Sacile Partecipata e Sostenibile

Per una città accessibile PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Maggio 2014 16:52

Da più parti (politiche e non) sono stato stimolato ad una riflessione sul Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA), lavoro recentemente concluso e presentato dall’Amministrazione comunale.
Il PEBA è uno strumento previsto dalla legge 104 del 1992 (legge quadro sui diritti delle persone handicappate) riferito agli spazi urbani e ancor prima dalla legge 41 del 1986 riferito agli edifici pubblici. E’ uno strumento che pochi comuni hanno e ciò dimostra che non è ancora abbattuta la barriera delle barriere: quella culturale.
Abitiamo in una civiltà che si fonda sulla tutela dei più numerosi, della normalità – che è il nome elaborato ideologicamente per significare maggioranza. La politica, anche e soprattutto quella locale, ha oggi mezzi e capacità per compensare limiti o difficoltà fisiche o sociali.

Dopo quattro anni di latitanza, l’Amministrazione sacilese nel giugno del 2013 organizzò un convegno (tutto sommato di buon livello) in cui si annunciò di voler “affrontare il problema” (l’accessibilità è vista come un problema anziché una risorsa) e ad aprile 2014, con un altro convegno (tutto sommato scadente), si annuncia di voler “comunicare i risultati”. Tutto ciò ha un sapore fortemente elettoralistico. Le riforme importanti, quelle che distinguono un’Amministrazione, si fanno nel primo anno di mandato.
Questo studio va comunque accolto positivamente, così come positivo è stato il coinvolgimento dei ragazzi della scuola media per l’opera di sensibilizzazione, e la sperimentazione di un nuovo strumento informatico di valutazione.
Ma cos’è, in buona sostanza il PEBA, questo PEBA. E’ un mero elenco, una ceck-list, un rilievo delle criticità fisiche presenti nel nostro ambito urbano (notoriamente definite con l’orrenda dicitura “barriere architettoniche”) che impediscono, di fatto, la fruibilità di parti della città a persone diverse per capacità percettive, motorie e cognitive. Ma con la stessa voglia di vita. Condizioni della città che determinano una discriminazione.
Questo piano è solo la fase conoscitiva, la fotografia dello stato di fatto. La fase programmatoria non mi pare pienamente sviluppata: non contiene indirizzi per le soluzioni progettuali di adeguamento, non una stima attendibile dei costi d’intervento, né la programmazione temporale, né la scala delle priorità. Inoltre, a parte la presenza di rito ai convegni dei rappresentanti delle Associazioni, non è nota la consultazione con le persone che aiutano i disabili, né sappiamo se c’è stato un accantonamento specifico nel bilancio comunale. A livello di fase attuativa, o concreto: nulla. Francamente, conoscendo la sensibilità per questa tematica dell’amico assessore F.Scarabellotto, era del tutto lecito attendersi qualcosa di più.
Il concetto di accessibilità è molto affine al concetto di libertà (in questo caso di movimento, di conoscenza, ecc.) e include la sicurezza e l’autonomia. L’accessibiltà proprio perchè si fonda sul rapporto tra persona e ambiente può essere il catalizzatore per un riesame dello spazio pubblico. Una cosa è certa: dove l’accessibilità è scarsa è scarsa anche la qualità urbana. Uno spazio accessibile si ottiene non quando è stato pensato per i disabili, ma anche per i disabili, cioè deve funzionare per tutti.
Nel secondo convegno è stata mostrata una proposta di Stefano Bottecchia, ma non è chiaro il rapporto con il PEBA. Questa proposta, redatta alcuni anni fa, individua quattro percorsi pedonali (distinti da colori) che connettono piazza del Popolo con luoghi urbani primari (palazzetto dello sport, campi sportivi, ospedale, scuole, ecc.) che dovrebbero essere oggetto di modificazione e resi accessibili. Ho fatto parte del percorso rosso (via Martiri Sfriso, via XXV aprile, piazza IV novembre, via Garibaldi, piazza del Popolo -strade carrabili con marciapiedi laterali - lunghezza 500 m ca.): si incontrano o meglio ci si scontra con 9 (nove) situazioni di difformità alle prescrizioni normative (L. 13/89 e DM 236/89) percorrendo il lato sud mentre il lato nord è semplicemente inaccessibile da una persona in sedia a ruote o da un cieco o ipovedente se non accompagnato. Ma anche da una mamma con carrozzina. Questo è solo un esempio per evidenziare l’entità della condizione attuale.
Il tema dell’accessibilità, è una questione apartitica, è un impegno civile per una città più solidale, più accogliente, più rispettosa delle persone. (A proposito, va notata l’evoluzione terminologica; finalmente a mio parere, si è pervenuti ad una definizione convincente. Dopo aver sentito per anni connotazioni negative quali: “minorati”, “impedite capacità”, “handicappati”, “portatori di handicap”, fino al “diversamente abile” -appena accettabile- ora si parla di “persona disabile”. Mi pare un cambiamento culturale importante, perché di cultura in fondo si tratta).
L’accessibilità: un tema che la prossima Amministrazione non potrà derogare.
Roberto Saccon

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 28 Maggio 2014 16:56
 
Articoli correlati :

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...