Sacile Partecipata e Sostenibile

Emergenza casa: un alloggio decoroso, salubre ed economicamente sostenibile è un diritto di tutti. PDF Stampa E-mail
Venerdì 03 Dicembre 2010 22:37

 

img-artNon ci si può stupire del fatto che le famiglie si rivolgano “troppo tardi” all’Ambito per ottenere un aiuto in una delle perdite più gravi: l’abitazione. Sono famiglie che fino a ieri non avrebbero mai pensato di trovarsi nella fascia considerata di “povertà” e proprio per il fatto di non immaginare di dover arrivare a tanto non si rivolgono “in tempo” ai Servizi Sociali.

Non fa certo piacere dire che ancora una volta SPS è stata ed è tutt’ora fortemente critica verso le scelte urbanistiche degli ultimi anni. Troppo grave il problema casa, troppe parole al vento negli strumenti urbanistici.

Ricordiamo ad es. come nella Relazione di Progetto della Variante 54 proprio su emendamento del PdL che oggi governa la nostra città, fosse stata inserita la richiesta di “prevedere, all’interno di ambiti di espansione residenziale, quote di aree o di edificabilità che consentano interventi di edilizia a basso costo, quali quelli di autocostruzione, da parte di soggetti singoli o in cooperative” (pag.5 punto17).

 

Al tempo stesso in Regione, al tempo dell’Amministrazione Illy, gli allora consiglieri Gottardo, Violino, Valenti, Follegot, Galasso e Santin presentavano nel 2007 la Proposta di Legge n° 276 su “Norme regionali in materia di autocostruzione immobiliare”.

Lo scopo era quello di provvedere “a disciplinare un nuovo istituto a favore delle famiglie in cerca di casa”, dal momento che i proponenti ritenevano “che questo problema riguarda molti nuclei familiari ed in particolare quelli con difficoltà socio-economiche”. Attraverso questa Legge

la Regione Friuli Venezia Giulia avrebbe potuto “sostenere progetti di autocostruzione di alloggi da parte di famiglie che, dirette da professionisti, impegnano un monte ore di lavoro, per la costruzione di alloggi che otterranno in affitto e con proprietà differita” (pag.2). La Regione, quindi, avrebbe potuto sostenere “progetti di autocostruzione o di autorecupero di alloggi da parte di famiglie che impegneranno un monte ore di lavoro in un cantiere diretto da personale qualificato adeguatamente formato e da esperti in campo edilizio”.

La mancata concretizzazione di quanto auspicato nella sopra citata indicazione della Variante 54  è stato infatti uno dei motivi per cui SPS ha votato contro, ma ora ci chiediamo anche come mai, dal momento che sia il Pdl sia la Lega sono al governo della nostra regione – con la presenza fisica di parte dei firmatari della proposta di legge – non sia stato dato alcun seguito a quanto sostenuto nel 2007.

Tra l’altro la modalità dell’autocostruzione è ampiamente diffusa nei Paesi della Mitteleuropa e ha già ottimi seppur rari esempi anche da noi, tra l’altro nel vicino Veneto.

Ci chiediamo anche come mai questa Amministrazione non sembri più averne memoria, dal momento che abbiamo mai sentito una parola in merito, nemmeno attraverso un momento informativo rivolto ai cittadini, in cui ad. es. presentare proprio alcune “buone pratiche” già attuate.

Ci chiediamo anche se quanto molto filantropicamente esposto a motivazione della proposta di Legge non sia in stridente contrasto con la fretta di realizzare invece le ormai tristemente famose due “torri”, che non si configurano di certo come intervento di edilizia a basso costo, di nuovi alloggi per giovani coppie, né tantomeno di “social housing”.

In proposito ricordiamo all’Assessore Covre che quest’ultima modalità riguarda solo una piccola parte ben specifica di cittadini, in quanto la definizione comunemente accettata è quella data dal Cecodhas, Comitato Europeo per la promozione del diritto alla casa, che definisce l’housing sociale come “l’insieme delle attività atte a fornire alloggi adeguati, attraverso regole certe di assegnazione, a famiglie che hanno difficoltà nel trovare un alloggio alle condizioni di mercato perché incapaci di ottenere credito o perché colpite da problematiche particolari”.

SPS ritiene invece che un alloggio decoroso, salubre ed economicamente sostenibile sia un diritto di tutti.

A tutto ciò si aggiunge che proprio sulla stampa del  27 novembre, è apparsa la notizia che la Regione ha tagliato di ben 29 milioni i fondi destinati alle ATER (da 41 a 12).

SPS ritiene dunque ancora una volta, coerentemente con il passato e dimostrando come sempre capacità di guardare ad orizzonti lontani, quali reali strategie abiano mai messo in campo destra e sinistra per prevenire ciò che oggi sta portando alla disperazione tante famiglie.

 

Ultimo aggiornamento Sabato 04 Dicembre 2010 18:33
 
Articoli correlati :

» Nessuna risposta dopo un mese per S.Giovanni d.T.

Purtroppo siamo alle solite. Finché si tratta di generiche promesse tutto è facile, ma quando si chiedono informazioni precise la risposta è fin troppo spesso il silenzio nella speranza che i cittadini si dimentichino.La promessa di sistemazione...

» Casa di riposo o gronda est? Quale scenario?

Così nemmeno stavolta vedremo la notizia dell'avvio dell'iter per l'ampliamento della casa di riposo di Sacile, cosa . La finanziaria regionale ha infatti stanziato 9 milioni per una nuova casa di riposo a Villanova e pure 500.000 euro per corte...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» 2020/2021: ecco le condizioni di lavoro in casa di riposo

In questi giorni di febbraio 2021 in cui l'attenzione è incentrata sulla campagna vaccinale che pare dare anche speranza di poter rivedere di persona tante/i nonne/i sono grata alla Direzione della Casa dell'Emigrante" di Sequals per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...

» 50 posti in casa di riposo sfumati? Ma va?!

Apprendiamo dalla stampa locale che per l'ennesima volta : ben 60 le domande in lista di attesa per un posto in casa di riposo a Sacile, ma ... il posto non c'è. I famosi 50 posti promessi addirittura con "i soldi ci sono" (come mi era stato detto...

» 50 posti letto chewing gum?!

"I 50 posti letto in aggiunta agli attuali 86 della Casa di riposo garantiranno una lunga prospettiva di eccellenza della nostra struttura", aveva dichiarato il Sindaco di Sacile nel 2012.E quando di tale annuncio mettendolo in relazione a...

» risposta ai rappresentanti del Nursind e dell'Ipasvi

Innanzitutto i due rappresentanti sindacali di Nursind ed Ipasvi dovrebbero ben sapere che quanto riportato dalla stampa, che me ne ha erroneamente attribuito la paternità, è una precisa citazione dalle Osservazioni presentate da ANAAO-AssoMed...

» fuori uso la risonanza magnetica

Credevamo che le dichiarazioni della Presidente Serracchiani, dell’assessore regionale alla salute, Maria Sandra Telesca, e del direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Pordenone, Paolo Bordon, sulla salvaguardia delle funzioni residue...