Sacile Partecipata e Sostenibile

Sacile e Maniago: le sorti del Pronto Soccorso non possono lasciarci indifferenti PDF Stampa E-mail
Martedì 29 Aprile 2014 17:15

Il Presidio Ospedaliero di Sacile “salvo”.
Una notizia che non può però andar oltre un temporaneo sospiro di sollievo. Una notizia che non celebriamo certo come una vittoria definitiva.
Non è solo questione di fiducia a lungo termine, è soprattutto il fatto che non possiamo prescindere da quanto sta succedendo intorno a noi.
Non possiamo infatti provare alcun senso di soddisfazione, che allora sarebbe davvero “campanilismo”, nel veder “salvata” Sacile e in parallelo aver visto abbattersi la scure su Maniago, in pratica nel giro di due settimane.

Come mai, ci chiediamo, una tal fretta di chiusura del Pronto Soccorso sulle 24 ore, dopo 20 anni che se ne parla? Come mai non abbiamo appreso dalla stampa di incontri con i cittadini per spiegare loro cosa significhi dal 1° maggio in poi, non avere più un “Pronto Soccorso”, bensì un “Punto di primo intervento”? Come faranno i cittadini dell'area del maniaghese a valutare se sia d'ora in poi il caso in cui basti recarsi al punto di primo intervento o che sia invece un caso da 118? Almeno ricordiamo tutti quanto fosse stata visibile sia sulla stampa sia all'interno dell'Ospedale stesso l'annuncio della riduzione delle 24 ore a Sacile. Nulla ci pare invece aver in questi giorni letto sulle pagine di Maniago.
Eppure ci risulta che al tempo stesso dei tre medici internisti ne rimangon due e che vengono eliminati anche i 14 letti di Medicina, in quanto da due settimane non si ricovera più. Letti di Medicina, perennemente occupati, come a Sacile, o addirittura sottonumerari, visto che è successo che alcuni pazienti siano rimasti una o due notti al Pronto Soccorso e poi praticamente dimessi. E non dimentichiamo che la popolazione della Pedemontana è prevalentemente anziana.

Cos'è? Si vuol forse sperimentare qualcosa prima di varare la riforma e lo si fa a Maniago perchè non ci sono le elezioni?

Ad ogni modo la gravità della repentina decisione e della scarsa informazione – e ci pare verosimile credere non solo nei confronti della cittadinanza, ma forse anche del personale stesso – è superata dalla preoccupazione di quel che dovrebbe controbilanciare questa drastica riduzione: verrà riversato un carico ulteriore sul Pronto Soccorso di Pordenone che già, e basta esserci stati una volta, regge solo grazie a chi ci lavora.
A chi ci lavora con ritmi non accettabili, a maggior ragione pensando alla lucidità e prontezza che tutto il personale deve avere in un luogo simile.
Come si può esigere da un medico di Pronto Soccorso di stare in servizio per 12 ore???
Eppure ci sono anche medici che dopo 12 ore sono capaci di dimetterti alle 19.00 con la stessa calma e la stessa gentilezza con cui ti hanno accolta e tranquillizzata – e ovviamente visitata e “stabilizzata” - alle 7.00 di mattina.
Come fanno a reggere?

E come farà ora il personale di Maniago che forse nemmeno sa, vista la velocità del provvedimento, dove andrà a finire?
A ciò si aggiunge quel che oggi (29/04/14) apprendiamo dalla stampa, e cioè che verrà tolta una delle due ambulanze, e sarà proprio quella aziendale. In caso dunque di eventuale momento di bisogno, il personale della coop non potrà certo intervenire in aiuto al personale interno al punto di primo soccorso (ci saranno solamente un medico e un infermiere), cosa che invece avrebbe potuto fare il personale infermieristico dell'Azienda.

SPS sostenuto sin dalla sua nascita il Comitato per la Salute Pubblica Bene Comune proprio perchè siamo convinti del forte legame tra tutte le realtà e delle ripercussioni che ogni scelta prima o poi ha  anche sui propri vicini. Non possiamo quindi non vedere in parallelo ciò che esattamente negli stessi giorni è accaduto a Sacile e a Maniago.
Non riusciamo a far prevalere la soddisfazione per questa momentanea rassicurazione sulla preoccupazione che intorno nulla ci pare pronto per la “riconversione”, sicuramente non il povero Pronto Soccorso di Pordenone.

scarica petizione Comitato Salute Pubblica Bene Comune >>>

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Maggio 2014 17:54
 
Articoli correlati :

» Dove metto la VETRORESINA???

Se sei un cittadino virtuoso non hai vita facile. Questo ormai è certo. In particolare quando si tratta di voler smaltire i rifiuti in modo ineccepibile.Perchè?Perchè scopri che ci sono cose che ieri erano rifiuto qualsiasi e oggi sono rifiuti...

» ovvio che l'erba cresce ... o no???

Spiace, ma di solito c'è da aspettarselo: l'erba cresce con regolarità, a maggior ragione in zona umida e soleggiata come lungo il rio Paisa.Così dopo solo TRE settimane dalla prima segnalazione le panchine poste nel primo tratto della ciclabile...

» Pure la nuova scuola SLITTA e LIEVITA ...

Non voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un fratello in Senato. Nemmeno voglio pensare che è perchè il nostro Sindaco non ha un ex consigliere eletto nella sua lista poi promosso a consigliere regionale. Non voglio pensare che è...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» Acqua del Sindaco pericolosa?!

Già, l'acqua del Sindaco a Sacile è pericolosa. Speriamo non quella di rubinetto, ma certamente quella che sgorga allegra e apparentemente chiara e fresca dalle fontane pubbliche, di certo nuoce alla salute. Peccato, perchè è durata poco.Dopo la...

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...