Sacile Partecipata e Sostenibile

ovvio che l'erba cresce ... o no??? PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Agosto 2019 11:27

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.
Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile D.Zanette sono di nuovo invase dall'erba alta con grande gioia di zecche e altri animaletti vari e decisamente non domestici.
Peccato invece per gli anziani che qui trovano a due passi dal centro un luogo davvero tranquillo e piacevole:  la pista è frequentata quindi non ci sente soli, si trova ombra e c'è pure un piacevole rumore d'acqua.
Peccato davvero, proprio ora che il ponticello è stato finalmente sostituito ed è percorribile in tutta sicurezza.

In verità dopo la segnalazione sulla stampa LSM è subito intervenuta per lo sfalcio, ma ... natura è natura.

Siccome però di solito le segnalazioni su questo sito sono sempre accompagnate da proposte costruttive, anche questa volta sarà così.
A meno che non si debba fare una gara europea, a meno che non si debbano scomodare grandi menti ingegneristiche, a meno che non si debba rivolgersi a Renzo Piano, ci si chiede come mai nessuno ha pensato che panchine e cestini dei rifiuti NON si vanno a piazzare IN MEZZO all'erba?!



Perchè non posizionare le panchine e i cestini lungo la pista su piccoli spazi lastricati con piastre da pochi Euro???

Ovviamente facendo anche attenzione all'ombreggiatura ... o chiedo troppo?!
Anche in tal caso allora avrei un suggerimento: si fermi il primo nonno che passa in bicicletta e lui saprà sicuramente indicare quali sarebbero i posticini migliori per metterci 4 panchine!

 

 

Questo dunque avrebbe dovuto esser sin da subito un modo indiscutibilmente poco costoso per prevenire un problema ovvio.
Visto che siamo in tema di prevenzione (e mi rivolgo in particolare all'ass. all'Ambiente perchè intervenga con LSM) sarebbe il caso di fare ben attenzione alle protezioni in plastica che sono state messe (grande trovata anche questa) intorno agli alberelli piantati lungo la pista ciclo-pedonale: di fatto ad ogni intervento con il decespugliatore le protezioni si frantumano e schizzano via lungo l'argine. Sicuramente son finiti già in acqua dopo le piene avvenute.
Quest'anno tutti paiono essersi attivati contro la dispersione della plastica, persino la Lega, ma poi pare proprio che quanto di più semplice sta davanti agli occhi di tutti nessuno lo veda.
LSM provveda dunque a raccogliere i pezzi dopo ogni intervento di sfalcio!
Chiedo ancora troppo?!

Infine non resta che ricordare che la manutenzione è una cosa seria e sicuramente anche costosa. E' notorio che l'erba cresce e che la vernice sbiadisce. Perciò si dovrebbe fare il possibile per evitare sin dall'inizio i problemi.
Chiedo sempre troppo?!

Ricordo che non è solo questione di decoro o di fruibilità, ma di sicurezza, come nel caso della segnaletica orizzontale sparita, nel caso di tabelle totalmente illegibili o di pali pericolanti.
Chiedo troppo, sì.

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Agosto 2019 13:24
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...