Sacile Partecipata e Sostenibile

Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, prima puntata PDF Stampa E-mail
Domenica 26 Aprile 2020 15:03

Come promesso, ecco la pubblicazione della risposta scritta da parte del Sindaco di Sacile, Carlo Spagnol, alla richiesta inoltrata in data 09/01/2020. Preciso subito che la risposta del Sindaco è arrivata pochi giorni dopo, ma prima la ricerca di una gentile mano esperta in disegno e poi l'arrivo del Corona-Virus hanno causato questo ritardo nella pubblicazione.
Poco male. Sapete bene, cari frequentatori di questo sito, che il tempo in politica NON conta. Esattamente come nelle fiabe: passano secoli e tutto pare immutato. Ricordate i 9 anni trascorsi per ottenere il giusto rimborso depurazione...!
Inoltre, come vedete dal titolo, la pubblicazione della risposta la divido in TRE puntate, perchè in effetti tre sono gli aspetti. Questa primo articolo si occuperà della risposta alla realizzazione di una uscita su via Topaligo.
Sì, proprio quella che a detta di molti era stata subito bollata come "impossibile", con le motivazioni più varie , a volte anche in contraddizione.

Ebbene, proprio perchè io all'impossibile detto da altri non ci credo da decenni per nulla, confidavo nel fatto che la risposta nero su bianco da parte dell'Amministrazione sacilese sarebbe stata un pò diversa dalle motivazioni date a voce e/o apparse sulla stampa. Ecco perchè avevo presentato richiesta scritta.
Infatti...

Il Sindaco scrive "Le altre problematiche rilevate (uscita su via Topaligo con necessità di superamento del dislivello con la strada esistente) appesantiscono il quadro complessivo ma non sono state le ragioni, come spiegato, delle scelte differenti."
Ho sottolineato e traduco il politichese (questo passaggio è più facile di quello della seconda puntata): insomma su via Topaligo si potrebbe uscire.
Ahhh, ma va?!

Quindi è lecito anche avere una "visione" di quel che potrebbe essere l'uscita su via Topaligo?!
Eccola dunque, questa visione, e innanzitutto ringrazio la gentilissima Alessia Poletto per averla tradotta in forma grafica:

Metto subito le mani avanti: si tratta di una semplice immagine che vuol essere spunto di riflessione esattamente come altre proposte che negli anni avete trovato in questo sito (spunti per nuova scuola, spunti per ampliamento sede linguistico, spunti per sottopassi davvero fruibili, ecc.)
Nessuno pretende di fare calcoli al posto di ingegneri e tecnici vari.
Anche se...
Anche se, vedendo i sottopassaggi a Sacile, sorge più di qualche dubbio sull'infallibilità di chi dovrebbe saper far bene i calcoli: il sottopasso di S.Odorico per decenni sotto acqua ad ogni pioggia un pò più forte (ora ci dicono problema finalmente risolto); il sottopasso che doveva deviare il traffico per Topaligo nessuno lo usa perchè troppo basso e troppo stretto (bisogna aspettare a senso alterno); il sottopasso di Cornadella ha subito presentato fessurazioni e infiltrazioni e ha causato gravi preoccupazioni a chi abitava la casa adiacente che di giorno in giorno si riempiva di crepe; il sottopasso ciclo pedonale che porta a S.Odorico è un pericoloso budello per pedoni e ancor più per chi porta la bici a mano.

Si può fare uno scivolo di minima pendenza che corre lungo il muro, una limitazione di velocità a 20km/h e pure il senso alternato qui ci può stare - diversamente dal sottopassaggio fallimentare sopra citato - perchè la strada è visibile e non è molto trafficata. Aspettare mezzo minuto non dovrebbe certo costar fatica.
Impossibile il senso alternato?
Ah sì?!
Allora come mai sono andati a progettare e a costruire un centro artigianale, con tutto il suo conseguente carico di traffico di automobili (pensate solo a quelle degli iscritti al centro fitness!) e camion, esattamente dietro la "casa ponte", con un senso alterno su tratto in curva che è ben poco visibile e le auto che sfrecciano senza rispettare il limite di 50km/h (nemmeno l'Autovelox è più efficace)???
Mah...

Comunque ecco lo spunto di riflessione e di discussione. Che si accendano pure gli animi, l'importante è che la questione resti viva, perchè una cosa certa ora è: che la tesi dell'impossibile uscire in via Topaligo con questa risposta del Sindaco è caduta.

Il resto alla seconda e terza puntata. Occhiolino

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Maggio 2020 13:54
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...