Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

pubblicati dati inquinamento gennaio 2019

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 44 visitatori online

Notizie flash

San Giovanni del Tempio: subito un tavolo di confronto PDF Stampa E-mail
Martedì 22 Novembre 2016 18:04

Troppo lunga e frequente la catena di incidenti sulla Pontebbana nel tratto di San Giovanni del Tempio. L'amministrazione sacilese convochi subito un tavolo di confronto con tutti i soggetti istituzionali coinvolti.
Si promuova uno studio e si prenda in esame, METRO per METRO, tutti i fattori, anche apparentemente poco evidenti, che potrebbero essere potenziali cause di incidenti.

Alcuni li stiamo facendo presenti da anni:

A parte il disorientamento di un incrocio con semaforo che però è a senso unico, disorientamento dimostrato dal fatto che ancora oggi ci sono entrate contromano dalla Pontebbana, riteniamo altamente pericoloso che l'entrata in via Pordenone si trovi in un tratto NON soggetto ai 50km/h e poco illuminato, visto che il primo palo della luce si trova appena lì e prima, provenendo da PN, è tutto buio e dopo bisogna aspettare il semaforo per trovare anche il primo palo di illuminaizone.
A ciò si aggiunge che uscendo da via Pordenone per andare in direzione Sacile al tempo è stata prevista la possibilità di entrare fino a centro strada, fermarsi sulla segnaletica orizzontale con freccia di immissione a destra ed immettersi poi sulla carreggiata di destra. Dopo qualche tempo però è stato aperto il ristorante di fronte a via Pordenone e ovviamente, chi arriva da Sacile, si porta in centro strada per svoltare a sinistra. E dove si posiziona? Esattamente sulla freccia che invece indica al contrario verso Sacile!
Problemino per le vacanze Natalizie: se in quel momento esce uno da via Pordenone e arriva uno da Sacile CHI ha diritto a contendersi il centro strada, freccia disegnata sull'asfalto compresa???

Soluzione: chi ha la macchina più nera, lucida e grossa.
Ma non basta. Alla sera, dopo le 21.30, poco serve il segnale di divieto di sosta: visto che non ci sono mai controlli le auto parcheggiano impunemente a ridosso dell'incrocio, addirittura su entrambi i lati!

Ora, è vero che ormai è tardi, non si ppossono chiudere i passi carrai delle decine di case che danno direttamente sulla Pontebbana. Ma fermiamoci almeno un attimo a pensare QUANTE nuove uscite (come per le molte nuove attività commerciali) abbiamo creato in questi ultimi anni, quando già tutti parlavano della pericolosità degli accessi diretti. Fermiamoci almeno un momento a riflettere e convenire sul fatto che stiamo pagando - anche con la vita - scelte come al solito dettate da grave sottovalutazione per incapacità previsionale o scambio di favori per avere facili voti o semplicemente superficialità.

Ecco, allora arginiamo questa dilagante negligenza e iniziamo uno studio, ripetiamo, metro per metro, per vedere se almeno almeno almeno si riesce a disinnescare qualche miccia.

Forse ci sono alcune uscite che potrebbero essere raggruppate? Forse c'è questa o quella stradina (ad es. una vicino all'imbocco della bretella) che potrebbe essere chiusa perchè a pochi metri si può usufruire di un'altra? Ci sono forse ancora degli ostacoli visivi che possono essere rimossi? Forse si può mettere una "porta" all'inizio del tratto della Pontebbana che porta verso San Giovanni del Tempio come ce ne sono all'imbocco di strade nelle grandi città o in autostrada per dare info sul traffico? Forse si può fare in modo che sia sempre tempestivo il rifacimento della segnaletica orizzontale in modo che la striscia bianca continua sia sempre ben visibile bianca brillante?
E, in particolare, la presenza dei fossi ai lati della strada costituisce aggravante al sinistro, come ad es. il fatto di ulteriore trauma precipitandovi dentro, l'eventuale capovolgimento, il fatto di non poter aprire le porte, ecc.?

Resta poi ovviamente il fatto che sulla strada c'è sempre più ignoranza ed arroganza, sempre più distrazione e affidamento non al controllo umano, ma a quello tecnico. Beh, in questo caso ripetiamo quanto sosteniamo da sempre: "fare cassa" con chi mette in pericolo la vita altrui non è certo una cosa di cui "scusarsi" come continuamente molti amministratori fanno..... E i proventi delle multe saranno i benvenuti per essere investiti in sicurezza stradale!

Ultimo aggiornamento Martedì 29 Novembre 2016 20:57
 
Articoli correlati :

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» Sempre meglio un uovo oggi che ...

Decisamente sempre meglio un uovo oggi che una gallina domani.In seguito alla segnalazione sulla stampa locale, secondo la quale succede che alle sbarre di viale Lacchin la gente attenda sotto il sole a volte anche mezz'ora prima di poter passare,...

» Capriole, salti mortali e tripli avvitamenti della Lega sacilese

Una cosa è certa: seguendo il solco del solito vecchio modo di far politica - criticato ma poi sempre premiato dagli elettori - la Lega sacilese non disdegna nemmeno la triste strategia di mettere uno contro l'altro i cittadini dello stesso...