Sacile Partecipata e Sostenibile

responsabilità degenti al personale infermieristico?! PDF Stampa E-mail
Martedì 09 Giugno 2015 18:14

Leggiamo sulla stampa locale del 9 giugno che gran parte della responsabilità sui degenti ricoverati nella nuova "struttura intermedia polifunzionale", prevista dalla Riforma dopo l'addio al reparto Medicina, sarà demandata al personale infermieristico, in parte anche con la nobile intenzione di "valorizzarlo".
Non può stupire: certo, visto che i letti in questione saranno quelli seguiti dai medici di base, che ovviamente non sono trini e non potranno trovarsi contemporaneamente in ambulatorio, alle visite domiciliari (sia saltuarie sia quelle regolari dovute all'Assistenza Domiciliare)  e in questo nuovo reparto, qualcuno dovrà pur essere reponsabile. Quindi l'unica presenza fisicamente continua: quella del personale infermieristico.
Non stupisce nemmeno che proprio questo sia uno degli aspetti che l'ANAAO AssoMeD ( Associazione Medici Dirigenti, nata nel 1959) ha definito come gravemente preoccupante nelle sue OSSERVAZIONI approvate il 28 agosto 2014 dal Consiglio Regionale Friuli Venezia Giulia:
"Desta gravi preoccupazioni il fatto che la Regione  preveda che l’attività degli ospedali sia gestita in piena autonomia da infermieri e tecnici sanitari per quanto riguarda l’organizzazione di ambulatori e degenze, nonché per la gestione delle tecnologie. La normativa vigente attribuisce invece ai Direttori, medici o dirigenti sanitari, delle strutture ospedaliere la responsabilità della gestione, quindi tale previsione, oltre a creare pericolose incertezze su

chi debba rispondere dei risultati dell’attività delle strutture sanitarie, è palesemente illegittima.
Inoltre, più in generale, il ddl prevede la revisione degli ambiti di competenza dei medici e del personale infermieristico e tecnico: è certamente auspicabile lo sviluppo e la valorizzazione delle professioni sanitarie, ma questo non può e non deve essere un pretesto per sostituire l’attività dei medici e dei dirigenti sanitari con quella di personale a più basso costo, in modo da svilire l’attività di entrambi, perché in questa prospettiva, finalizzata principalmente a ridurre i costi, nemmeno la professionalità di infermieri e tecnici sanitari sarebbe valorizzata."

Una delle decine di perplessità di voci ben più autorevoli di quella di SPS. Una delle decine di perplessità che non hanno sortito alcun effetto.

Hanno deciso e così è.

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Giugno 2015 11:41
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...