio ancora, come esperimento di abitare assistito, di case famiglia o di condominio solidale o di centro multigenerazionale.

Vien proprio da pensare che non abbiano mai messo il naso fuori dai confini italiani, perchè in Europa stanno sorgendo non a decine ma A CENTINAIA gli alloggi per anziani autosufficienti ma non per questo "soli". E ne han diritto tutti dopo i 65 anni e non si grava sulle giovani famiglie con bimbi piccoli che devono vivere la loro vita.
Una questione culturale - senza ipocrisie a falsi buonismi che in verità nascondo il grave ritardo con cui in Italia si è palesemente impreparati e si lascia carta bianca al privato con buona pace di qualche rappresentante di centro sinistra che ora fa il virtuoso ma che quando i soldi pubblici ancora c'erano questa offensiva non ha saputo avviarla.
Basta vedere i numeri che sono oggettivi: 53 posti letto ogni 1000 anziani in Germania e 72 in un paese piccolo come il Belgio. 18,5 in Italia. Secondo le indicazioni europee ce ne vorrebbero tra i 50 e i 60 ogni mille over 65!

L'unico dilemma oltreconfine non è dove trovare un posto, ma scegliere tra tradizionale e moderno. Magari aver questo dilemma anche da noi!

Ultimo aggiornamento Giovedì 22 Novembre 2018 17:20
 
Articoli correlati :

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» 2020/2021: ecco le condizioni di lavoro in casa di riposo

In questi giorni di febbraio 2021 in cui l'attenzione è incentrata sulla campagna vaccinale che pare dare anche speranza di poter rivedere di persona tante/i nonne/i sono grata alla Direzione della Casa dell'Emigrante" di Sequals per...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...

» Una QUINTA sede per il Pujati?

In caso la nostra città riesca a resistere a San Vito e preservare la sede per il Liceo Musicale le aule verrebbero attrezzate in una parte dell'edificio della Vittorino da Feltre in via Ettoreo, dice il Sindaco. La proposta potrebbe passare in...

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...