Sacile Partecipata e Sostenibile

perchè l'incrocio di via Meneghini non è visibile??? PDF Stampa E-mail
Martedì 14 Maggio 2013 18:10

Come è successo per la questione di Via dei Masi di San Giovanni del Tempio è successo anche per l'incrocio tra Viale Trieste e Via Meneghini: i lavori non sono stati eseguiti secondo la progettazione originaria. Una proposta progettuale elaborata con sensibilità e competenza dai tecnici dei nostri stessi uffici comunali.
Infatti per il passaggio pedonale di Via Meneghini, finanziato con contributo regionale per il progetto “CamminaCammina”, era previsto innanzitutto che l'attraversamento pedonale fosse rialzato rispetto alla quota esistente e fosse realizzato in porfido. Inoltre si parlava di “aiuola spartitraffico”, definizione che evoca un manufatto leggermente maggiore e più visibile di quello attuale (dal quale peraltro dopo tre mesi già si staccava tutta la fascia gialla rifrangente che cingeva il bordo!). E, soprattutto, proprio per garantire visibilità al calar della luce naturale, il passaggio pedonale doveva essere illuminato da “idonea illuminazione”, cioè da un grande portale. Per la messa in sicurezza dell'area circostante era previsto anche il rifacimento del passaggio pedonale su Viale Trieste e di quello allo sbocco di Via Piccin su Via Meneghini.

Non lascia infatti dubbi la relazione tecnica che parla di “realizzazione di tre passaggi pedonali in porfido lievemente rialzati rispetto alla quota dell'asse stradale”, della “realizzazione di un'aiuola spartitraffico mediante la posa di adeguata cordonata e piantumazione di essenze floreali” e della “fornitura e posa di portale di illuminazione”.
Non ci resta che tristemente constatare ancora una volta che si parla di sicurezza per gli utenti non motorizzati, che si presentano anche alla popolazione progetti di messa in sicurezza per pedoni e ciclisti, ma che poi, al momento della realizzazione, chissà perchè, qualcosa si è perso – è il caso di dirlo – per strada. E pare proprio che ogni intervento perda per strada esattamente quello che poteva dar anche il più leggero fastidio agli utenti motorizzati.

Ma questa conclusione è sicuramente solo un'infondata impressione dei pochi che incautamente condividono la fantasiosa visione di mobilità sicura di SPS.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 22 Maggio 2013 21:11
 
Articoli correlati :

» Approdo sicuro sotto piazzetta Manin?

Approdo sulla Livenza? Si staglia all'orizzonte un nuovo disastro annunciato?Su quel ramo d'acqua così stretto?Con la riva praticamente in verticale?Con il parcheggio sopra in piazzetta Manin che già cede? Prova ne sono le crepe nella...

» PNRR, missione 4, servizi per la prima infanzia

Una buona occasione per ripensare seriamente e con una seria visione e competente programmazione per i prossimi 50 anni può venire con l'aiuto dei fondi del PNRR, missione 4, componente 1.1, relativa agli “investimenti per piani degli asili nido...

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» incrocio via Pordenone: una SVISTA lunga DUE anni

Ancora una volta si è dimostrato che l'amministrazione sacilese, nello specifico caso l'ass. Ceraolo, farebbero meglio a prendere sul serio le segnalazioni di noi semplici cittadini invece di dare subito la colpa “alla burocrazia” oppure di...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Continuano le entrate al semaforo di S.Giovanni del T.

Eh già, ancora una volta come detto e stradetto: sarebbe stata una storia infinita...Infatti alle ore 8.20 del 6 maggio dell'ormai 2021 distratti automobilisti continuano imperterriti a svoltare a destra per entrare in via dei Masi. Stamattina ero...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...