Sacile Partecipata e Sostenibile

Vietare o offrire Graffiti? PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Agosto 2010 21:09

graffiti_imgPare proprio che non sia stato fatto alcun passo avanti relativamente a quel fenomeno che sta mettendo in subbuglio da due tre anni la città di Sacile, non nelle vesti di immigratii bensì in quelle di un gruppetto di giovani in maggioranza italiani.
La cosa in sé non dovrebbe stupire chi guarda con occhi onesti e attenti la nostra società: ragazzi che noi adulti abbiamo “perso per strada”. Li hanno persi le famiglie, li ha persi la scuola, li ha persi la politica, li ha persi ogni adulto che al primo segnale di disagio ha preferito far finta di niente piuttosto che intervenire. Perché intervenire è faticoso.
Non si tratta solo di figli di famiglie in difficoltà. Il lassismo educativo alberga sovente in casa di famiglie senza rilevanti problemi economici. Meglio assecondare, poi, quando i capricci si trasformano in scene di rabbia ingestibili, ai genitori iperimpegnati in tutto meno che con i loro figli, saltano i nervi stressati. E allora giù chi urla di più, giù minacce che poi non si realizzano, e, man mano che i figli crescono, anche con un vocabolario sempre più condito di parolacce e accuse varie. Ottimo esempio. Fallimento sicuro.
Comunque la colpa non è mai di mamma e papà. La colpa è dei nonni, della tata, dei compagni di asilo o di scuola, delle maestre, ecc; in caso di separazione è sempre colpa dell’altro coniuge. Se qualche anno dopo il pargolo adolescente viene inequivocabilmente pizzicato come autore di una prima marachella fuori dalle mura domestiche i genitori non gli spiegano che ora lo aspetta una giusta sanzione, ma si ritengono offesi e si presentano con l’avvocato.
Non tanto per amore della prole quanto piuttosto per essere sicuri di venir assolti dal loro fallimento educativo.

Dire pochi ma irremovibili no, far rispettare alcune regole chiare, porre dei limiti, insegnare che non si può essere sempre i primi, che il rispetto delle persone e del mondo intorno a noi ci rende sereni e che la propria forza di dimostra aiutando chi è più debole, mantenendo le promesse, portando a termine qualcosa che costa fatica, … Tutto questo gli adulti non lo possono né spiegare né imporre, lo devono innanzitutto dimostrare in prima persona giorno dopo giorno.  Certo, costa energia, ma il guadagno futuro è enorme: figli sereni, che sanno adattarsi alle varie situazioni, che sanno dimensionare l’insuccesso e reagire alla prima inevitabile sconfitta, che sanno compiere scelte autonome e assumersi le responsabilità, che non hanno bisogno di farsi notare per la griffe sui vestiti o la macchina scossa dall’autoradio a tutto volume, che non sono schiavi della tv, di internet, del gioco, della velocità, dei rave-party, di una squadra di tifoseria, dell’alcol, della coca, di una setta, ecc. ecc. ma che, soprattutto, hanno dei sogni e degli scopi per la loro vita.
Quando un gruppo di ragazzi viene definito baby gang significa che ha ormai intrapreso la strada del reato. Forse perché vivono alla giornata, senza idea del domani, senza progetti per il futuro, senza un qualcosa di proprio che dia loro il senso di riuscirci.
Chi commette reato va punito. Ma ricordiamoci che per loro ogni punizione vale il doppio, perché ai ragazzi facciamo pagare anche la colpa di noi adulti – compresa quella, purtroppo molto probabile, di non comprendere la portata di ciò che stanno facendo.
Ora l’ordinanza del Sindaco relativa ai Graffiti (in piena sintonia con le "Disposizioni concernenti il reato di deturpamento e imbrattamento di cose altrui"  contenute nella Legge 94/2009 sulla sicurezza pubblica, articolo 3, commi da 3 a 5, dell’attuale Governo) è legittima dal punto di vista dell’Amministratore che deve tutelare il decoro della sua città, ma dimostra palesemente l’assenza di qualsiasi gesto di avvicinamento e di contrattazione civica. Perché non tentare prima di offrire un alternativa? Un alternativa che non può essere sempre solo quella di un centro di aggregazione comunque gestito ufficialmente con tutto ciò che ne deriva (presenza educatori, luoghi e orari definiti, programmi e iniziative articolati, ecc.). Per quanto ineccepibile sia il lavoro degli operatori gli adolescenti hanno bisogno di avere dei momenti in cui non vedere ombra di adulti, stare in gruppo, autorganizzarsi. Diventano un tutt’uno con il loro gruppo e l’adulto, anche fosse il più simpatico del mondo, è percepito come un corpo estraneo, un nemico.
E’ un loro diritto quello di non sentire sempre il nostro fiato sul collo. Permette di crescere.  Esattamente come un bambino non può sempre essere guidato nel gioco dal genitore ma deve giocare da solo per potersi perdere totalmente nel suo mondo di fantasia.
Allora perché non prevedere uno spazio dedicato ai Graffiti? Spiegare ai ragazzi perchè per forza di cose questo spazio deve essere ben delimitato, ma offrire al tempo stesso una possibilità di vera autogestione. Fiducia per fiducia.
E magari prospettare, in caso di riuscita, un percorso partecipativo per creare in futuro un evento dedicato ai Graffiti, che  sono anche riconosciuti come forma di espressione artistica.
Insomma, cerchiamo di non dimenticare quanto importante fosse anche per noi il “gruppo” e cosa sentivamo, sognavamo, contestavamo e combinavamo noi stessi. Teniamo presente che però avevamo avuto delle famiglie vicine che ci avevano ben delineato i confini del pericolo e dell’illecito, indicazione che oggi manca a molti ragazzi. Mettiamoci quindi un po di più impegno per aiutarli a trasformare i loro disorientamenti, i loro malesseri e le loro rabbie in una certo non omologata ma consapevole convivenza civica.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Agosto 2010 21:17
 
Articoli correlati :

» Presidio per la Sanità Pubblica il 30 novembre

Mercoledì mattina, 30 novembre, davanti a diverse strutture sanitarie pubbliche del nostro territorio, il Comitato Salute Pubblica Bene Comune (!) organizza dei presidi con volantinaggio. L'iniziativa segue la petizione con quasi 18.000 firme dei...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» E la normativa sulle barriere architettoniche???

Le segnalazioni da parte di cittadini sui cantieri della nostra città continuano purtroppo e questa volta si tratta della normativa sulle barriere architettoniche, in cui rientra appunto la pavimentazione, tombini compresi. In questo caso le...

» Tanti cantieri e tante perplessità

Sono tanti i cantieri attualmente avviati a Sacile e altrettanto numerose sono le perplessità dei cittadini:Senza ovviamente entrare in merito al dibattito tra amministrazione Spagnol e Lega, dove probabilmente la verità sta in mezzo, una cosa...

» 2020/2021: ecco le condizioni di lavoro in casa di riposo

In questi giorni di febbraio 2021 in cui l'attenzione è incentrata sulla campagna vaccinale che pare dare anche speranza di poter rivedere di persona tante/i nonne/i sono grata alla Direzione della Casa dell'Emigrante" di Sequals per...

» cantiere bloccato: Esposto al Prefetto

Gioie e dolori (più spesso i secondi) del "project financing" e dei "raggruppamenti temporanei".Lo stato di abbandono e di degrado in cui versa da agosto il cantiere destinato alla costruzione della prima della serie di centraline idroelettriche su...

» Pullmini in regola a Sacile?

A partire dal 1° gennaio 2019 su tutto il territorio nazionale dovrebbe esser stata vietata la circolazione di veicoli a motore categorie M2 ed M3 alimentati a benzina o gasolio Euro 0, in applicazione del comma 232 della legge di Stabilità 2015....

» ...ci saremo almeno stavolta?

Continua la serie delle nostrenella speranza, prima o poi, di vederli ben usati anche a Sacile. Ancora una volta ci riferiamo al recupero degli edifici scolastici, nello specifico dell'attuale sede del Linguistico dell'ISIS Pujati, per la quale da...

» Quando una scuola è più di un gioiello

Quando una scuola è più di un gioiello: ecco la scuola elementare di Arnoldstein, certificata Klimaaktiv Gold.Dallo storico edificio del 1910, ristrutturato e ampliato nel 1969 e nel 1990, fino a questo splendido esempio di scuola ecologica,...

» No progetti? No risorse ...

E' stata appena pubblicata la graduatoria dei 79 Comuni che hanno presentato domanda usufruendo del nuovo canale contributivo a sportello per le opere immediatamente cantierabili istituito con la legge di assestamento di Bilancio 2016 della regione...

Commenti  

 
0 #2 ChelseaJuicy 2018-08-10 19:16
Hi. I see that you don't update your page too often. I know that writing content
is time consuming and boring. But did you know that there is
a tool that allows you to create new articles using existing content (from article directories or other blogs from
your niche)? And it does it very well. The new posts are unique and pass the copyscape test.
You should try miftolo's tools
Citazione
 
 
0 #1 2014-07-21 09:56
Muchos Gracias for your blog post. ceeabfdgkacefae k
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna