Sacile Partecipata e Sostenibile

una caserma va anche riempita PDF Stampa E-mail
Martedì 13 Agosto 2013 20:43

A parte il tempo perduto da troppi anni, a parte il blocco attuale imposto dal patto di stabilità, la verità non è solo che i muri della caserma dei vigili del fuoco sono ancora sulla carta, ma che non si sa come si pensi di riempirli di uomini e di mezzi.
La situazione attuale, viste anche le denunce della negligenza dei vertici responsabili nell'intervento dell'incendio della Valcanale e Canal del Ferro, è quella di un paese senza uomini e senza risorse.
Esattamente come per il corpo forestale, la polizia penitenziaria come per tutte le Forze dell'Ordine in generale, questione da noi già descritta più volte, comprese le facili promesse dell'ex Ministro Maroni (16 ottobre 2009: "tra breve Sacile avrà la sua caserma dei Vigili del Fuoco").
La situazione di Pordenone stessa non è certo quella di una caserma perfettamente guarnita numericamente e attrezzata di tutto punto con le più recenti tecnologie e i più efficienti mezzi. L'allarme è stato lanciato più volte dai relativi Sindacati e dagli stessi vigili del fuoco che operano, come sempre e come anche in altri settori (v. Sanità e Scuola), con un senso di responsabilità che va da troppo tempo ben oltre orario di lavoro, mansioni effettive e retribuzioni.
Tra le varie cose ricordiamo le ripetuto segnalazioni di carenza di organico, del grave e perdurante stato di degrado della sede di Via Interna (laboratori, uffici, bagni), le magagne strutturali della nuova sede, danneggiata già da infiltrazioni d'acqua dal tetto. Così, tra un intervento e l'altro, i vigili del fuoco sono costretti a provvedere personalmente a piccole manutenzioni nella sede. Si è persino dovuto temere per il rifornimento di gasolio dei mezzi, perchè il rifornimento avviene “in debito”, dato che i pagamenti ai fornitori sono dilatati a 90 giorni. Da tempo l'addestramento avviene fuori orario di servizio e non è ovviamente retribuito. Straordinari pagati più no che sì. E gli organici si assottigliano ad ogni trasferimento o pensionamento: mancano in particolare figure come capireparto e capisquadra. Dei primi, a fine 2011, ne servivano almeno 15 e dei secondi almeno 30, più almeno 5 amministrativi. E non crediamo proprio che ad oggi ci siano, visto che a marzo del 2013 mancavano all'appello in regione 140 vigili del fuoco, personale amministrativo escluso.
Se sono in sofferenza Spilimbergo, Maniago, San Vito e la stessa Pordenone, come potremmo pensare di rendere operativa Sacile?

Solo lettera morta, puro slogan, è rimasto l'annuncio della ex Amministrazione Tondo che voleva avviare anche in FVG l'esperienza austriaca della Freiwillige Feuerwehr, cioè i pompieri volontari. A tutti i nostir lettori che hanno avuto occasione di fare un viaggio oltreconfine non sarà sfuggito infatti che in ogni più piccolo paesino si può trovare una magari minuscola casetta contenente anche un solo mezzo dei vigili del fuoco. E, quel che non si vede, in ogni anche più piccolo paesino non mancano MAI i volontari che, autorizzati a lasciare immediatamente il posto di lavoro, entrano in azione nel giro di pochi minuti e sono sul posto con la prima attrezzatura mentre arrivano i rinforzi.

E infine, è sempre questione di cultura. Il disastro che abbiamo appena vissuto in Val Canale dimostra che la nostra “cultura” è quella del beh, tanto lassù la vegetazione ricresce, aspettiamo che si spenga da solo. A nord di noi la cultura è quella del corri corri che c'è un piccolo focolaio da spegnere al più presto pur nel più sperduto angolino di montagna.
Lo si impara da piccoli: ci sono oltre 1000 mini vigili del fuoco in erba (tra 10 e 15 anni) che imparano la teoria e si allenano nella pratica. Solitamente una volta all'anno ogni distaccamento ha la sua festa con ballo, grigliata e controllo gratuito degli estintori di casa. Tutto il paese festeggia quando viene acquistato un nuovo mezzo. Regolarmente si svolgono dimostrazioni e gare tra i diversi distaccamenti, comprese manifestazioni per i mini pompieri.

E' la cultura che dice che non si brucia l'erba, le foglie, le ramaglie. Tutto va compostato. E' la cultura che dice che ogni secondo è prezioso e ogni scintilla va immediatamente spenta. E' la cultura dove si previene anche con leggi nazionali come quella che impone da quest'anno i rilevatori di fumo in tutti gli edifici. Poco costo (15 Euro l'uno) e grande effetto per la sicurezza.

Per avere un paragone: la regione Carinzia dispone di un totale di circa 22.000 Vigili del Fuoco, dei quali circa 580 sono donne. Ci sono ben 399 distaccamenti di pompieri volontari, oltre ai 21 presidi aziendali e 1 caserma di vigili del fuoco di professione. La direzione regionale investe annualmente circa 8 milioni di euro, dei quali 4 per l'attrezzatura e i restanti per le strutture e per la formazione. I volontari vengono gestiti direttamente dai singoli Comuni che provvedono anche alle spese. La regione dispone di oltre 900 veicoli per un valore complessivo di circa 165 milioni.

Ma torniamo a noi. In attesa dei muri la nostra Amministrazione promuova un appello a nome del Consiglio Comunale tutto (da estendersi a tutti i Comuni che dovrebbero essere compresi nel raggio d'azione del futuro distaccamento), nel quale si chieda l'impegno del Ministro dell'Interno  relativamente al potenziamento dell'organico e lo stanziamento dei fondi per mezzi e attrezzature.
Così, quando finalmente la caserma sarà realtà, potremo essere certi anche di riempirla.

PS: a metà ottobre leggiamo della forte preoccupazione relativa al distaccamento di Maniago e venerdì 18 vediamo le immaigni di decine di Vigili del Fuoco che manifestano a Roma contro i tagli degli organici, i turni massacranti e il preoccupante innalzamento dell'età.

Ultimo aggiornamento Giovedì 20 Febbraio 2014 18:13
 
Articoli correlati :

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...

» Totale incidenti 2019 ... e non solo: svelato mistero

Sono stati in totale 99 gli incidenti rilevati nell'arco del 2019 nel nostro territorio comunale da Polizia Municipale, Radiomobile CC di Sacile e Polstrada di PN. con un totale di 69 feriti e un decesso.Sottolineo ancora una volta che mettere...

» L'amministrazione sacilese spalanca le porte dell'ex Ospedale

L'amministrazione Spagnol e l'opposizione leghista spalancano le porte del nostro ex Ospedale....al privato:Il tono trionfalistico della notizia che maggioranza e opposizione hanno trovato una idilliaca unanimità con la votazione della mozione per...

» Sottopasso e Covid19: esposto al Prefetto

Bene, anzi male, come concluso con sulla presunta impossibilità di intervenire sul sottopassaggio di Sacile, mi riservavo di tener aperto uno 0,1% di possibilità...e questa è stata purtroppo data dalla situazione che stiamo vivendo in tempi di...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, terza puntata

Eccoci finalmente alla terza puntata della risposta scritta del Sindaco di Sacile relativa al della stazione.Anche in questo caso il Coronavirus aveva bloccato la verifica di un  - chiamiamolo – dettaglio, che invece è di primaria importanza!...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, seconda puntata

Per la seconda puntata () riporto la fine della risposta del Sindaco di Sacile, perchè non ci vogliono lunghe considerazioni, rispetto a quanto verrà esposto invece nella terza puntata.Nell'ultimo capoverso si legge che "in ragione del fatto che...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, prima puntata

Come promesso, ecco la pubblicazione della risposta scritta da parte del Sindaco di Sacile, Carlo Spagnol, alla . Preciso subito che la risposta del Sindaco è arrivata pochi giorni dopo, ma prima la ricerca di una gentile mano esperta in disegno e...

» L'incrocio che contribuisce all'aumento dei costi sociali

Uscita di via Pordenone sulla Pontebbana: l'incrocio a San Giovanni del Tempio che invita agli incidenti e che aumenta i costi sociali dell'incidentalità del Friuli Venezia Giulia. Per l'intero tratto di viale S. Giovanni d. Tempio servirebbe poi...