Sacile Partecipata e Sostenibile

Restaurare, anzi “rigenerare” la nostra città PDF Stampa E-mail
Lunedì 11 Marzo 2013 18:46

Se anche la politica sacilese avesse saputo negli ultimi vent'anni, come è successo in Europa, tarare la crescita urbanistica non sugli interessi dei poteri forti ma su quelli dello sviluppo della qualità della vita, oggi ci troveremmo forse con meno cantieri in crisi e meno antagonismo tra due visioni ormai troppo distanti.
Non è facile di fronte a questo innegabile disastro urbano che ha svuotato e degradato il centro facendo esplodere verso l'esterno la nostra città senza averla dotata di adeguati servizi sostenibile nel tempo, trovare oggi un punto di equilibrio tra esigenze finora così contrapposte, che mai avrebbero dovuto diventare tali.
La riqualificazione urbana che urge per Sacile deve purtroppo essere ormai considerata un vero e proprio “restauro”. Un restauro però che non può essere considerato come una riproposizione statica bensì come un processo rigenerante che coinvolga la vita quotidiana. Un assetto urbano di valore influenza positivamente la vita cittadina sotto il profilo percettivo, naturale e culturale.
Ecco che la riqualificazione energetica diventa garanzia di salubrità ambientale all'interno e al di fuori delle abitazioni, ecco che l'ampia estensione di un progetto di moderazione del traffico unitamente all'abbattimento di tutto quanto viene inteso come barriera architettonica diventa garanzia di

spostamenti non motorizzati, di abbassamento dell'inquinamento e più gente a riempire la città, ecco che coinvolgere nei progetti urbanistici tutti gli attori, in primis i cittadini, affinchè ne condividano idee e strategie, diventa garanzia di buon governo partecipato e di elevazione della qualità politico-amministrativa.
Questo era il fine del “restauro” riqualificante, rigenerante e dinamico di Viale Zancanaro, come da noi proposto: 30km all'ora, nessun dislivello tra carreggiata e marciapiedi, parcheggi a spina di pesce su lati alternati per rompere la visuale dritta del senso unico, due incroci rialzati alle due intersezioni con via Carducci e con via Bellini e un generoso arredo urbano. Magari attraverso un percorso partecipato, quel che oggi si definisce Open Work Table, cioè tavoli di lavoro aperti, per dare prima tutte le informazione necessarie a tutti gli attori del processo, pervenire ad una comune valutazione del bisogno, elaborare un'analisi delle potenzialità e infine “costruire cultura” per condividere i vantaggi derivanti da un progetto improntato sulla sostenibilità, che si tratti di scelte urbanistiche, di moderazione del traffico, di interventi strutturali.

Invece no, l'Amministrazione ha rifiutato il dialogo, ha pensato di imporre la sua decisione (pressochè uguale alle intenzioni dell'Amministrazione precedente) dimostrando anch'essa di soffrire della famosa “sindrome DAD”, Decidere – Annunciare – Difendere, che inevitabilmente genera febbre altissima nel muro contro muro.

E intanto la visione che offre Viale Zancanaro è di triste abbandono. A dimostrazione che, se non si ha prima una visuale ampia di dove si vuol arrivare, ogni intervento singolo è destinato a fallire. E, al tempo stesso, a dimostrazione che a volte il blocco dell'economia è causato da amministratori incapaci di mettere in moto un cantiere che partendo dal coinvolgimento della cittadinanza arrivi all'inaugurazione di un risultato atteso e festeggiato da tutti.

Ultimo aggiornamento Lunedì 11 Marzo 2013 19:04
 
Articoli correlati :

» numeri di incidenti che ... non tornano

La relazione di sintesi che accompagnava nel 2015 la domanda di partecipazione al bando regionale per la realizzazione di zone a 30km/h continua a crearci perplessità.Oltre infatti a non aver ancora ricevuto risposta relativamente , che non sappiam...

» se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi., come...

» e dai con la sicurezza, o meglio, con la memoria corta dei cittadini

Abbiamo letto le dichiarazioni del Presidente del Consiglio, Marco Bottecchia.Sempre uguale la Lega. Nel 2017 con la "sicurezza",Bottecchia afferma che per la sicurezza "va potenziato l'organico delle Forze dell'Ordine".Bene. Potremmo essere...

» a quando l'applicazione dell'Ordinanza su via Bellini?

Pare proprio che l'amministrazione sacilese non abbia la dovuta fretta nel premurarsi di ottemperare alle indicazioni della Prefettura.Oltre a non aver MAI pubblicato la promessa lista degli aventi diritto al rimborso depurazione (ormai inutile...),...

» una possibilità per ampliare il linguistico del Pujati?!

L'amministrazione sacilese si attivi per verificare la possibilità di accedere al sugli edifici scolastici. Quanto infatti appena approvato vale in particolare proprio per le scuole superiori di secondo grado, quelle cioè che passano dalle...

» Incidenti 2016

SPS : I dati del 2016 ricevuti dalla Polizia Municipale, dai Carabinieri di Sacile e dalla Polizia Stradale di Pordenone sono stati assemblati (cui si aggiungono ovviamente i numeri degli incidenti non verbalizzati).SACILEdal 01/01/2015al...

» area camper: un successo della Lega

Area camper di Sacile inutilizzabile e nel degrado? Un nuovo successo della nostra Lega!Ricordiamo (o almeno, SPS ricorda!) infatti bene le battaglie leghiste contro la realizzazione dell'area camper durante l'amministrazione di centro-sinistra: a...

» le nostre segnalazioni per il PAES

Premesso che in questi anni non abbiamo messo alcun bel cappottino a nessun edificio pubblico e che l'illuminazione a LED ormai sta spopolando (e non sempre senza problemi), abbiamo comunque cercato di dare un piccolo contributo alla riduzione delle...

» I documenti si lasciano mirabilmente scrivere

"Gli  impianti  solari  fotovoltaici  possono  essere  installati  in  facciata,  su  coperture  piane  e  su  falde inclinate, (...)" recita il Regolamento comunale per il risparmio energetico e l'Edilizia sostenibile del Comune di...

» Patto dei Sindaci e PEDIBUS

Come vi abbiamo già detto, ogni cittadino può dare il suo contributo per suggerimenti utili al raggiungimento dell'obiettivo contenuto nel Patto dei Sindaci, cioè della riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020  e del 20% di energie...