Sacile Partecipata e Sostenibile

presidio davanti al laboratorio analisi PDF Stampa E-mail
Martedì 17 Giugno 2014 12:06

Si è tenuto il 17 giugno 2014, alle 7.30, il presidio del comitato di cittadinanza attiva davanti al laboratorio analisi dell'Ospedale di Sacile, per manifestare il nostro disaccordo sulle modalità con cui è stata gestita, o meglio, "non" è stata gestita la situazione di riduzione del personale e degli orari che dovrebbe protrarsi fino a settembre.
Ci teniamo ancora una volta a specificare che scendiamo in campo perchè siamo "nostalgici" e vogliamo solo difendere il vecchio, ma non ci facciamo nemmeno prendere per il naso dalle continue promesse "innovative" i cui risultati finora son stati unicamente indebolimento o addirittura cessazione di servizi.
Anche in questo caso non siamo a priori contrari alle proposte di ridefinizione di determinate funzioni e/o servizi. Siamo ad es. favorevoli a quanto anticipato dall’Ass. Telesca all’incontro di Udine, cioè dell’accorpamento dei laboratori di analisi in pochi grandi centri. Cosa che però non avrebbe influito sul servizio prelievi nel territorio, anzi, avrebbe potuto potenziarlo. Non ha importanza per l’utenza DOVE vengono espletate le analisi, ha importanza non doversi recare in capo al mondo per sottoporsi al prelievo.

La creazione di pochi centri di analisi, garantendo invece numerosi punti di prelievo, può sicuramente essere letto con le famose tre “e”: rappresenta economicità, perchè significa razionalizzare la spesa concentrandola in un unico centro; rappresenta efficienza, perchè questo centro di analisi ubicato in una unica struttura può a maggior ragione essere dotato della miglior strumentazione possibile; e rappresenta efficacia, perchè sul territorio non viene smantellato e può, anzi, essere anche ulteriormente migliorato il servizio prelievo per gli utenti.
Inoltre, in caso di temporanei cambiamenti di orari e modalità dei vari servizi dovrebbero essere immediatamente informati tutti i medici di base.
Esiste internet o no?
La Direzione Sanitaria può mandare informazioni con largo anticipo e ogni ambulatorio può esporre le comunicazioni in modo da permettere agli utenti di sapere cosa li aspetta e non di trovarsi la brutta sorpresa sul momento, cosa che porta spesso a tensioni. Essere informati in anticipo è un diritto nella cosa pubblica, permette all’utente di adeguarsi o di orientarsi diversamente.
Anche questa immediata e capillare informazione on line rientra, secondo noi, nell’economicità, efficienza ed efficacia.

Ma pare proprio, di fronte ad una cosa così ovvia, essere ancora ai tempi dei colombi viaggiatori.
Ultimo aggiornamento Sabato 28 Giugno 2014 19:08
 
Articoli correlati :

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...