Sacile Partecipata e Sostenibile

Una QUINTA sede per il Pujati? PDF Stampa E-mail
Martedì 29 Dicembre 2020 16:59

In caso la nostra città riesca a resistere a San Vito e preservare la sede per il Liceo Musicale le aule verrebbero attrezzate in una parte dell'edificio della Vittorino da Feltre in via Ettoreo, dice il Sindaco.
La proposta potrebbe passare in sordina se non ci fosse un piccolo, minuscolo, insignificante particolare (in senso ironico ovviamente): il Pujati è già dislocato su ben QUATTRO sedi.
Ci rendiamo conto di cosa significhi una scuola con CINQUE sedi? A parte la mancanza di parcheggi che di solito salta agli occhi come primo problema, ma il resto? Insegnanti che girano a trottola, studenti che devono spostarsi in caso di eventi in sede centrale per cui ogni volta si perde un'ora di lezione in più, docenti che si affannano perchè devono accompagnare e sorvegliare e poi correre a razzo a lezione in altre classi in altri edifici, ragazzi che l'ora di educazione fisica praticamente la usano per andare e tornare in e dalla palestra, personale ATA sparpagliato in sempre minor numero che non di rado si trova ad essere per un motivo o per l'altro anche da solo, tecnici che corrono di qua e di là per rimediare a grandi e piccoli inghippi informatici, ragazzi che non trovano modo di recarsi in Segreteria in sede centrale, e, infine ma non da poco, classi lontane dalla presenza del Dirigente Scolastico, cosa che par secondaria ma NON va bene per una scuola.

E questa la lungimirante pianificazione logistica scolastica dell'amministrazione sacilese???
Spiace dover vedere ancora una volta che non si tratta che di un rattoppo.

Proprio in questi giorni leggiamo invece che i due consiglieri regionali Basso (ex Preside del Carniello) e Moras (ex Sindaco di Brugnera) annunciano l'ampliamento con nuova edificazione del Carniello per 2 milioni stanziati dalla finanziaria regionale. Fondi certi, all'interno del riparto dei circa 30 milioni che va al pordenonese per il triennio 2021/22/23.

Si tratta dei piani triennali dell'edilizia scolastica che riguardano interventi sugli istituti superiori di secondo grado di competenza degli Enti decentrati regionali (Edr) e che tengono ovviamente conto delle segnalazioni che arrivano dai Comuni e dai singoli Istituti scolastici. Il totale delle risorse regionali assegnate agli Edr nel triennio per investimenti ammonta a 44 milioni di euro, cui si aggiungono 5,2 milioni del Fondo sviluppo e coesione a favore dell'ente pordenonese.
Si spera che almeno ora sia certo lo stanziamento previsto per l'adeguamento sismico del Pujati (non si capisce se di una o più sedi, speriamo si tratti del rifacimento dell'Auditorium), ma pare che di grandi opere edilizie non se ne parli.

Ma torniamo alla speranza di vedere aggiudicato il Liceo Musicale a Sacile e al gran dilemma di dove collocarlo.

Prima considerazione:
Ancora una volta forse sarebbe stato utile avviare una discussione su una proposta che voi, cari lettori, sapete già esser stata pubblicata in questo sito tre anni fa. Perchè non ampliare questo edificio scolastico (attuale sede del corso linguistico) situato in un bel parco e facilmente raggiungibile con i vari mezzi di trasporto? Ora, con la prospettiva di una nuova offerta, sarebbe stato molto utile.
Si tratta ad ogni modo di un edificio scolastico ormai bisognoso di una gran manutenzione, perciò, perchè non andare oltre il solito rattoppo?
E non lo dico io.
Se andate nel sito Ministeriale della "Scuola in chiaro" e cercate lo "stato di conservazione del corpo di fabbrica" vedrete che la sede del Pujati in via Matteotti ha bisogno praticamente di manutenzione in tutto, addirittura la voce "strutture portanti verticali e murature" abbisogna di "necessità di manutenzione COMPLETA".

Seconda considerazione:
Perchè a questo punto non pensare ad un serio investimento per portare in via Ettoreo anche la sezione della Materna Collodi di viale Zancanaro?
Perchè non dedicare una intera ala della Vittorino da Feltre d una bella grande luminosa scuola materna? Portando via quel triste e polveroso ghiaino grigio e sostituendolo con un bel giardino con tanti giochi?
Hanno senso due sezioni di materne così vicine? Ci sarà nei prossimi anni una esplosione di nascite a Sacile? Non è più efficiente, da tutti i punti di vista organizzativi, avere una sede unificata? Anche perchè spesso i genitori hanno un figlio all'asilo e uno alle elementari e sarebbe certo comodo portarli nello stesso edificio.
Visto poi che da 20 anni nella sede dell'Aporti non esiste più la "scuola Magistrale" non avrebbe più senso destinare gli spazi al Pujati (eventuale Liceo Musicale compreso)?
In questo modo insieme alla Balliana-Nievo si creerebbe un vero e proprio polo musicale. La vicinanza logistica faciliterebbe senza dubbio le collaborazioni e il bel parco inviterebbe sicuramente ad eventi all'aperto!

Terza considerazione:

 

la voce del verbo "pianificare" dovrebbe essere attentamente riletta e compresa. Partendo anche dai dati, tristi ma chiari, che ci dicono ormai che ci siamo attestati su 50 nascite in meno rispetto a 10 anni fa.
Dopo il 2013 i nostri nuovi bebè son stati sempre meno. Nel 2020 solo 142.

Quindi che vengano a ripetere la solita musichetta della nuova edificazione di una nuova materna perchè sarebbe una non nuova scusa per tirar avanti (ad oggi nn c'è un progetto, nn un Euro e nn si sa dove).
Insomma, la promessa di una nuova scuola materna è esattamente come la promessa del 2009 dell'ex ass. Bottecchia che avrebbero ampliato l'asilo nido e esattamente come la promessa dell'ex Sindaco Ceraolo fatta nel 2015 all'assemblea di S.Giovanni del Tempio che si contava di terminare la nuova scuola elementare entro due o tre anni.

Siamo nel 2021.

 

 

 

 

 

PS: Il 7 gennaio è ufficiale: il Sindaco comunica che il Liceo Musicale rest confermato a Sacile e che le iscrizioni partiranno sin d'ora. Si predisporranno le aule alla Vittorino d Feltre.
Speriam bene.
Di solito la fretta è cattiva consigliera, ma sarò, come dico spesso, felice di essere smentita.

PS2: Purtroppo non sono stata smentita. Ad oggi mancano le iscrizioni. Chi volete che si iscriva ad un corso senza nemmeno una sede???

Non resta che confermare che la fretta è cattiva consigliera.
Ma i nostri amministratori ora potrebbero in parte riscattarsi cancellando la soluzione tampone e dedicandosi veramente, ora che il tempo c'è, a predisporre e finanziare una sede seria che faccia partire nel migliore dei modi questo prezioso Liceo Musicale di Sacile!

Ultimo aggiornamento Sabato 13 Febbraio 2021 17:40
 
Articoli correlati :

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Ci risiamo: l'amministrazione distratta sulle nuove norme

Ci risiamo. Dopo aver per anni negato in tutti i modi il dovuto rimborso per la depurazione, ora l'amministrazione sacilese DEVE affrettarsi a convocare la commissione competente per adeguare il Regolamento Edilizio al nuovo D.Lgs.48/2020. E...

» Quando la fiducia è mal riposta

Visto quanto successo al Punto di Primo Intervento di Maniago, chiuso in un baleno senza preavviso al Sindaco per reperire personale medico Covid e ad oggi non ancora riaperto, e visto che le sorti degli ex Ospedali di Maniago e di Sacile sono...

» caso dott. Vendramin: certezze e interrogativi

Nel caso del giovane dott. Nicola Vendramin, "reo" di aver espresso la sua opinione rispetto ad una eventuale sostituzione del reparto RSA di Sacile con un reparto Covid, le certezze sono quelle del Direttore generale dell'Asfo, Joseph Polimeni,...