Sacile Partecipata e Sostenibile

ovvio che l'erba cresce ... o no??? PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Agosto 2019 11:27

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.
Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile D.Zanette sono di nuovo invase dall'erba alta con grande gioia di zecche e altri animaletti vari e decisamente non domestici.
Peccato invece per gli anziani che qui trovano a due passi dal centro un luogo davvero tranquillo e piacevole:  la pista è frequentata quindi non ci sente soli, si trova ombra e c'è pure un piacevole rumore d'acqua.
Peccato davvero, proprio ora che il ponticello è stato finalmente sostituito ed è percorribile in tutta sicurezza.

In verità dopo la segnalazione sulla stampa LSM è subito intervenuta per lo sfalcio, ma ... natura è natura.

Siccome però di solito le segnalazioni su questo sito sono sempre accompagnate da proposte costruttive, anche questa volta sarà così.
A meno che non si debba fare una gara europea, a meno che non si debbano scomodare grandi menti ingegneristiche, a meno che non si debba rivolgersi a Renzo Piano, ci si chiede come mai nessuno ha pensato che panchine e cestini dei rifiuti NON si vanno a piazzare IN MEZZO all'erba?!



Perchè non posizionare le panchine e i cestini lungo la pista su piccoli spazi lastricati con piastre da pochi Euro???

Ovviamente facendo anche attenzione all'ombreggiatura ... o chiedo troppo?!
Anche in tal caso allora avrei un suggerimento: si fermi il primo nonno che passa in bicicletta e lui saprà sicuramente indicare quali sarebbero i posticini migliori per metterci 4 panchine!

 

 

Questo dunque avrebbe dovuto esser sin da subito un modo indiscutibilmente poco costoso per prevenire un problema ovvio.
Visto che siamo in tema di prevenzione (e mi rivolgo in particolare all'ass. all'Ambiente perchè intervenga con LSM) sarebbe il caso di fare ben attenzione alle protezioni in plastica che sono state messe (grande trovata anche questa) intorno agli alberelli piantati lungo la pista ciclo-pedonale: di fatto ad ogni intervento con il decespugliatore le protezioni si frantumano e schizzano via lungo l'argine. Sicuramente son finiti già in acqua dopo le piene avvenute.
Quest'anno tutti paiono essersi attivati contro la dispersione della plastica, persino la Lega, ma poi pare proprio che quanto di più semplice sta davanti agli occhi di tutti nessuno lo veda.
LSM provveda dunque a raccogliere i pezzi dopo ogni intervento di sfalcio!
Chiedo ancora troppo?!

Infine non resta che ricordare che la manutenzione è una cosa seria e sicuramente anche costosa. E' notorio che l'erba cresce e che la vernice sbiadisce. Perciò si dovrebbe fare il possibile per evitare sin dall'inizio i problemi.
Chiedo sempre troppo?!

Ricordo che non è solo questione di decoro o di fruibilità, ma di sicurezza, come nel caso della segnaletica orizzontale sparita, nel caso di tabelle totalmente illegibili o di pali pericolanti.
Chiedo troppo, sì.

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Agosto 2019 13:24
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...