Sacile Partecipata e Sostenibile

Offfensiva casa di riposo!!! PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Novembre 2018 18:12

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.
Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.
Ovvio.
Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è abbastanza - e anche ben - soddisfatta. Quindi non resta che avanzare verso ovest.
DUE sono i gruppi: il gruppo Zaffiro, già ben affermato con case di riposo di qualità a Fagagna, Martignacco, Tarcento, Magnano in Riviera e, ancora in fase di completamento, Rivignano; il gruppo Sereni Orizzonti, allargatosi ormai su ampio territorio nazionale e pronto a tentare il salto anche all'estero, del quale ve ne avevo già parlato.

Entrambi i gruppi han ben valutato che nel pordenonese vi è una gran carenza e così nulla di cui stupirsi se a Pordenone e a Fontanafredda sono state annunciate due residenze.
Paiono stupirsi solo i nostri amministratori, ahìnoi...

Il gruppo Zaffiro aprirà il cantiere di Pordenone a gennaio e conta di finire già nel 2020 la sua residenza con complessivi 120 posti letto.

Il gruppo Sereni Orizzonti si è assicurato Fontanafredda, pure con 120 posti, con buona pace dell'amministrazione sacilese che è parsa cadere dalle nuvole.

E così, a Sacile staremo alla finestra col cerino in mano, mentre accanto a noi i cantieri procederanno alacremente e celermente.

 

 

 

 


A proposito, faccio notare all'amministrazione sacilese che stia all'occhio pure per Caneva, perchè anche lì sono molto interessati ad una casa di riposo propria e l'amministrazione canevese in questi anni ha dimostrato di portare a termine molti progetti per il bene della comunità e dell'ambiente.

Ci sarebbe però una possibillità di redenzione per la Giunta Spagnol: un serio impegno per un seppur piccolo complesso di residenze per anziani autosufficienti. Certificata senza barriere o, meglio ancora, come esperimento di abitare assistito, di case famiglia o di condominio solidale o di centro multigenerazionale.

Vien proprio da pensare che non abbiano mai messo il naso fuori dai confini italiani, perchè in Europa stanno sorgendo non a decine ma A CENTINAIA gli alloggi per anziani autosufficienti ma non per questo "soli". E ne han diritto tutti dopo i 65 anni e non si grava sulle giovani famiglie con bimbi piccoli che devono vivere la loro vita.
Una questione culturale - senza ipocrisie a falsi buonismi che in verità nascondo il grave ritardo con cui in Italia si è palesemente impreparati e si lascia carta bianca al privato con buona pace di qualche rappresentante di centro sinistra che ora fa il virtuoso ma che quando i soldi pubblici ancora c'erano questa offensiva non ha saputo avviarla.
Basta vedere i numeri che sono oggettivi: 53 posti letto ogni 1000 anziani in Germania e 72 in un paese piccolo come il Belgio. 18,5 in Italia. Secondo le indicazioni europee ce ne vorrebbero tra i 50 e i 60 ogni mille over 65!

L'unico dilemma oltreconfine non è dove trovare un posto, ma scegliere tra tradizionale e moderno. Magari aver questo dilemma anche da noi!

Ultimo aggiornamento Giovedì 22 Novembre 2018 17:20
 
Articoli correlati :

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Telecamere nella case di riposo del FVG?

Invece di buttare soldi in telecamere meglio e in nuovi posti letto di Case di riposo pubbliche. Sono ormai quasi 20 anni che da un lato a varie conferenze ci mostrano grafici che attestano l'aumento esponenziale della popolazione anziana e che...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...