Sacile Partecipata e Sostenibile

Sacile fuori anche dal progetto di "social housing" PDF Stampa E-mail
Mercoledì 24 Luglio 2013 21:44

Nel gennaio 2013 la Giunta Tondo comunicava che c'erano sul piatto 20,8 milioni di euro per il social housing in Friuli Venezia Giulia e che era appena stato firmato l’accordo di programma tra la Giunta Regionale e il Ministero delle Infrastrutture per l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa. In questo modo si sarebbe data risposta ai problemi legati alla mancanza di risorse per l'edilizia pubblica e al tempo stesso un boccata di “ossigeno alle imprese”. 7,9 milioni venivano messi a disposizione dal Ministero e gli interventi sarebbero stati gestiti dalla direzione regionale Lavori Pubblici. Secondo l'allora amministrazione regionale, l’attuazione del piano nazionale di edilizia abitativa evrebbe seguito due linee direttici: le Ater, con il compito di incrementare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica, e i privati, con la possibilità di concorrere all’attuazione dei programmi di edilizia residenziale sociale.

Precedentemente, nel settembre del 2011, l’assessore Riccardi aveva definito il social housing “un’opportunità e un’occasione intelligente per sperimentare questo lo strumento, che può essere visto come un’evoluzione della tradizionale edilizia convenzionata. Siamo oggi di fronte a un progressivo calo delle risorse pubbliche, anche nel campo della casa, mentre si registra un profondo cambiamento nei bisogni dei cittadini. C’è sempre di più una fascia intermedia di popolazione, soprattutto di giovani coppie, che non riescono ad accedere al libero mercato. Per questo gli strumenti devono cambiare”.
E prima ancora, l'amministrazione sacilese, già nel 2009, aveva dichiarato l'avvio nel nostro comune di un progetto di social housing.

All'annuncio del gennaio 2013, sorvolando elegantemente sui 4 anni di  nulla di fatto, anche la Giunta Ceraolo aveva applaudito all'annuncio dell'amministrazione regionale della sua medesima composizione politica e fatto sperare il coinvolgimento anche del nostro Comune.

Peccato.
Anche stavolta però è andata buca.

Sì, perchè nella prima fase verranno realizzati 26 alloggi a Maniago, 25 a Pordenone e 30 a Remanzacco; nella seconda fase 170 a Trieste, 67 a Monfalcone e 12 a Muggia. L'accordo è stato siglato venerdì, 26 luglio.

Ahìnoi.... quale fase dobbiamo aspettare per vedere inserita anche Sacile?

PS: sulla stampa del 2/8/13 il Sindaco dice che in compenso abbiamo "permutato" l'housing sociale con la costruzione del nuovo magazzino comunale.

Nostro commento: ahhh, beh...!

 

Ultimo aggiornamento Martedì 06 Agosto 2013 13:38
 
Articoli correlati :

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...

» Una QUINTA sede per il Pujati?

In caso la nostra città riesca a resistere a San Vito e preservare la sede per il Liceo Musicale le aule verrebbero attrezzate in una parte dell'edificio della Vittorino da Feltre in via Ettoreo, dice il Sindaco. La proposta potrebbe passare in...

» Fare, inaugurare e ... abbandonare

Eh già, "" era il titolo dell'articolo per la segnalazione di abbandono dei TRE alloggi comunali di Ronche.Così è stato. Situazione invariata. I tre alloggi comunali sempre inutilizzati sono. Con crisi e difficoltà che avanzano e fanno lievitare...

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...