Sacile Partecipata e Sostenibile

Piazza e pedonalizzazione PDF Stampa E-mail
Lunedì 22 Febbraio 2010 09:25

Non approderemo mai ad una soluzione sulla pedonalizzazione della piazza prendendo in considerazione solo quell’area ben delimitata. Non solo perché non sono sufficienti pochi metri quadri per cambiare la qualità di vita dei residenti, ma perché è da una visione generale, che doveva nascere già 20 anni fa, che si può procedere a mettere insieme uno per uno i tasselli utili al risultato. Altrimenti sarebbe come se ci invitassero intanto ad imboccare una strada senza conoscere la meta finale. Restiamo tutti fermi.

Non è difficile non concordare su una piazza chiusa al traffico. La piazza “fruibile e libera dal traffico” era ed è nel programma di SPS. I nostri sostenitori però sanno che abbiamo sempre cercato di far notare come la questione sia molto ma molto più complessa, richieda un lungo lavoro basato su forti convinzioni, su una paziente raccolta di informazioni, infine l’assemblaggio di una molteplicità di azioni adatte alla nostra città. 
Nel caso specifico della nostra Piazza, che sta occupando gli spazi della stampa da molti anni, il problema sta nel modo in cui si è affrontato: La chiarezza negli intenti risente delle dichiarazioni contrastanti da parte di vari Amministratori succedutisi. Quando fine anni ’90 fu indetto il concorso per la Piazza qual’era l’obiettivo? Su che base è stato scelto il progetto vincitore? Se il Piano del Traffico prevedeva la corsia “autopulente” come si è arrivati alla decisione di chiusura? Avevamo a disposizione ampi parcheggi nella cintura della città? E’ stata una decisione dettata dai problemi dell’inquinamento? Dalla scelta della pavimentazione? Dall’idea di creare un “salotto buono” per attirare visitatori? Dal farne un’isola felice per biciclette? E poi, che tristezza chiamare il causa le mamme e i bambini solo perché nella nostra città non c’è un parco degno del nome e sicuramente più adatto per passeggiare e giocare…..
Un provvedimento che si deve immaginare rivelarsi fonte di conflitto richiede un approccio diverso,  basato su una rilevazione iniziale di dati concreti, che sappia coinvolgere sin dall’inizio tutti i soggetti interessati, farli confrontare e  concludersi con delle linee guida di possibili soluzioni per assicurare equamente la tutela dei legittimi interessi di tutti. Un lavoro complesso ed efficace a monte spiana la strada verso la soluzione. Al contrario più si procede a corto respiro più si ingrossano e si ingarbugliano i problemi.
Altra cosa sarebbe stato aver iniziato almeno 20 anni fa a ragionare sull’intero centro storico, prendere ad esempio in considerazione la progettazione secondo i principi dello Shared Space, cioè dello “spazio condiviso”, dove prima di tutto si provvede a moderare la velocità a 30 km/h e a rimuovere le barriere visive. Il traffico non subisce fermate e accelerato, è fluido, più silenzioso, meno inquinante, si abbatte l’incidentalità in città, e si proteggono realmente i cittadini che per bisogno o per scelta non usano l’auto. Va ristretta e resa “impervia” la carreggiata destinata alle auto e allargato lo spazio per pedoni e biciclette.Si innesca un circolo virtuoso: più le strade diventano sicure, più si lascia a casa la macchina, più la gente apprezza riscoprire il piacere del movimento, dell’incontro, del saluto, della chiacchiera. Per il commercio, ad esempio, potrebbe significare l’innovativa promozione della nostra città all’insegna dello “Slow-shopping”. Tutte cose purtroppo convogliate ormai tristemente verso i centri commerciali, dove la gente evidentemente macina volentieri chilometri a piedi al chiuso.
Soluzioni urbanistiche e di moderazione del traffico avvedute, lungimiranti e condivise, conseguite con il metodo della  pianificazione “dal basso” permettono un salto di qualità nel responsabilizzare, unire, impegnare e valorizzare tutta la comunità, ciascuno per la sua competenza. Per far questo bisogna avere in mente una visione ampia e sinergica, generosa e coraggiosa, libera da qualsiasi interesse di parte, che non vuole tanto raccogliere un successo immediato quanto mettere in moto sviluppo di benessere per tutti.
Compito della politica è quello di indviduare aree di sovrapposizione tra priorità diverse, far dialogare le parti per trovare interessi comuni e conseguire risultati condivisi. In questo caso tutela della salute, interessi economici, valorizzazione artistico-architettonica, manifestazioni culturali, diventano condizioni ottimali che a loro volta favoriscono il  benessere, le relazioni sociali e la qualità della vita. Delimitare la questione pedonalizzazione della piazza, pro o contro, sarà una questione eterna e alla fine, se ci sarà,  solo una una soluzione monca.







 

Ultimo aggiornamento Lunedì 26 Aprile 2010 08:34
 
Articoli correlati :

» AUSTRIA: nuove regole per la sicurezza dei più deboli

In Austria è stato fatto un nuovo passo nella sicurezza stradale in favore della salvaguardia degli utenti più indifesi e del clima.Per grandi e soprattutto per piccini andare a piedi o in bicicletta, così come per mamme con passeggini, anziani...

» sulla Pontebbana come a Darmstadt?

E' lo scivolo di un luna park? No!E' una pista da bob estiva? No!Poco prima di Natale 2020 a Darmstadt è stato inaugurato l'avveneristico “ponte rosso” che permette a pedoni, ciclisti e persone in carrozzina di passare da una parte all'altra di...

» Sempre meglio un uovo oggi che ...

Decisamente sempre meglio un uovo oggi che una gallina domani.In seguito alla segnalazione sulla stampa locale, secondo la quale succede che alle sbarre di viale Lacchin la gente attenda sotto il sole a volte anche mezz'ora prima di poter passare,...

» l'arte nella città, l'arte che appartiene al cittadino

SPS da tempo sostiene che nella nostra biblioteca , ma ha anche lanciato l'idea di “esternalizzare” gli spazi della biblioteca: trasportare la lettura al di fuori dell'edificio e trasformare la vivibilità di viale Zancanaro, grazie al 30km/h,...

» Zona 30: beneficio 1

Il PRIMO beneficio della riduzione della velocità è il più semplice ed immediato che viene in mente a tutti: significa ridurre lo spazio di frenata.In particolare è considerevole l’effetto della velocità sui pedoni: la probabilità di morte...

» ANGOLO CIECO

In seguito ai numerosi incidenti stradali dovuti a quanto definito come “angolo cieco”, incidenti che coinvolgono e non si accorgono di essere affiancati alla loro destra da mezzi a due ruote, SPS pubblica un documento elaborato all’interno...

» Rotatorie sì o no o no o sì … se sicuramente sicure?!

In teoria non possiamo che concordare con la previsione di alcune rotatorie previste dal nuovo Piano Urbano del Traffico, in primis con quella in via Cartiera Vecchia all'intersezione con via Carducci.Concordiamo anche con l'effetto auspicato, che...

» Nuova ordinanza relativa a Piazza del Popolo

Bene, ancora una volta SPS aveva ragione.E' stata infatti pubblicata il 19 0ttobre 2012 una nuova Ordinanza (n°147), ad integrazione di quella del 30 marzo 2012, relativa alla circolazione e alla in Piazza del Popolo. Per quale motivo? Udite...

» Parcheggio libero in piazza!!!

Aspettando la risposta del Prefetto, alla questione piazza SPS aggiunge un’ulteriore perplessità: Leggendo l’ordinanza n. 30/2012 ci pare di capire che in piazza del Popolo non sia stato istituito il divieto di sosta.Così come stanno le cose...

» Esposto al Prefetto di PN sulla riapertura al traffico di Piazza del Popolo

AL PREFETTO di PORDENONEe p.c. al SINDACO di SACILE Sacile, 20/04/2012Oggetto: Legittimità deliberazione di Giunta e atti seguenti, nonchè misure adottate in relazione all'apertura al traffico automobilistico di Piazza del Popolo di SacileIll.mo...