Sacile Partecipata e Sostenibile

Referendum Ospedale Pordenone: per ora "congelato" PDF Stampa E-mail
Sabato 02 Marzo 2013 18:02

La questione del congelamento del Referendum relativo al nuovo Ospedale di Pordenone, perchè manca nella commissione deputata a valutarlo la figura del Difensore Civico, mette a nudo due aspetti:
Il primo è che purtroppo ancora una volta lo strumento del Referendum a livello locale si rivela per quel che effettivamente è: uno strumento di democrazia partecipativa puramente formale e non certo sostanziale. Uno strumento che suscita sempre tante speranze nei cittadini, che gli attribuiscono una forza che viene puntualmente neutralizzata appena avvia il suo iter istituzionale che in realtà è la predisposizione di un campo minato per farlo saltare.
Ecco perchè tutti gli Statuti Comunali lo annoverano tra gli strumenti partecipativi, ma poi non se ne sente mai parlare.
Ricordiamo ad es. quanto successo a Fontanafredda, dove si era tentato di sottoporre al voto tre argomenti relativi ad un nuovo centro residenziale, un centro polifunzionale e l'istituzione di una nuova frazione. I quesiti presentati nel 2009 sono stati definitivamente bocciati dopo oltre due anni, dopo esser passati dalla commissione competente, al Consiglio Comunale, alla Prefettura, agli Uffici Ministeriali a Roma per essere infine rispediti al mittente.
Il secondo è che lo Statuto Comunale che dovrebbe essere a livello locale, al pari della Costituzione, quel documento di altissimo valore contenente i principi fondanti e garanti per il buon governo della città, ai quali amministratori e cittadini possono continuamente ricorrere e confidare come in una bussola, ma che è in realtà un insieme di belle parole appena scritte già dimenticate.

Così è per tutti i Comuni, come evidentemente Pordenone e Sacile,  che nemmeno si curano di aggiornare il loro Statuto per sopravvenute variazioni vincolanti per legge. Nessuno dei due Comuni si è finora preoccupato di togliere dall'articolato l'Ufficio del Difensore Civico Comunale, abolito dal Governo Berlusconi con la Legge 26 marzo 2010, n. 42, "Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 25 gennaio 2010, n. 2, recante interventi urgenti concernenti enti locali e regioni", pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 72 del 27 marzo 2010, con la motivazione del contenimento della spesa pubblica.
Non dimenticando che nel luglio 2009 con un colpo di spugna la maggioranza regionale di centro-destra aveva già eliminato il Difensore Civico regionale, e che ben poca battaglia è stata data su questo argomento dall'opposizione di centro-sinistra.
Avrebbe potuto restare a garanzia del cittadino solo quanto per l'appunto concedeva la Legge 42 sopra citata, cioè che « Le funzioni del difensore civico comunale possono essere attribuite, mediante apposita convenzione, al difensore civico della provincia nel cui territorio rientra il relativo comune. In tale caso il difensore civico provinciale assume la denominazione di "difensore civico territoriale" ed e' competente a garantire l'imparzialità e il buon andamento della pubblica amministrazione, segnalando, anche di propria iniziativa, gli abusi, le disfunzioni, le carenze e i ritardi dell'amministrazione nei confronti dei cittadini».
Sarebbe stata quindi l'Amministrazione provinciale sempre di centro-destra a dover sopperire al vuoto comunale e regionale. Di fatto ad oggi si possono contare sulle dita di una mano le province che hanno un proprio Difensore Civico.

Per tornare alla sospensione dell'iter proponente il referendum, nel Regolamento per la disciplina del referendum comunale di Pordenone, all'art.4. troviamo scritto:
1. Sull’ammissibilità preventiva della proposta di referendum decide la Commissione dei garanti.
2. La Commissione dei garanti è formata dal Segretario generale del Comune di Pordenone, o suo delegato, con funzione di Presidente, dal Presidente del Tribunale o suo delegato, e dal Difensore Civico, o in assenza, da quello regionale.

Peccato che nessuno abbia immediatamente messo mano al punto due per ... garantire i garanti.

Si può quindi tristemente ipotizzare che grazie a tutti questi Amministratori e al loro zero interesse per la partecipazione della cittadinanza questo congelamento del Referendum porti alla sua morte quasi certa.

Ultimo aggiornamento Domenica 03 Marzo 2013 17:58
 
Articoli correlati :

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» I risultati delle "riforme" nel lungo periodo

Ecco il risultato nel lungo periodo della "riforma Serracchiani". Nel lungo periodo sottolineo. Quindi ormai nessuno può dire che eravamo "nostalgici e prevenuti" e che "negli anni si vedranno i risultati".Di solito questi titoli, che già dovevano...

» Parcheggi ROSA ... cercasi

Nello stile di SPS, cioè pazienza tanta che tanto tutti i nodi vengono al pettine su segnalazioni che ci danno ragione, ... ecco che tocca tornare sulla Una questione che era destinata a non andare oltre il solito annuncio di questa amministrazione...

» Sanità: noi "come in Ighilterra", ma non c'è nulla di buono

Sarà stato destino? Sarà stato un caso? Il diavolo fa le pentole ma non i coperchi? Chissà, sta di fatto che oggi, 14 gennaio 2014, sulla stampa locale il direttore generale della nostra AAS5, Giorgio Simon, in riferimento al provvedimento di...

» Referendum costituzionale - I CONTENUTI DELLA RIFORMA

» nuovo dubbio sul PPI?

A SPS sorge un nuovo dubbio sul futuro dell'ex Pronto Soccorso, oggi (ma!) PUNTO di PRIMO INTERVENTO:dal momento che nella Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto Ministeriale n.70 del 2.4.2015 nel quale è scritto che "LA FUNZIONE DEI PPI...

» La perseveranza dei cittadini di Gemona

Comunicato stampaEsposto dei comitati gemonesi alla procura della Corte dei conti contro la chiusura dell'unico ospedale antisismicoTRIESTE Questa mattina (martedi 28 aprile 2015) una delegazione del coordinamento dei comitati a difesa dell'ospedale...

» e come sempre "aver ragione" ha sapore AMARO

La stampa locale di oggi, 7 marzo 2015, dà per praticamente certa la perdita dei 10 posti letto di riabilitazione intensiva. Migrerà verso Pordenone.Ecco la conferma amara di quanto avevamo. Perchè, come sempre, SPS non spara giudizi sommari, ma...

» La Lega "innocente" e la Legge reg.13/95

Pubblichiamo il seguente contributo alla discussione sulla Sanità, per ricordare che ... pochi si possono proclamare innocenti relativamente alle sorti, tra le altre, dell'Ospedale di Sacile:Fasola, eletto tra le fila della Lega, entra in giunta...

» comunicato comitato per l'ospedale di Gemona

Comunicato stampa del Coordinamento dei Comitati a difesa del "San Michele" di Gemona:"Per la prima volta la Giunta regionale è assente alla Messa del Tallero: sdegno dei comitati. La storica via Bini imbandierata di striscioni a difesa...