Sacile Partecipata e Sostenibile

Quali sono le previsioni per il depuratore di Cordignano? PDF Stampa E-mail
Venerdì 12 Aprile 2013 19:19

Contrariamente al ricorso al TAR contro la Soprintendenza che con nostra grande gioia è stato rigettato,  questa volta ci auguriamo che il Comune di Sacile esca vincitore dalla decisione di resistere, presentando istanza al Consiglio di Stato, sulla vicenda della revoca del blocco dei camion in direzione del depuratore di Cordignano.
Pare quasi incredibile che dopo 11 anni ancora la questione veda continui colpi di scena e sempre nuovi impegni finanziari. Nel corso degli anni una battaglia estenuante che ha coinvolto tenaci cittadini, due amministrazioni comunali, una società e numerosi soggetti a vario titolo coinvolti, come Prefettura, ARPAV, ATO, USL7, Carabinieri del NOE,  Corpo Forestale, tecnici provinciali e regionali veneti, il Consorzio, ecc. La conseguenza di una scelta nata male che continua nel tempo a generare effetti negativi. Bastano anche considerazioni come il fatto che Fossa Biuba è sicuramente un corso d'acqua troppo esiguo per fungere da corpo ricettore, o che i camion transitano su un tratto stradale che è troppo angusto per un tal traffico. Era stato anche evidenziato che, in caso di fognature miste e di forti rovesci, le vasche non potevano contenere tutta l'acqua piovana scaricata.

Purtroppo però sappiamo bene che le questioni vengono spostate dal terreno dei problemi concreti,  su quello dei cavilli legali. Con poca gioia e tanti dolori per i cittadini. E si noti bene che la nostra Polizia Municipale, nonostante la convenzione, non ha accesso al depuratore.
Se ricordiamo bene, la stima dell'attuale utenza che fa riferimento all'impianto dovrebbe attestarsi intorno ai 28.000 abitanti. Questo numero già nel 2009 faceva stimare una certa potenzialità residuale di conferimento all'impianto per le sue capacità. Oggi, in seguito alla diminuzione dei codici di conferimento, quelli conferiti dovrebbero essere delimitati a tre (due in entrata e uno in uscita, cioè lo smaltimento). Sono stati anche bloccati tutti i conferimenti industriali.
Resta il fatto che l'odore, anche se non nocivo, è fonte di malessere e che vengono segnalate episodiche alterazioni dell'acqua di Fossa Biuba. Nel 2009 era stata suggerita la chiusura del locale ispessimento fanghi per sopprimere lo sfiatamento.
Il 23/12/1993 il depuratore era entrato in funzione con poco più di 1000 allacciamenti. Non sappiamo se l'unico collaudo sia ancora quello risalente al 1994, ma ci risulta che a quella data fosse previsto un dimensionamento dell'impianto per 70.000 abitanti (ad oggi invece calibrato a 30.000). Dal momento dunque che la potenzialità era maggiore degli allacciamenti si era deciso di conferire anche i “bottini”, altrimenti i Comuni avrebbero dovuto intervenire economicamente.
Ci risulta infine che dal 1° aprile 2009 la gestione doveva passare alla SI Piave Servizi, che aveva già predisposto degli stanziamenti per l'adeguamento dell'impianto e che nel piano d'ambito si prevedeva di arrivare a 60.000 utenti, anche se, a detta dell'amministrazione di Cordignano al massimo si sarebbe potuto arrivare a 45.000.
Ecco dunque la domanda che resta ancora aperta: la nostra amministrazione è al corrente di quale sia davvero la previsione definitiva sul dimensionamento? E sa se siano già in corso o siano stati calendarizzati lavori di ampliamento?

Ultimo aggiornamento Martedì 16 Aprile 2013 17:34
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...