Sacile Partecipata e Sostenibile

Come capire lo SPAZIO DI ARRESTO PDF Stampa E-mail
Lunedì 23 Novembre 2020 18:02

L'austriaco ÖAMTC, cioè il corrispondente del nostro ACI, da sempre nella sua mission prevede ingenti finanziamenti (come queste apposite auto gialle) e si occupa molto di educazione stradale con delle campagne di grande effetto per bimbi e ragazzi.

In questo caso vi parlo della campagna “Hallo Auto” con l'obiettivo di far comprendere come si calcola lo SPAZIO DI ARRESTO e quali sono i fattori che influiscono sulla sua lunghezza.
Come sempre non si tratta di spiegazioni, bensì di prove esperenziali, perchè si sa che ciò che realmente si prova e si verifica in prima persona è più facile ricordarlo.

L'esperienza si basa sulla CORSA: i bambini hanno modo di provare quale sarà il loro spazio di arresto.
Pare semplice, no?! Beh, ma il tutto viene comunque come sempre ben organizzato e reso appetibile ai piccoli ma attentissimi partecipanti.
Leggete e capirete!

Lo scopo è quello di provare in prima persona come la velocità della corsa, la velocità nel recepire il comando di stop, le condizioni del suolo e le calzature indossate influiscano sullo spazio di arresto.

Il primo esperimento consiste nel mettersi a correre e fermarsi al momento del comando di stop, dato improvvisamente a voce o con segnale visivo. Così capiscono:
1) che ci vuole un tempo di reazione e questo tempo non è uguale per tutti
2) che in questo tempo di reazione hanno percorso ancora un certo tratto
3) che più avevano spinto nella corsa più ora devono far forza per fermarsi
4) che le difficoltà di fermarsi sul ghiaino sono maggiori rispetto al prato o all'asfalto
5) che riesce a fermarsi prima chi ha scarpe con buone suole

In questo modo comprendono che lo spazio di arresto è la somma dello spazio di reazione + lo spazio di frenata.
Ma non è finita qui.

 

 

 

 

 



Di seguito i bambini vengono invitati a porre a loro scelta un cono dopo una riga bianca che rappresenta la riga di stop per l'auto dell'istruttore che va a 50km/h. L'istruttore frenerà esattamente all'altezza della riga bianca. Quasi certamente i piccoli vedranno che l'auto in frenata sorpasserà di gran lunga la posizione dei loro coni.

Lo stesso esperimento viene ripetuto innondando la carreggiata di acqua.

Sarà quindi facilissimo per i piccoli trovare subito il nesso tra la velocità della loro corsa e la velocità di una automobile, tra il tempo di reazione loro e quello del guidatore, tra le loro scuole di scarpa più o meno buone e i copertoni, tra la facilità di scivolare a piedi su diversi tipi di terreno e lo sbandamento del mezzo e, infine, tra un eventuale ginocchio sbucciato per una caduta (ragion per cui in Italia questo esperimento solleverebbe la contrarietà di maestre e genitori!)e un vero e ben più grave incidente d'auto.

Infine l'evento più atteso: sedersi dentro questa autombile attrezzata allo scopo con il pedale di freno dalla parte del piccolo passeggero e provare davvero a frenare con tutta l'energia possibile...

 

 

 

 

 

 

 



Facile immaginare come questa giornata resterà impressa a lungo!!!

Visto che ci siete, andate a ripassare con i vostri ragazzi anche l'ANGOLO CIECO

PS: Infine però una constatazione amara: perchè investire energie e denaro se siamo l'UNICO Paese europeo dove ai bimbi è VIETATO per Legge di andare a scuola da soli? Lasciamo che a 18 anni venga loro spiegato lo spazio di arresto IN TEORIA e speriamo che poi non debbano VERIFICARE in prima persona cosa significa NON AVER SAPUTO CALCOLARLO BENE IN PRATICA....

Ultimo aggiornamento Mercoledì 02 Dicembre 2020 18:02
 
Articoli correlati :

» Il primo condominio autosufficiente

Ecco a voi, cari lettori, il primo condominio di nove appartamenti totalmente autosufficiente, cioè "energieautark", è stato inaugurato a giugno 2015 (!!!) a Brütten in Svizzera. Non ha alcun allacciamento alla rete elettrica, tantomeno al gas....

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...

» Sottopasso stazione: chiarezza SCRITTA, seconda puntata

Per la seconda puntata () riporto la fine della risposta del Sindaco di Sacile, perchè non ci vogliono lunghe considerazioni, rispetto a quanto verrà esposto invece nella terza puntata.Nell'ultimo capoverso si legge che "in ragione del fatto che...

» Risposta Prefetto alla mancata modifica dei Reg. Edil.

Riporto di seguito la risposta pervenuta dalla Prefettura di Pordenone da parte di molte amministrazioni comunali del D.Lgs. 257/16.Vi faccio notare che questa volta il Prefetto è andato oltre la risposta meramente formale. Si legge chiaramente (vi...

» Tra promesse da marinaio e consigli della nonna

La Giunta sacilese procede tra promesse da marinaio e consigli della nonna e intanto la sicurezza stradale alle soglie del 2020 resta un miraggio.Che ci siano strade come la Pontebbana o la Cimpello - Sequals che sono molto più pericolose...

» A scuola con pericolo

Tra TRE settimane tutto il personale scolastico del Marchesini e del Pujati, sede Linguistico, sarà in piena attività e tra CINQUE settimane gli studenti si affolleranno di nuovo nelle rispettive due sedi. Ma p, al rifacimento degli...

» Austria: nuove regole per i ciclisti

Sulle strade austriache nuove regole per i ciclisti ... grandi e piccini. In una nazione che davvero ci crede .Nuovi inserimenti/revisioni di alcune regole dedicate ai ciclisti dal primo aprile 2019 nel codice stradale austriaco. Ve le riassumo come...

» No NEMO??? ahi ahi ahi

Sempre in tema di NON adesione: non mi pare ad oggi di aver sentito annunciare che Sacile ha aderito al e che è stato varato nel giugno del 2017 dalla regione FVG.Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020 e mira allo sviluppo...

» un centro del riuso in un centro commerciale???

perchè l'amministrazione sacilese non ha alcuna intenzione di in verità riciclabili e utilizzabili, lanciamo il nostro appello a uno dei centri commerciali in zona.Per rendere più chiaro e motivato il nostro appello, come sempre, citiamo e...

» Spunti per ... chi vuol sentire

Continuiamo a . Spunti che - ormai sappiamo - vengono tanto apprezzati dai nostri lettori quanto ignorati dai nostri amministratori. Ma sono i primi ad interessarci, la nostra speranza è sempre qualle di avere cittadini-elettori che badano ai fatti...