Sacile Partecipata e Sostenibile

Sacile fuori anche dal progetto di "social housing" PDF Stampa E-mail
Mercoledì 24 Luglio 2013 21:44

Nel gennaio 2013 la Giunta Tondo comunicava che c'erano sul piatto 20,8 milioni di euro per il social housing in Friuli Venezia Giulia e che era appena stato firmato l’accordo di programma tra la Giunta Regionale e il Ministero delle Infrastrutture per l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa. In questo modo si sarebbe data risposta ai problemi legati alla mancanza di risorse per l'edilizia pubblica e al tempo stesso un boccata di “ossigeno alle imprese”. 7,9 milioni venivano messi a disposizione dal Ministero e gli interventi sarebbero stati gestiti dalla direzione regionale Lavori Pubblici. Secondo l'allora amministrazione regionale, l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa evrebbe seguito due linee direttici: le Ater, con il compito di incrementare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica, e i privati, con la possibilità di concorrere all’attuazione dei programmi di edilizia residenziale sociale.

Precedentemente, nel settembre del 2011, l’assessore Riccardi aveva definito il social housing “un’opportunità e un’occasione intelligente per sperimentare questo lo strumento, che può essere visto come un’evoluzione della tradizionale edilizia convenzionata. Siamo oggi di fronte a un progressivo calo delle risorse pubbliche, anche nel campo della casa, mentre si registra un profondo cambiamento nei bisogni dei cittadini. C’è sempre di più una fascia intermedia di popolazione, soprattutto di giovani coppie, che non riescono ad accedere al libero mercato. Per questo gli strumenti devono cambiare”.
E prima ancora, l'amministrazione sacilese, già nel 2009, aveva dichiarato l'avvio nel nostro comune di un progetto di social housing.

All'annuncio del gennaio 2013, sorvolando elegantemente sui 4 anni di  nulla di fatto, anche la Giunta Ceraolo aveva applaudito all'annuncio dell'amministrazione regionale della sua medesima composizione politica e fatto sperare il coinvolgimento anche del nostro Comune.

Peccato.
Anche stavolta però è andata buca.

Sì, perchè nella prima fase verranno realizzati 26 alloggi a Maniago, 25 a Pordenone e 30 a Remanzacco; nella seconda fase 170 a Trieste, 67 a Monfalcone e 12 a Muggia. L'accordo è stato siglato venerdì, 26 luglio.

Ahìnoi.... quale fase dobbiamo aspettare per vedere inserita anche Sacile?

PS: sulla stampa del 2/8/13 il Sindaco dice che in compenso abbiamo "permutato" l'housing sociale con la costruzione del nuovo magazzino comunale.

Nostro commento: ahhh, beh...!

 

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Agosto 2013 13:38
 
Articoli correlati :

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» No NEMO??? ahi ahi ahi

Sempre in tema di NON adesione: non mi pare ad oggi di aver sentito annunciare che Sacile ha aderito al e che è stato varato nel giugno del 2017 dalla regione FVG.Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e mira allo sviluppo...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» Sempre meglio un uovo oggi che ...

Decisamente sempre meglio un uovo oggi che una gallina domani.In seguito alla segnalazione sulla stampa locale, secondo la quale succede che alle sbarre di viale Lacchin la gente attenda sotto il sole a volte anche mezz'ora prima di poter passare,...