Sacile Partecipata e Sostenibile

Rotatorie sì o no o no o sì … se sicuramente sicure?! PDF Stampa E-mail
Venerdì 26 Aprile 2013 20:24

In teoria non possiamo che concordare con la previsione di alcune rotatorie previste dal nuovo Piano Urbano del Traffico, in primis con quella in via Cartiera Vecchia all'intersezione con via Carducci.
Concordiamo anche con l'effetto auspicato, che sarebbe quello di eliminare i punti di pericolosità degli incroci in questione, rallentando ma al tempo stesso fluidificando il traffico veicolare. Infatti una rotonda fatta a regola d'arte dovrebbe obbligare a rallentare e induce così il conducente ad allargare la visuale e poter cogliere in questo modo tutti gli elementi presenti nell'ambito del manufatto. Perciò si può parlare di una riduzione dei punti di conflitto teorici tra i veicoli e, in caso di collisione tra questi, non di prevalenti scontri frontali, ma laterali, quindi meno gravi.
Inoltre i costi di gestione/manutenzione sono inferiori rispetto ad un incrocio semaforizzato.

Ma purtroppo, almeno finora, così non è.

Più volte abbiamo fatto presente, e sulla stampa sono apparse anche rimostranze da parte della cittadinanza, che la rotatoria di S.Odorico è molto pericolosa per chi non la percorre in auto.
Perchè infatti così è nella stragrande maggioranza delle rotonde: per pedoni e ciclisti (ma anche per i motociclisti) questi tipi di incroci sono i punti più temuti della rete stradale.
E non è certo una sensazione.

Il carattere di molte delle nostre città è stato alterato dalla realizzazione di rotatorie a più corsie
con progetti che vengono percepiti come ostili, pericolosi e inappropriati. Vi sono casi nei quali sino al 25% del totale degli incidenti che avvengono nelle rotatorie coinvolgono i ciclisti e provocano feriti gravi e anche morti. Gli incidenti che coinvolgono i ciclisti avvengono sia alle intersezioni, sia all'interno dell'anello, perchè le auto non danno la precedenza al ciclista e gli tagliano la strada. Per quanto riguarda i pedoni invece, troppo spesso gli attraversamenti pedonali non son visibili a chi si accinge ad uscire dalla rotonda: nel momento che esce l'automobilista accelera ma si trova davanti all'improvviso il pedone che sta attraversando sulle strisce (è il caso della seconda rotonda di S.Odorico, quella più piccola di fronte alla Pizzeria).

Lasciando le rotonde di S.Odorico possiamo trasferire lo stesso problema su quella – peraltro ancora da terminare – di via M.Sfriso.
I residenti ne erano inizialmente contenti perchè speravano proprio in una maggior sicurezza rispetto all'incrocio semaforizzato dove molti non rispettavano né il giallo né il rosso. Ma ad oggi la sicurezza non pare proprio migliorata. Le automobili non sono certamente indotte a rallentare: data l'ampiezza della circonferenza le macchine si trovano davanti una traiettoria quasi senza dover girare il volante, se si tratta di proseguire dritti in via Sfriso. Quindi chi proviene dalla Pontebbana, nemmeno rallenta.
Ad oggi manca ancora la sistemazione dei passaggi pedonali, ma anche quando saranno pronti, si capisce già che la sicurezza sarà molto precaria. (L'Assessore Sanson, secondo ex Ass. della Lega, aveva detto che il ritardo era causato "dal freddo" - a che temperatura dovremmo arrivare per la conclusione dei lavori?)

Vi è dunque una grande differenza tra l'essere d'accordo sull'utilità di una rotatoria in un dato incrocio ed essere invece d'accordo su come viene poi realizzata.
Forse perchè ancora una volta, nonostante diversi paesi europei si siano dotati di normative e guide di riferimento in materia di realizzazione di rotatorie, in Italia non abbiamo ancora una normativa specifica in materia.
Finchè non si affronterà con convinzione la questione degli attraversamenti ciclabili e pedonali e non si specifica quale soluzione di rotatoria sia da adottare in situazioni urbane, che son ben diverse dalle rotatorie di strade extra-urbane, come ad esempio in caso di entrate/uscite da autostrade, non ci sarà in città sicurezza per gli utenti deboli.
Più è ampia la carreggiata, più e ampio il raggio della rotatoria, più è necessario inserire una corsia separata per ciclisti. Si può ricorrere ad es. all'inserimento di attraversamenti ciclopedonali rialzati, con indicazione delle fasce gialle e nere in rampa, che si raccordano con la quota dei marciapiedi,  che possono migliorare le condizioni di sicurezza di pedoni e ciclisti in attraversamento della rotatoria. Oltre che, come al solito, la più ampia estensione in ambito urbano del 30km/h che riduce la velocità a prescindere da qualsiasi rotonda!

Insomma, una promessa di "sicurezza" che il più delle volte non vien mantenuta. Un pò come lo specchietto per allodole rappresentato dalla promessa di strade finalmente sicure grazie ai "Velo-OK".
Perchè i veri destinatari non sono gli utenti deboli. Perchè in verità non si toccano i privilegi del traffico motorizzato. Ecco perchè SPS è d'accordo sul principio, ma …. anche no: per come le rotonde vengono poi realizzate!

PS.: tre giorni dopo appaiono le strisce pedonali. Peccato siano già stinte due settimane dopo - vedremo tra due mesi!

Ultimo aggiornamento Lunedì 13 Maggio 2013 18:42
 
Articoli correlati :

» La storia finita, la storia INfinita e i prefabbricati per il Pujati

Cari lettori e sostenitori, so che ormai non vi preoccupate se il titolo vi sembra strano, perchè sapete che di seguito tutto verrà spiegato E provato nei dettagli.Andiamo per ordine:1) La storia finita è quella per cui dobbiamo tutti tirare un...

» inghippo nella riscossione tributi tramite l'AdE

Si pubblica volentieri di seguito la segnalazione di una cittadina sacilese:"Ma cosa c'è di più distensivo che andare al giovedì al mercato a Sacile?Il giro della piazza, le bancarelle, gli incontri casuali, fermarsi a bere un caffè e ascoltare...

» Risposta all'assessore alla sicurezza

Figurarsi se nn so che il Comando di Maniago è capofila di 6 Comuni associati e lo sanno tutti i cittadini che leggono il giornale perchè è sotto gli occhi di tutti. Perciò non perdo tempo a dire cose ovvie solo perchè non ho altri argomenti da...

» No corpo Polizia Municipale? Ahi ahi ... no finanziamenti!!!

Certamente gli articoli sulla stampa locale si lasciano scrivere e non possono che riportare quel che gli amministratori locali ufficialmente comunicano. Ciò non toglie che però noi cittadini sfogliamo tutte le pagine del giornale che abbiamo in...

» La storia finita del trasferimento della Collodi

E così è sfumata la possibilità di trasferire dalla sede dell’Aporti in un nuovo edificio scolastico la scuola dell’infanzia Collodi. Questo avrebbe permesso ai bimbi di avere una struttura adeguata ai moderni standard ambientali ed educativi...

» Incidenti 2021

Sono in totale 74 gli incidenti avvenuti nel 2021 nel nostro territorio comunale. 44 i feriti. Purtroppo mancano da alcuni anni i numeri della Polstrada, perchè il sistema in cui inseriscono i dati è regionale e risulta complicato estrarre i...

» Ipso facto, riforma costituzionale e giardinaggio nel giardino della Serenissima

Si pubblica con piacere il seguente articolo di Andrea GazzettaProbabilmente è solo una strana coincidenza, eppure suscita un po di sconcerto, dopo pochi giorni dall'approvazione delle modifiche alla Costituzione in materia di tutela...

» La storia finita del Liceo Musicale a Sacile

E così, con il mancato numero di iscrizioni per l'anno scolastico 2022-2023 si chiude purtroppo irrevocabilmente il capitolo per il tanto atteso Liceo Musicale nella nostra città, una città che in fatto di tradizione musicale non sta dietro a...

» Il Prefetto risolve l'attesa al freddo

Finalmente dopo quasi UN anno nessuno sarà più costretto ad addossarsi al muro per stare un pò al riparo in attesa di vaccinarsi. una seconda volta perchè evidentemente si era cercato di fare orecchie da mercante, ma da oggi, martedì 4 gennaio...

» Esposto al Prefetto per situazione attesa vaccinazione

AL PREFETTO di PORDENONESacile, 06/12/2021Oggetto: Ripetuti disagi per attesa turno vaccinazione a SacileIll.mo sig. Prefetto,Con la presente la sottoscritta intende sottoporre all’attenzione della S.V. quanto segue:Davanti ad una delle sedi...