Sacile Partecipata e Sostenibile

Restaurare, anzi “rigenerare” la nostra città PDF Stampa E-mail
Lunedì 11 Marzo 2013 18:46

Se anche la politica sacilese avesse saputo negli ultimi vent'anni, come è successo in Europa, tarare la crescita urbanistica non sugli interessi dei poteri forti ma su quelli dello sviluppo della qualità della vita, oggi ci troveremmo forse con meno cantieri in crisi e meno antagonismo tra due visioni ormai troppo distanti.
Non è facile di fronte a questo innegabile disastro urbano che ha svuotato e degradato il centro facendo esplodere verso l'esterno la nostra città senza averla dotata di adeguati servizi sostenibile nel tempo, trovare oggi un punto di equilibrio tra esigenze finora così contrapposte, che mai avrebbero dovuto diventare tali.
La riqualificazione urbana che urge per Sacile deve purtroppo essere ormai considerata un vero e proprio “restauro”. Un restauro però che non può essere considerato come una riproposizione statica bensì come un processo rigenerante che coinvolga la vita quotidiana. Un assetto urbano di valore influenza positivamente la vita cittadina sotto il profilo percettivo, naturale e culturale.
Ecco che la riqualificazione energetica diventa garanzia di salubrità ambientale all'interno e al di fuori delle abitazioni, ecco che l'ampia estensione di un progetto di moderazione del traffico unitamente all'abbattimento di tutto quanto viene inteso come barriera architettonica diventa garanzia di

spostamenti non motorizzati, di abbassamento dell'inquinamento e più gente a riempire la città, ecco che coinvolgere nei progetti urbanistici tutti gli attori, in primis i cittadini, affinchè ne condividano idee e strategie, diventa garanzia di buon governo partecipato e di elevazione della qualità politico-amministrativa.
Questo era il fine del “restauro” riqualificante, rigenerante e dinamico di Viale Zancanaro, come da noi proposto: 30km all'ora, nessun dislivello tra carreggiata e marciapiedi, parcheggi a spina di pesce su lati alternati per rompere la visuale dritta del senso unico, due incroci rialzati alle due intersezioni con via Carducci e con via Bellini e un generoso arredo urbano. Magari attraverso un percorso partecipato, quel che oggi si definisce Open Work Table, cioè tavoli di lavoro aperti, per dare prima tutte le informazione necessarie a tutti gli attori del processo, pervenire ad una comune valutazione del bisogno, elaborare un'analisi delle potenzialità e infine “costruire cultura” per condividere i vantaggi derivanti da un progetto improntato sulla sostenibilità, che si tratti di scelte urbanistiche, di moderazione del traffico, di interventi strutturali.

Invece no, l'Amministrazione ha rifiutato il dialogo, ha pensato di imporre la sua decisione (pressochè uguale alle intenzioni dell'Amministrazione precedente) dimostrando anch'essa di soffrire della famosa “sindrome DAD”, Decidere – Annunciare – Difendere, che inevitabilmente genera febbre altissima nel muro contro muro.

E intanto la visione che offre Viale Zancanaro è di triste abbandono. A dimostrazione che, se non si ha prima una visuale ampia di dove si vuol arrivare, ogni intervento singolo è destinato a fallire. E, al tempo stesso, a dimostrazione che a volte il blocco dell'economia è causato da amministratori incapaci di mettere in moto un cantiere che partendo dal coinvolgimento della cittadinanza arrivi all'inaugurazione di un risultato atteso e festeggiato da tutti.

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Marzo 2013 19:04
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Quale destino per la villetta ex Enel?

Dal momento che seguo la vicenda della villetta chiamata "ex Enel" dal 2012, avendo denunciato il pericolo di volontà di abbattimento per far posto ad una rotonda, chiedo che l'amministrazione comunale dichiari quale sia ad oggi il suo...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...