Sacile Partecipata e Sostenibile

Il manifesto "Stop al cemento" colpisce nel segno ed apre il dibattito sulle scelte urbanistiche sacilesi ... ci voleva! PDF Stampa E-mail
Sabato 14 Maggio 2011 09:17

manifesto imgSembra aver colpito nel segno il manifesto che abbiamo dedicato a uno dei temi portanti del nostro programma e che è rivolto ovviamente a tutte le forze politiche “cementificatrici”. Come lista Sacile Partecipata e Sostenibile abbiamo aderito uffcialmente, e siamo solo due in regione, al manifesto della campagna nazionale "Stop al consumo di territorio" avviata del Sindaco Domenico Finiguerra di Cassinetta che nel suo Comune ha ottenuto un grande miglioramento della qualità di vita. Il nostro manifesto è parte del nostro impegno coerente che non è mai venuto meno dal primo giorno che ci siamo costituiti.

E’ innegabile che anche a livello locale la situazione sia preoccupante: bisognerebbe avviare un’indagine concreta basata su dati certi per calcolare quale sia per Sacile il cosiddetto “limite di non ritorno” superato il quale l'ecosistema non è più in grado di autoriprodursi. Il nostro territorio è saturo, frammentato, cosparso a macchia di leopardo di case, strade, capannoni, e a rischio  idrogeologico. Abbiamo tracciato centinaia di chilometri di nuove strade e siamo ancora ostaggio del traffico. Dopo Pordenone siamo il Comune più edificato.

L’agenzia del territorio ha rilevato 120 case non censite, cui si aggiungono ca. 450 abitazioni a disposizione presso le agenzie e altre 150 da privati. Ma molte giovani coppie si spostano a Fontanafredda o a Brugnera perché vantiamo i prezzi più alti al metro quadro. Ma si continua a costruire. Per chi?

 

Ovvio che in teoria una Variante può anche servire a “ridurre” o essere destinata a servizi, ma allora come mai la nostra città oggi si ritrova, a detta di tutti, in forte ritardo? Certo ci sono Comuni come  Grottammare, che ha ridotto di ben un milione di metri cubi le previsioni edificatorie, o come S. Giuliano Fiorentino, che ha un PRG di oltre 10 anni e solo due Varianti, ma quale Amministrazione di Sacile si è mai distinta per una decisione simile? In verità le Varianti sono agile strumento dell’urbanistica contrattata con gli interessi economici e riflettono un “pianificar facendo” che è segno inequivocabile della rinuncia del governo pubblico del territorio finalizzato al bene comune.

Ultimo aggiornamento Sabato 14 Maggio 2011 09:31
 
Articoli correlati :

» nuova colata di cemento e asfalto sul Livenza

Siamo alle solite: dopo aver rovinato in modo irreparabile a Pordenone la zona dei laghetti Tomadini, la multinazionale Despar si è prodigata a rovinare le sponde del nostro Livenza gettando cemento e asfalto fino alle rive del fiume. SPS è molto...

» Pervenuti i dati sul consumo di territorio a Sacile!

Dal 27 febbraio di quest'anno è in atto un'iniziativa singolare nel nostro paese: il Forum Nazionale "Salviamo il Paesaggio, difendiamo i Territori" ha inviato una richiesta a tutti gli 8101 comuni italiani per la compilazione e restituzione di una...

» Richiesta dati Comune Sacile Campagna Salviamo il Paesaggio

Dal 27 febbraio di quest'anno è in atto un'iniziativa singolare nel nostro paese: il Forum nazionale "Salviamo il paesaggio, difendiamo i Territori" ha inviato una richiesta a tutti gli 8101 comuni italiani per sollecitare, entro 6 mesi, la...

» Ddl Salva terreni agricoli

Il ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Mario Catania ha portato a termine un provvedimento importantissimo: si tratta del disegno di legge in materia di valorizzazione delle aree agricole e di CONTENIMENTO DEL CONSUMO DEL...

» Calcoliamo quanto consumano gli standby di casa nostra ...

Gli standby, ovvero tutti i dispositivi allacciati alla linea elettrica e solo apparentemente spenti, sono tanti. Anche se singolarmente consumano poco, la somma dei vari contributi può portare a consumi considerevoli nelle 24 ore: fino al 30% di...

» Radio RAI3 - TUTTA LA CITTA' NE PARLA 11 ottobre 2011 – tema: “Basta scatoloni commerciali e industriali ovunque - basta consumo di suolo”

Il conduttore ha letto in diretta il commento di un nostro sostenitore (da fuori Comune) relativo agli "scatoloni" Ikea & Co e alla "capannonizzazione" del territorio. E noi lo pubblichiamo molto volentieri:1) Quella che molti - imprese e...

» Mineraria Sacilese: presidio di SpS e ambientalisti venerdì 7 ottobre dalle 12.00 alle19.00!!!

“Sacile Partecipata e Sostenibile” informa la cittadinanza che venerdì 7 ottobre, dalle ore 12.00 alle ore 19.00, è indetto in Via Cartiera Vecchia un presidio composto da esponenti della suddetta lista civica e di associazioni ambientaliste,...

» L'esempio di 16 coraggiose famiglie in difesa del territorio

16 coraggiose famiglie hanno saputo difendere il loro prezioso territorio senza farsi allettare da false promesse.Si tratta delle 16 famiglie residenti a San Antonio-Oltreacqua, piccola frazione di Tarvisio (UD), una comunità dedita prevalentemente...

» SPS ha aderito alla campagna nazionale "Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i Territori".

La campagna nazionale , nasce su impulso dell’associazione Slow Food e del Movimento "Stop al Consumo di Territorio". Hanno già aderito  Legambiente, LIPU, Pro Natura, Eddyburg, Movimento Decrescita Felice, Altreconomia, Associazione Comuni...

» Nuova strada Sacile-Caneva: un progetto assurdo, vediamo il perchè ...

Martedì 14 giugno 2011 abbiamo avuto il piacere di ospitare a Sacile per qualche ora la dott.ssa Nadia Breda, antropologa dell'ambiente, professoressa all' Università di Firenze, ed autrice del libro BIBO-Dalla palude ai cementi- storia dei danni...