Sacile Partecipata e Sostenibile

Un progetto qualificante per la linea Gemona-Sacile PDF Stampa E-mail
Sabato 06 Luglio 2013 20:15

Si tratta di un progetto cicloturistico per la pedemontana Gemona-Sacile:
Numerosi sono i campi di applicazione in cui il fenomeno turistico si manifesta, ma ciò a cui questo studio è rivolto è l’applicazione del fenomeno turistico alla valorizzazione e crescita di un territorio. Ho scelto, per la stesura della mia tesi di laurea in Sviluppo interculturale dei sistemi turistici,  di voler approfondire il caso della linea pedemontana Sacile-Gemona, in quanto mi sembrava un argomento interessante e attuale per le vicende legate al futuro della linea. Le opportunità che vi si presentavano erano allora, e purtroppo tuttora, incerte e confuse ma quello su cui ho scelto di indirizzare il mio studio è proprio a favore della riapertura della linea congiuntamente alla realizzazione di un progetto cicloturistico utile allo sviluppo della così detta mobilità dolce associata proprio alla formula bici più treno, già ben avviata nel contesto europeo con risultati più che soddisfacenti.
È stato significativo dimostrare come a livello europeo il fenomeno del cicloturismo sia già ben affermato, e soprattutto in paesi come Austria, Germania e Olanda dove fattori come l’assetto geografico non proprio favorevole (per la maggior parte ricoperto da catene montuose) e il clima non sempre ottimale (tendenzialmente piovoso e freddo) abbiano comunque posizionato questi Paesi fra i più ciclofili nella classifica europea.
Inoltre, hanno saputo creare delle concrete opportunità nella declinazione della propria offerta cicloturistica, realizzando degli itinerari capaci di enfatizzare i fattori di attrazione del proprio territorio con contenuti di carattere prevalentemente storico-culturale.

A livello generale si è voluto comunque evidenziare l’importanza del fenomeno cicloturistico come dimensione sostenibile del turismo, intesa come prova dell’impegno di voler espandere il concetto di sostenibilità turistica e ambientale ad altri pensieri fondanti di questa teoria, come lo sviluppo economico, il rispetto per la cultura e tradizione locale, la soddisfazione del turista e la valorizzazione delle risorse locali.
L’idea quindi è proprio quella di voler riattivare la linea ferroviaria per offrire agli utenti una nuova opportunità per esperire il proprio territorio, e intesa nella convenienza di creare un servizio intermodale che associ l’uso della bicicletta al trasporto pubblico, creando una continuità territoriale fra gli itinerari già presenti e la struttura ferroviaria, ancora viva nel tessuto sociale e meritevole di essere valorizzata.
Così come nel passato la costruzione della ferrovia pedemontana ha rappresentato un’innovazione tecnologica fondamentale per la comunità e il progresso del territorio (segnando definitivamente lo stacco dal mondo contadino alle nuove esigenze della rivoluzione tecnico-industriale), così oggi deve contribuire ad arricchire la collettività con nuove forme e stimoli: non solo dunque a servizio dei pendolari, bensì a favore di un modello capace di diffondere una mobilità alternativa e sostenibile sensibilizzando gli utenti ad un maggior uso della bicicletta e migliore gestione del tempo libero; nonché legate, sotto l’aspetto turistico, alla fruizione del paesaggio ambientale e valorizzazione delle risorse locali.
Il ripristino del servizio ferroviario sulla pedemontana è senz’altro un elemento imprescindibile, in quanto attraverso l’uso del treno è possibile raggiungere zone e paesi dislocati lungo l’arco ferroviario altrimenti poco accessibili o non raggiungibili per quelle categorie di utenti definiti come “deboli” (anziani, famiglie, bambini). Il profilo orografico nel quale scorre la strada ferrata potrebbe infatti rappresentare un ostacolo geofisico consistente per questi fruitori, e impedirebbe loro a priori di potervi accedere. Il servizio ferroviario permetterebbe invece di diversificare i percorsi in base all’abilità del ciclista che sceglie di volersi sperimentare a seconda degli itinerari proposti.
Infine, poter fornire una nuova interpretazione per la strada ferrata, significa inserirsi in un disegno strategico più ampio e lungimirante, nel quale l’attenzione è rivolta alla realtà locale proprio per creare un confronto e una forma di competizione costruttivi rispetto all’offerta globale, attraverso cui sia possibile affermarsi come realtà autonoma e con un proprio riconoscimento distintivo.

Aurora Mondello, Laurea Magistrale in Sviluppo interculturale dei sistemi turistici, Università Ca’Foscari, Venezia

 

Ultimo aggiornamento Sabato 06 Luglio 2013 20:23
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...