Sacile Partecipata e Sostenibile

ricostruiamo memoria PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Aprile 2012 17:32

Andiamo un pò a vedere all'indietro - cosa che sapete piace molto a SPS - le dichiarazioni relative a ciclabili e rotonde fatte dall'Amministrazione sacilese.
Iniziamo da una delle ultime dichiarazione di intenti data il 15/02/09 dall'Amministrazione Cappuzzo, allorchè l'allora Ass. Cazorzi comunicava che "a breve partiranno la ciclabile della statale 13 da Via Meneghini fino alla stazione ferroviaria che collega il Centro Studi e gli impianti sportivi e quella tra Schiavoi e Cavolano"; "prioritario rimane però il collegamento tra Cornadella e il centro, per il quale stiamo cercando i finanziamenti. I lavori per Villorba sono stati appaltati così come quelli per Cavolano e Camolli Casut."
Appena vinte le elezioni il 10/06/09 il nuovo Sindaco di Sacile, Roberto Ceraolo, afferma che "uno dei primi impegni sarà quello di effettuare una verifica del Piano del traffico e programmare la realizzazione di parcheggi a servizio di piazza del Popolo."

Il 26/06/09 aggiunge: "Daremo vita al Piano generale delle piste ciclabili per una concreta alternativa all'uso dell'auto. Per il servizio di trasporto pubblico invece, doteremo Sacile di un vero e proprio servizio urbano. Nei prossimi 5 anni studieremo servizi bus-navetta con cadenza periodica, oppure servizi a chiamata, ma anche collegamento quotidiano tra stazione ferroviaria e polo scolastico." Inoltre la nuova amministrazione annunciava di voler porre subito rimedio all'illuminazione pubblica e ai marciapiedi sconnessi, così come di provvedere al più presto alla "progressiva eliminazione delle barriere architettoniche".
Il 02/07/09 il neo Assessore ai Lavori Pubblici, Marco Bottecchia, dice che a suo giudizio "conviene pensare a lavori e opere a due velocità: immediatamente ci faremo carico degli interventi urgenti che per noi sono i parcheggi, in particolare per il centro penalizzato dall'eliminazione dei posti auto della piazza, e soprattutto illuminazione pubblica, piste cicalbili e marciapiedi. E mi riferisco in particolare alle frazioni."
L'11/07/09 il neo Assessore all'Urbanistica, Francesco Scarabellotto, annuncia che la riorganizzazione urbanistica di Sacile" ripartirà con la progettazione partecipata, un'attività a stretto contatto con la cittadinanza che dovrebbe portare, tra l'altro, a realizzare un grande parco, parcheggi e un sistema di percorsi che colleghino le frazioni al centro, facendo di Sacile una cittadina organica ed armonica. Il tutto all'insegna del motto: cementificazione, no grazie." Oltre dunque al sistema di piste ciclabili ci sarebbe stato un "polmone verde adiacente al centro. Un parco di vaste dimensioni, della grandezza di quello di Villa Varda, con percorsi e giochi per i più piccoli, che potrebbe sorgere per esempio nell'area adiacente al Palamicheletto." Scarabellotto esprime perplessità sul multipiano che voleva l'amministrazione precedente, e spiega che ora invece stanno "valutando l'idea di parcheggi sotterranei". Tutto questo sul leitmotiv di "Sacile, città giardino", "siamo dell'idea che il patrimonio edilizio a Sacile sia già abbastanza consistente. C'è tanto da recuperare, ma sicuramente non più da costruire: diciamo no alla cementificazione" conclude l'Assessore.
Il giorno seguente, il 12/07/09, il Sindaco riconosce il permanere della pericolosità per chi si muove in città a piedi o in bicicletta. "non si può incentivare l'uso della bicicletta in condizione di pericolo", dice il Sindaco, "vogliamo pianificare e mettere in cantiere ampi parcheggi a sostegno dell'isola pedonale per accogliere gli ospiti e per liberare le strade oggi ridotte a semplice parcheggio. Per le frazioni è prevista la creazione di percorsi protetti che consentano di vivere senz'auto e di potersi godere una passeggiata in tranquillità e in sicurezza."
Il 29/10/09 il Sindaco comuncia che l'opera "faraonica" prevista dall'Assessore Sonego della giunta Illy, cioè il famoso tunnel da 100 milioni di Euro sotto la Pontebbana, era stato definitivamente archiviato. Al suo posto si ribadiscono le rotonde, "qualcosa di più fattibile, più efficace, meno costoso, da realizzarsi già entro i prossimi 5 anni." "Ci sono diverse questioni aperte, oltre alle rotonde" aggiunge l'Ass. Scarabellotto, "come la pista ciclabile sul lato sinistro. Si tratta di tassellli che devono compenetrarsi per dare il via al progetto organico per la Pontebbana."
Il 24/12/09 su Il Friuli il Sindaco prevede servano "nell'immediato tra i 350 e i 500 parcheggi. A regime invece tra i 1000 e i 1500."La seconda "priorità" è fluidificare il traffico mediante due rotonde sulla Statale 13: incrocio per Ronche e incrocio per Villorba. Con la realizzazione del casello autostradale al confine con il Veneto il tratto Sacile est e Sacile ovest potrà essere usato "come una circonvallazione dove confluire il traffico più pesante".

Primavera 2012, il contario di tutto:
Al posto del "polmone verde" al Palamicheletto è stato annunciato un parcheggio; si farà il multipiano nell'area Tallon; non c'è traccia delle rotonde sulla Pontebbana, ma è saltata fuori quella in Viale Zancanaro; il PUT è ancora nel cassetto; ci è appena stato ri-ri-ri-riannunciato un "Piano per le ciclabili"; nessuno parla più di trasporto pubblico; l'illuminazione e i marciapiedi sconnessi e le barriere architettoniche sono in attesa di intervento; prosegue alacremente la cementificazione di Sacile.

Abbiam dimenticato qualcosa?...

 

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Marzo 2013 20:53
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Seconda puntata

Strano che il Sindaco confonda con "scenari apocalittici" la mia dettagliata cronistoria di alcune decadi di disagi logistici dall'Istituto Magistrale all'odierno Pujati. Non c'è una sola visione che hanno portato alla frammentazione delle sedi di...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...