Sacile Partecipata e Sostenibile

responsabilità degenti al personale infermieristico?! PDF Stampa E-mail
Martedì 09 Giugno 2015 18:14

Leggiamo sulla stampa locale del 9 giugno che gran parte della responsabilità sui degenti ricoverati nella nuova "struttura intermedia polifunzionale", prevista dalla Riforma dopo l'addio al reparto Medicina, sarà demandata al personale infermieristico, in parte anche con la nobile intenzione di "valorizzarlo".
Non può stupire: certo, visto che i letti in questione saranno quelli seguiti dai medici di base, che ovviamente non sono trini e non potranno trovarsi contemporaneamente in ambulatorio, alle visite domiciliari (sia saltuarie sia quelle regolari dovute all'Assistenza Domiciliare)  e in questo nuovo reparto, qualcuno dovrà pur essere reponsabile. Quindi l'unica presenza fisicamente continua: quella del personale infermieristico.
Non stupisce nemmeno che proprio questo sia uno degli aspetti che l'ANAAO AssoMeD ( Associazione Medici Dirigenti, nata nel 1959) ha definito come gravemente preoccupante nelle sue OSSERVAZIONI approvate il 28 agosto 2014 dal Consiglio Regionale Friuli Venezia Giulia:
"Desta gravi preoccupazioni il fatto che la Regione  preveda che l’attività degli ospedali sia gestita in piena autonomia da infermieri e tecnici sanitari per quanto riguarda l’organizzazione di ambulatori e degenze, nonché per la gestione delle tecnologie. La normativa vigente attribuisce invece ai Direttori, medici o dirigenti sanitari, delle strutture ospedaliere la responsabilità della gestione, quindi tale previsione, oltre a creare pericolose incertezze su

chi debba rispondere dei risultati dell’attività delle strutture sanitarie, è palesemente illegittima.
Inoltre, più in generale, il ddl prevede la revisione degli ambiti di competenza dei medici e del personale infermieristico e tecnico: è certamente auspicabile lo sviluppo e la valorizzazione delle professioni sanitarie, ma questo non può e non deve essere un pretesto per sostituire l’attività dei medici e dei dirigenti sanitari con quella di personale a più basso costo, in modo da svilire l’attività di entrambi, perché in questa prospettiva, finalizzata principalmente a ridurre i costi, nemmeno la professionalità di infermieri e tecnici sanitari sarebbe valorizzata."

Una delle decine di perplessità di voci ben più autorevoli di quella di SPS. Una delle decine di perplessità che non hanno sortito alcun effetto.

Hanno deciso e così è.

Ultimo aggiornamento Venerdì 12 Giugno 2015 11:41
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...