Sacile Partecipata e Sostenibile

presidio davanti al laboratorio analisi PDF Stampa E-mail
Martedì 17 Giugno 2014 12:06

Si è tenuto il 17 giugno 2014, alle 7.30, il presidio del comitato di cittadinanza attiva davanti al laboratorio analisi dell'Ospedale di Sacile, per manifestare il nostro disaccordo sulle modalità con cui è stata gestita, o meglio, "non" è stata gestita la situazione di riduzione del personale e degli orari che dovrebbe protrarsi fino a settembre.
Ci teniamo ancora una volta a specificare che scendiamo in campo perchè siamo "nostalgici" e vogliamo solo difendere il vecchio, ma non ci facciamo nemmeno prendere per il naso dalle continue promesse "innovative" i cui risultati finora son stati unicamente indebolimento o addirittura cessazione di servizi.
Anche in questo caso non siamo a priori contrari alle proposte di ridefinizione di determinate funzioni e/o servizi. Siamo ad es. favorevoli a quanto anticipato dall’Ass. Telesca all’incontro di Udine, cioè dell’accorpamento dei laboratori di analisi in pochi grandi centri. Cosa che però non avrebbe influito sul servizio prelievi nel territorio, anzi, avrebbe potuto potenziarlo. Non ha importanza per l’utenza DOVE vengono espletate le analisi, ha importanza non doversi recare in capo al mondo per sottoporsi al prelievo.

La creazione di pochi centri di analisi, garantendo invece numerosi punti di prelievo, può sicuramente essere letto con le famose tre “e”: rappresenta economicità, perchè significa razionalizzare la spesa concentrandola in un unico centro; rappresenta efficienza, perchè questo centro di analisi ubicato in una unica struttura può a maggior ragione essere dotato della miglior strumentazione possibile; e rappresenta efficacia, perchè sul territorio non viene smantellato e può, anzi, essere anche ulteriormente migliorato il servizio prelievo per gli utenti.
Inoltre, in caso di temporanei cambiamenti di orari e modalità dei vari servizi dovrebbero essere immediatamente informati tutti i medici di base.
Esiste internet o no?
La Direzione Sanitaria può mandare informazioni con largo anticipo e ogni ambulatorio può esporre le comunicazioni in modo da permettere agli utenti di sapere cosa li aspetta e non di trovarsi la brutta sorpresa sul momento, cosa che porta spesso a tensioni. Essere informati in anticipo è un diritto nella cosa pubblica, permette all’utente di adeguarsi o di orientarsi diversamente.
Anche questa immediata e capillare informazione on line rientra, secondo noi, nell’economicità, efficienza ed efficacia.

Ma pare proprio, di fronte ad una cosa così ovvia, essere ancora ai tempi dei colombi viaggiatori.
Ultimo aggiornamento Sabato 28 Giugno 2014 19:08
 
Articoli correlati :

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.Sottolineo ancora una volta che mettere...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, terza puntata

Eccoci finalmente alla terza puntata della risposta scritta del Sindaco di Sacile relativa al della stazione.Anche in questo caso il Coronavirus aveva bloccato la verifica di un  - chiamiamolo – dettaglio, che invece è di primaria importanza!...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, seconda puntata

Per la seconda puntata () riporto la fine della risposta del Sindaco di Sacile, perchè non ci vogliono lunghe considerazioni, rispetto a quanto verrà esposto invece nella terza puntata.Nell'ultimo capoverso si legge che "in ragione del fatto che...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, prima puntata

Come promesso, ecco la pubblicazione della risposta scritta da parte del Sindaco di Sacile, Carlo Spagnol, alla . Preciso subito che la risposta del Sindaco è arrivata pochi giorni dopo, ma prima la ricerca di una gentile mano esperta in disegno e...

» L'incrocio che contribuisce all'aumento dei costi sociali

Uscita di via Pordenone sulla Pontebbana: l'incrocio a San Giovanni del Tempio che invita agli incidenti e che aumenta i costi sociali dell'incidentalità del Friuli Venezia Giulia. Per l'intero tratto di viale S. Giovanni d. Tempio servirebbe poi...