Sacile Partecipata e Sostenibile

Restaurare, anzi “rigenerare” la nostra città PDF Stampa E-mail
Lunedì 11 Marzo 2013 18:46

Se anche la politica sacilese avesse saputo negli ultimi vent'anni, come è successo in Europa, tarare la crescita urbanistica non sugli interessi dei poteri forti ma su quelli dello sviluppo della qualità della vita, oggi ci troveremmo forse con meno cantieri in crisi e meno antagonismo tra due visioni ormai troppo distanti.
Non è facile di fronte a questo innegabile disastro urbano che ha svuotato e degradato il centro facendo esplodere verso l'esterno la nostra città senza averla dotata di adeguati servizi sostenibile nel tempo, trovare oggi un punto di equilibrio tra esigenze finora così contrapposte, che mai avrebbero dovuto diventare tali.
La riqualificazione urbana che urge per Sacile deve purtroppo essere ormai considerata un vero e proprio “restauro”. Un restauro però che non può essere considerato come una riproposizione statica bensì come un processo rigenerante che coinvolga la vita quotidiana. Un assetto urbano di valore influenza positivamente la vita cittadina sotto il profilo percettivo, naturale e culturale.
Ecco che la riqualificazione energetica diventa garanzia di salubrità ambientale all'interno e al di fuori delle abitazioni, ecco che l'ampia estensione di un progetto di moderazione del traffico unitamente all'abbattimento di tutto quanto viene inteso come barriera architettonica diventa garanzia di

spostamenti non motorizzati, di abbassamento dell'inquinamento e più gente a riempire la città, ecco che coinvolgere nei progetti urbanistici tutti gli attori, in primis i cittadini, affinchè ne condividano idee e strategie, diventa garanzia di buon governo partecipato e di elevazione della qualità politico-amministrativa.
Questo era il fine del “restauro” riqualificante, rigenerante e dinamico di Viale Zancanaro, come da noi proposto: 30km all'ora, nessun dislivello tra carreggiata e marciapiedi, parcheggi a spina di pesce su lati alternati per rompere la visuale dritta del senso unico, due incroci rialzati alle due intersezioni con via Carducci e con via Bellini e un generoso arredo urbano. Magari attraverso un percorso partecipato, quel che oggi si definisce Open Work Table, cioè tavoli di lavoro aperti, per dare prima tutte le informazione necessarie a tutti gli attori del processo, pervenire ad una comune valutazione del bisogno, elaborare un'analisi delle potenzialità e infine “costruire cultura” per condividere i vantaggi derivanti da un progetto improntato sulla sostenibilità, che si tratti di scelte urbanistiche, di moderazione del traffico, di interventi strutturali.

Invece no, l'Amministrazione ha rifiutato il dialogo, ha pensato di imporre la sua decisione (pressochè uguale alle intenzioni dell'Amministrazione precedente) dimostrando anch'essa di soffrire della famosa “sindrome DAD”, Decidere – Annunciare – Difendere, che inevitabilmente genera febbre altissima nel muro contro muro.

E intanto la visione che offre Viale Zancanaro è di triste abbandono. A dimostrazione che, se non si ha prima una visuale ampia di dove si vuol arrivare, ogni intervento singolo è destinato a fallire. E, al tempo stesso, a dimostrazione che a volte il blocco dell'economia è causato da amministratori incapaci di mettere in moto un cantiere che partendo dal coinvolgimento della cittadinanza arrivi all'inaugurazione di un risultato atteso e festeggiato da tutti.

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Marzo 2013 19:04
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...