Sacile Partecipata e Sostenibile

Per una città accessibile PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Maggio 2014 16:52

Da più parti (politiche e non) sono stato stimolato ad una riflessione sul Piano per l’Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA), lavoro recentemente concluso e presentato dall’Amministrazione comunale.
Il PEBA è uno strumento previsto dalla legge 104 del 1992 (legge quadro sui diritti delle persone handicappate) riferito agli spazi urbani e ancor prima dalla legge 41 del 1986 riferito agli edifici pubblici. E’ uno strumento che pochi comuni hanno e ciò dimostra che non è ancora abbattuta la barriera delle barriere: quella culturale.
Abitiamo in una civiltà che si fonda sulla tutela dei più numerosi, della normalità – che è il nome elaborato ideologicamente per significare maggioranza. La politica, anche e soprattutto quella locale, ha oggi mezzi e capacità per compensare limiti o difficoltà fisiche o sociali.

Dopo quattro anni di latitanza, l’Amministrazione sacilese nel giugno del 2013 organizzò un convegno (tutto sommato di buon livello) in cui si annunciò di voler “affrontare il problema” (l’accessibilità è vista come un problema anziché una risorsa) e ad aprile 2014, con un altro convegno (tutto sommato scadente), si annuncia di voler “comunicare i risultati”. Tutto ciò ha un sapore fortemente elettoralistico. Le riforme importanti, quelle che distinguono un’Amministrazione, si fanno nel primo anno di mandato.
Questo studio va comunque accolto positivamente, così come positivo è stato il coinvolgimento dei ragazzi della scuola media per l’opera di sensibilizzazione, e la sperimentazione di un nuovo strumento informatico di valutazione.
Ma cos’è, in buona sostanza il PEBA, questo PEBA. E’ un mero elenco, una ceck-list, un rilievo delle criticità fisiche presenti nel nostro ambito urbano (notoriamente definite con l’orrenda dicitura “barriere architettoniche”) che impediscono, di fatto, la fruibilità di parti della città a persone diverse per capacità percettive, motorie e cognitive. Ma con la stessa voglia di vita. Condizioni della città che determinano una discriminazione.
Questo piano è solo la fase conoscitiva, la fotografia dello stato di fatto. La fase programmatoria non mi pare pienamente sviluppata: non contiene indirizzi per le soluzioni progettuali di adeguamento, non una stima attendibile dei costi d’intervento, né la programmazione temporale, né la scala delle priorità. Inoltre, a parte la presenza di rito ai convegni dei rappresentanti delle Associazioni, non è nota la consultazione con le persone che aiutano i disabili, né sappiamo se c’è stato un accantonamento specifico nel bilancio comunale. A livello di fase attuativa, o concreto: nulla. Francamente, conoscendo la sensibilità per questa tematica dell’amico assessore F.Scarabellotto, era del tutto lecito attendersi qualcosa di più.
Il concetto di accessibilità è molto affine al concetto di libertà (in questo caso di movimento, di conoscenza, ecc.) e include la sicurezza e l’autonomia. L’accessibiltà proprio perchè si fonda sul rapporto tra persona e ambiente può essere il catalizzatore per un riesame dello spazio pubblico. Una cosa è certa: dove l’accessibilità è scarsa è scarsa anche la qualità urbana. Uno spazio accessibile si ottiene non quando è stato pensato per i disabili, ma anche per i disabili, cioè deve funzionare per tutti.
Nel secondo convegno è stata mostrata una proposta di Stefano Bottecchia, ma non è chiaro il rapporto con il PEBA. Questa proposta, redatta alcuni anni fa, individua quattro percorsi pedonali (distinti da colori) che connettono piazza del Popolo con luoghi urbani primari (palazzetto dello sport, campi sportivi, ospedale, scuole, ecc.) che dovrebbero essere oggetto di modificazione e resi accessibili. Ho fatto parte del percorso rosso (via Martiri Sfriso, via XXV aprile, piazza IV novembre, via Garibaldi, piazza del Popolo -strade carrabili con marciapiedi laterali - lunghezza 500 m ca.): si incontrano o meglio ci si scontra con 9 (nove) situazioni di difformità alle prescrizioni normative (L. 13/89 e DM 236/89) percorrendo il lato sud mentre il lato nord è semplicemente inaccessibile da una persona in sedia a ruote o da un cieco o ipovedente se non accompagnato. Ma anche da una mamma con carrozzina. Questo è solo un esempio per evidenziare l’entità della condizione attuale.
Il tema dell’accessibilità, è una questione apartitica, è un impegno civile per una città più solidale, più accogliente, più rispettosa delle persone. (A proposito, va notata l’evoluzione terminologica; finalmente a mio parere, si è pervenuti ad una definizione convincente. Dopo aver sentito per anni connotazioni negative quali: “minorati”, “impedite capacità”, “handicappati”, “portatori di handicap”, fino al “diversamente abile” -appena accettabile- ora si parla di “persona disabile”. Mi pare un cambiamento culturale importante, perché di cultura in fondo si tratta).
L’accessibilità: un tema che la prossima Amministrazione non potrà derogare.
Roberto Saccon

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 28 Maggio 2014 16:56
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...