per il ticket stessa identica medesima uguale situazione del 2013 Stampa
Domenica 06 Aprile 2014 13:06

Ancora lunghe code e disagi agli sportelli dell'ufficio anagrafe sanitaria dell'Ass6 Friuli occ.le del Distretto ovest di Sacile ed al Punto sanitario di Aviano.

Sono infatti scadute il 31 marzo le esenzioni per età e reddito, e quindi gli anziani sono "costretti" a recarsi agli sportelli per rinnovare tali esenzioni. Si assistono così a lunghe code ed a disagi per gli anziani che si recano in tale ufficio. Anziani, molto spesso, anche con patologie gravi, con delle invalidità, e non completamente autosufficienti, costretti a recarsi agli sportelli, spesso accompagnati da badanti o da qualche parente.

Questa situazione incresciosa si ripete ormai dall'anno scorso, dove si era registrato lo stesso disagio, quando, a suo tempo avevamo denunciato analoga situazione. Ancora una volta, l'Ass6 di Sacile, non ha pensato di mettere in pratica e di realizzare tutte quelle procedure di semplice attuazione, che permetterebbero di annullare quasi del tutto questi disagi per gli anziani, e che sono già operative, ad esempio, nel vicino Veneto e che ha messo in campo anche l'Azienda sanitaria di Trieste; cioè, quella di stampare delle tessere sanitarie per la popolazione anziana con l'esenzione già presente con scadenza illimitata e di spedirle a casa. Gli anziani, in questo modo, sarebbero esonerati da recarsi ogni anno agli sportelli ed avrebbero l'esenzione per età e per reddito in maniera definitiva stampata sulla loro tessera sanitaria.
Anche gli stessi medici di base, che dai loro sistemi informatici, potrebbero risalire e vedere le esenzioni dei loro pazienti anziani, molto spesso, invitano i mutuati a recarsi agli sportelli dell'ufficio anagrafe sanitaria, aumentando così i disagi.
Non capiamo proprio come mai, i dirigenti preposti a risolvere tali problemi, lautamente pagati dai cittadini, non siano capaci e non abbiano forse la volontà di mettere in campo tutte le iniziative tali da risolvere in maniera definitiva tali problematiche.
Nel 2013 il problema era emerso con tutta evidenza, manifestando la disorganizzazione di chi dirige la struttura sanitaria. Avevamo chiesto ed ottenuto l'incontro con il responsabile dott. Castelletto, il quale era intervenuto prontamente affichè la questione fosse risolta. Notiamo invece con amarezza e delusione che il problema persiste, e che ancora una volta siamo costretti a denunciare la situazione.

 

SPS e ARS

Ultimo aggiornamento Domenica 06 Aprile 2014 13:12
 
Articoli correlati :

» Un salubre febbraio 2019

Onestà politica vorrebbe che NESSUN politico e/o amministratore sacilese degli ultimi 15 anni si esprimesse in modo teatralmente virtuoso sul grave fenomeno perdurante dell’inquinamento. Nessuno se ne è mai realmente preoccupato, anzi, al...

» Campa cavallo che l'erba cresce...

Si apprende dalla stampa locale che si è riacceso l'interesse per le sorti dell'ex Distretto Millitare, che si trova pressochè unanime consenso sul fatto di destinare gran parte ad usi abitativi alternativi e che ci sono professionisti sacilesi...

» Quale visione del sottopasso di viale Lacchin?

Visto che ad un tratto per avere il sottopasso al posto dell'attraversamento della ferrovia in viale Lacchin, rinnovo la richiesta che ci venga comunicato - vista anche già la cifra preventivata - quale sarà la scelta delle dimensioni del...

» La bocciatura del sottopasso - niente di nuovo a sud

E così apprendiamo poco prima di Natale che il "sopralluogo" (spiegherò dopo perchè virgolettato) da parte di RFI ha dato come responso che si realizzerà SOLO il sottopassaggio ciclopedonale di Viale Lacchin.Niente di nuovo a sud, si potrebbe...

» La storia finita del finanziamento per le ciclabili

Dal 3 aprile 2018 molti Comuni hanno inviato le richieste di ammissione al , il progetto del Credito Sportivo in collaborazione con Anci e Federciclismo che prevedeva la possibilità per i Comuni italiani di ottenere una buona possibilità di...

» Sui DUE sottopassi...mettiamo le mani avanti

Mettiamo le mani avanti su entrambi i sottopassi di Sacile: sia per il sottopasso interno alla stazione con il suo SEMPLICE PROLUNGAMENTO, sia per quello che si staglia in un lontano orizzonte in sostituzione delle sbarre di viale Lacchin.Per il...

» Segnalazione giusta??? Ehhhh dipende da CHI la fa

Non cambia mai nulla. I risultati si rimandano di anni. I consensi guardano prima al mittente che all'oggetto.Anche questa volta la solita capriola dei nostri amministratori: oggi l'assessore Ceraolo, nonchè ex Sindaco, dichiara di non esser per...

» Offfensiva casa di riposo!!!

E' iniziata l'offensiva delle case di riposo ... OVVIAMENTE private.Offensiva che si è ormai spinta al di qua del Tagliamento.Ovvio.Ovvio perchè la provincia di Trieste detiene quasi il 50% di posti letto di case di riposo, quindi la richiesta è...

» L'amministrazione sacilese aggiornerà il Regolamento Edilizio???

L'amministrazione sacilese del Sindaco Spagnol farà quello che non ha fatto l'amministrazione Ceraolo, visto che l'assessore Zanfrà sta di nuovo qua e che l'ex Sindaco pure ci sta di nuovo come assessore??? Faranno ora???A cosa mi riferisco? Beh,...

» La storia ancora lunga dell'ampliamento della casa di riposo di Sacile

Non occorre dire di concordare perfettamente con quanto dichiarato sulla stampa del 22 agosto 2018 dal Sindaco di Caneva, Andrea Gava.Non occorre, perchè la situazione è sotto gli occhi di tutti: a Sacile l'ampliamento della casa di riposo sta...
SEO by Artio