Sacile Partecipata e Sostenibile

Sacile fuori anche dal progetto di "social housing" PDF Stampa E-mail
Mercoledì 24 Luglio 2013 21:44

Nel gennaio 2013 la Giunta Tondo comunicava che c'erano sul piatto 20,8 milioni di euro per il social housing in Friuli Venezia Giulia e che era appena stato firmato l’accordo di programma tra la Giunta Regionale e il Ministero delle Infrastrutture per l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa. In questo modo si sarebbe data risposta ai problemi legati alla mancanza di risorse per l'edilizia pubblica e al tempo stesso un boccata di “ossigeno alle imprese”. 7,9 milioni venivano messi a disposizione dal Ministero e gli interventi sarebbero stati gestiti dalla direzione regionale Lavori Pubblici. Secondo l'allora amministrazione regionale, l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa evrebbe seguito due linee direttici: le Ater, con il compito di incrementare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica, e i privati, con la possibilità di concorrere all’attuazione dei programmi di edilizia residenziale sociale.

Precedentemente, nel settembre del 2011, l’assessore Riccardi aveva definito il social housing “un’opportunità e un’occasione intelligente per sperimentare questo lo strumento, che può essere visto come un’evoluzione della tradizionale edilizia convenzionata. Siamo oggi di fronte a un progressivo calo delle risorse pubbliche, anche nel campo della casa, mentre si registra un profondo cambiamento nei bisogni dei cittadini. C’è sempre di più una fascia intermedia di popolazione, soprattutto di giovani coppie, che non riescono ad accedere al libero mercato. Per questo gli strumenti devono cambiare”.
E prima ancora, l'amministrazione sacilese, già nel 2009, aveva dichiarato l'avvio nel nostro comune di un progetto di social housing.

All'annuncio del gennaio 2013, sorvolando elegantemente sui 4 anni di  nulla di fatto, anche la Giunta Ceraolo aveva applaudito all'annuncio dell'amministrazione regionale della sua medesima composizione politica e fatto sperare il coinvolgimento anche del nostro Comune.

Peccato.
Anche stavolta però è andata buca.

Sì, perchè nella prima fase verranno realizzati 26 alloggi a Maniago, 25 a Pordenone e 30 a Remanzacco; nella seconda fase 170 a Trieste, 67 a Monfalcone e 12 a Muggia. L'accordo è stato siglato venerdì, 26 luglio.

Ahìnoi.... quale fase dobbiamo aspettare per vedere inserita anche Sacile?

PS: sulla stampa del 2/8/13 il Sindaco dice che in compenso abbiamo "permutato" l'housing sociale con la costruzione del nuovo magazzino comunale.

Nostro commento: ahhh, beh...!

 

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Agosto 2013 13:38
 
Articoli correlati :

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.Sottolineo ancora una volta che mettere...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, terza puntata

Eccoci finalmente alla terza puntata della risposta scritta del Sindaco di Sacile relativa al della stazione.Anche in questo caso il Coronavirus aveva bloccato la verifica di un  - chiamiamolo – dettaglio, che invece è di primaria importanza!...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, seconda puntata

Per la seconda puntata () riporto la fine della risposta del Sindaco di Sacile, perchè non ci vogliono lunghe considerazioni, rispetto a quanto verrà esposto invece nella terza puntata.Nell'ultimo capoverso si legge che "in ragione del fatto che...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, prima puntata

Come promesso, ecco la pubblicazione della risposta scritta da parte del Sindaco di Sacile, Carlo Spagnol, alla . Preciso subito che la risposta del Sindaco è arrivata pochi giorni dopo, ma prima la ricerca di una gentile mano esperta in disegno e...

» L'incrocio che contribuisce all'aumento dei costi sociali

Uscita di via Pordenone sulla Pontebbana: l'incrocio a San Giovanni del Tempio che invita agli incidenti e che aumenta i costi sociali dell'incidentalità del Friuli Venezia Giulia. Per l'intero tratto di viale S. Giovanni d. Tempio servirebbe poi...

» Sacile e l'offensiva della mobilità elettrica!!!

Gennaio 2020: dopo mesi di articoli su tutta la stampa locale e nazionale su una situazione di inquinamento ormai gravissima da Torino a Roma, vediamo . Vediamo quale potente offensiva l'amministrazione sacilese sta opponendo ad un'aria dove nei...