Sacile Partecipata e Sostenibile

se gli ospedali sono "in rete" lo sono anche i problemi PDF Stampa E-mail
Giovedì 16 Marzo 2017 19:14

Leggiamo con stupore la dichiarazione resa dai vertici della Sanità all'inaugurazione del progetto per portare il reparto di procreazione assistita a Sacile: si dice che la riconversione del Pronto Soccorso non ha creato problemi.
Mezza verità, come sempre.
Certo che "non ha creato problemi" se si intende che alla fin fine poco è cambiato dal momento che DA ANNI ormai il PS di Sacile era un Punto di Primo Intervento semplicemente non dichiarato, perchè non funzionava più sulle 24 ore, non era totalmente coperto da anestesista rianimatore e non aveva più alcun reparto attorno a sè, se non Medicina.
Quindi, per noi sacilesi, non è cambiato molto, come invece è stata la doccia fredda per i cittadini di Maniago.
Ma ... per essere coerenti ... e non essere "campanilisti" (accusa mossa ai comitati!) bisogna allora dire che se i vertici sanitari ci ricordano sempre di parlare di "Ospedali di rete" allora si deve anche parlare di PROBLEMI DI RETE.
E, guarda caso, non lo diciamo noi di SPS. Ahìnoi, guarda caso, ma caso caso, esattamente tre giorni prima di questa dichiarazione sacilese a Pordenone si è riunita la consulta della sanità. Udite udite, e cosa è emerso???

E' emerso che DUE sono le criticità, secondo i medici (non di SPS!).
Le due criticità sono la mancanza di spazi sufficienti al PS e la carenza di strutture post ricovero.

Abbiamo forse già dimenticato la situazione dei mesi invernali che ha visto il numero anche dei ricoveri in Medicina e ha costretto a reperire letti in altri reparti?! Reparto appunto chiuso a Sacile e a Maniago.
Ah, sì, chiusa la Medicina a Sacile ovviamente nonostante le "rassicurazioni" che, visto che siamo in tema, qui vi ricordiamo:
La stampa locale del 3/10/2014 riporta nel titolo la dichiarazione del dott. Sclippa come segue "Medicina, i posti letto non saranno toccati. Trasferirli a Pordenone? Una follia, andremmo al collasso".
Appunto.
E l'articolo prosegue: Conferma l'allora Direttore, Paolo Bordon, "non ci sono volontà di depotenziamento dei letti di medicina".
Specifica Sclippa, "Sarebbe una follia trasferire altrove un servizio che conta 750 ricoveri all'anno".
Pure il Sindaco Ceraolo "non transige sui 38 posti letto di medicina".
Perfetto - se la son prevista e poi causata loro ... la "follia".

Perciò - magari - a Sacile "non ci sono problemi" dopo la riconversione del Pronto Soccorso e la chiusura del reparto di medicina, perchè ... i problemi li abbiamo trasferiti a Pordenone ... come ha voluto LA RETE, appunto.

La seconda dichiarazione che ci lascia non solo perplessi, ma ci vede assolutamente contrari, è la proposta di adibire ad alloggi per anziani autosufficienti l'ultimo piano del padiglione San Camillo destinato per il resto a contenere il centro di salute mentale sulle 24 ore.
NO.
No di certo. Significa relegare gli anziani in un luogo fin troppo appartato. All'ultimo piano significa, ad esempio, non aver la possibilità di tenere un animale da compagnia. Il luogo appartato non li invoglia certo ad uscire per far commissioni o frequentare cinema o teatro nei mesi in cui fa buio presto. Meglio trasferire caso mai tutti i servizi ancora presenti nella vecchia sede della casa di riposo al San Camillo e ristrutturare l'edificio tutto a piano terra, meno isolato e a due passi dalla portineria.
Ne avevamo già accennato. Così come resta valida la nostra proposta delle scuole elementari di S.Odorico. Proprio perchè "in mezzo alla gente".

Citare infine la sostituzione della centrale termica come un vanto è un pò fuori luogo: la centrale termica era talmente vecchia, beveva talmente tanti ettoletri di nafta, che anche un bambino poteva prevederne un definitivo infarto a breve termine. Era semplicemente un lavoro assolutamente necessario.
Ma ... noi, che abbiamo la memoria lunga, aggiungiamo anche che i fondi per la nuova centrale termica son stati DIROTTATI dalla creazione della "pediatria di gruppo".

Per la cronaca.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 17 Maggio 2017 10:23
 
Articoli correlati :

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...