Sacile Partecipata e Sostenibile

Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti PDF Stampa E-mail
Mercoledì 05 Dicembre 2018 20:24

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.
Per il PRIMO le nuove tecniche costruttive permettono tempi più celeri sia per progettazione sia per rapidità operativa, maggior sicurezza di risultato e maggior economicità rispetto alle modalità di lavoro di quando se ne era parlato - pare - 30 anni fa (senza come al solito poi passare ai fatti...) e anche - cosa non da poco - minimizzazione dei rischi di cantiere.

Una delle tecniche oggi usate per rendere veloci le realizzazioni di nuovi sottopassi è quella dello “scatolare a spinta”, cioè il ricorso a monoliti in calcestruzzo prefabbricati spinti dentro lo scavo mediante martinetti oleodinamici previa realizzazione del sistema provvisorio di sostegno dei binari.
Si tratta inoltre di una soluzione di minimo impatto per la circolazione dei treni sovrastante. Si riduce al minimo indispensabile ogni tipo di interferenza con il traffico ferroviario e, contestualmente, si riducono pure i tempi di realizzazione degli interventi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per posizionare questo monolite si usa come struttura provvisoria di sostegno dei binari il “sistema Verona”: la struttura di sostegno provvisoria dei binari consente una velocità di transito dei treni di 80 Km/h durante le operazioni di infissione e traslazione con spinta oleodinamica di manufatti prefabbricati in cemento armato sotto la sede ferroviaria.

Tale costruzione permette di scollegare staticamente la struttura del sottopasso rispetto ai binari, garantendo una assoluta sicurezza nelle operazioni di scavo/demolizione e di successiva spinta dello scatolare in calcestruzzo armato.
Si posono infilare tanti moduli quanti servono per qualsiasi lunghezza di percorso - semplice come un domino!

 

 

 


Ed ecco come può presentarsi bene un bel sottopassaggio!!!

 

 

 

 

Le larghezze e le altezze dei singoli moduli prefabbricati sono variabili a seconda di quanto richiesto e le dimensioni dei monoliti consentono anche di ottenere un'altezza utile dal piano stradale pari a 4,30 metri sufficiente per il transito dei mezzi pubblici.
Soprattutto però possono far coesistere per larghezza sia un percorso pedonale sia uno ciclabile in sede separata.

Questo porta direttamente alla proposta del secondo sottpassaggio, quello conseguente alla eliminazione della sbarre di viale Lacchin:
CHIEDO sin d'ora che non venga realizzato il solito stretto, ripido, buio, umido e scivoloso BUDELLO di sottopasso come quello realizzato con sbocco a S.Odorico.
CHIEDO sin d'ora che il futuro sottopasso di viale Lacchin sia ampio, luminoso, asciutto e percorribile in gran sicurezza sia per ciclisti sia per pedoni.

 

 


Questo è l'esempio reale del sottopassaggio della stazione di Amsterdam.

 

 

 

 

 

 

Ovvio che ha solo il significato di far capire che oggi ci sono alternative una volta difficilmente realizzabili.
Ovvio che la convinzione di optare per questo tipo di scelta significa avere prima ancora la convinzione dell'importanza della mobilità di pedoni e ciclisti.

Ovvio.
Ma intanto....metto le mani avanti.
Chissà se una volta tanto qualcuno raccoglierà....

Se volete saperne di più vi segnalo questa Tesi sull’argomento >>>

... e se volete approfondire eccone un'altra >>>

Ultimo aggiornamento Giovedì 14 Febbraio 2019 09:39
 
Articoli correlati :

» Il progetto per la nuova scuola sia illustrato anche a S.Giovanni d.T.

Sacile, 16/11/2022Oggetto: Richiesta presentazione nuova scuola a S.Giovanni d.T.Egr. sig. Sindaco,Avendo l’amministrazione promosso in data 14/11/2022 un incontro con la comunità di San Odorico relativo al progetto per la nuova scuola che...

» Sospeso report mensile inquinamento a Sacile

Carissimi lettori e sostenitori, in particolare quelli sempre molto attenti alle gravi problematiche dell'inquinamento. Purtroppo per ora non so SE e QUANDO si potrà ripubblicare puntualmente mese per mese il pdf che vi mostrava ogni nel modo più...

» Primo comunicato stampa elezioni 2022

Alleanza Verdi Sinistra e Sacile Partecipata e Sostenibile: a Sacile è tempo di voltare pagina.Le recenti elezioni politiche hanno restituito anche a la presenza importante della sinistra ecologista e dei diritti, nel più ampio schieramento...

» A quando i lavori a S.Giovanni d.T.?

Come prosecuzione dell'impegno dei cittadini di San Giovanni del Tempio per la sicurezza stradale, , ecco la richiesta per l'aggiornamento sullo stato delle cose discusseAL SINDACO di SACILEAGLI ASSESSORI DI COMPETENZASacile, 10/10/2022Oggetto:...

» La storia finita, la storia INfinita e i prefabbricati per il Pujati

Cari lettori e sostenitori, so che ormai non vi preoccupate se il titolo vi sembra strano, perchè sapete che di seguito tutto verrà spiegato E provato nei dettagli.Andiamo per ordine:1) La storia finita è quella per cui dobbiamo tutti tirare un...

» inghippo nella riscossione tributi tramite l'AdE

Si pubblica volentieri di seguito la segnalazione di una cittadina sacilese:"Ma cosa c'è di più distensivo che andare al giovedì al mercato a Sacile?Il giro della piazza, le bancarelle, gli incontri casuali, fermarsi a bere un caffè e ascoltare...

» Risposta all'assessore alla sicurezza

Figurarsi se nn so che il Comando di Maniago è capofila di 6 Comuni associati e lo sanno tutti i cittadini che leggono il giornale perchè è sotto gli occhi di tutti. Perciò non perdo tempo a dire cose ovvie solo perchè non ho altri argomenti da...

» No corpo Polizia Municipale? Ahi ahi ... no finanziamenti!!!

Certamente gli articoli sulla stampa locale si lasciano scrivere e non possono che riportare quel che gli amministratori locali ufficialmente comunicano. Ciò non toglie che però noi cittadini sfogliamo tutte le pagine del giornale che abbiamo in...

» La storia finita del trasferimento della Collodi

E così è sfumata la possibilità di trasferire dalla sede dell’Aporti in un nuovo edificio scolastico la scuola dell’infanzia Collodi. Questo avrebbe permesso ai bimbi di avere una struttura adeguata ai moderni standard ambientali ed educativi...

» Assemblea sui pericoli della Pontebbana

Assemblea pubblica a San Giovanni del Tempio MERCOLEDI 11 maggio, ore 20.30 presso la scuola De Amicis.L'amministrazione ha accettato la richiesta qui sotto riportata e incontrerà la cittadinanza per discutere delle varie problematiche legate alla...