Sacile Partecipata e Sostenibile

Nessun compromesso sull'articolo 18 ... va difeso così com'è!!! PDF Stampa E-mail
Giovedì 05 Aprile 2012 09:49

art18 imgChe cos'è l'articolo 18? Prendiamo testualmente da Wikipedia:

"L'articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori italiano implementa la cosiddetta tutela reale disciplinando il caso di licenziamento illegittimo (perché effettuato senza comunicazione dei motivi, perché ingiustificato o perché discriminatorio) di un singolo lavoratore:

- nelle unità produttive con più di 15 dipendenti (5 se agricole);

- nelle unità produttive con meno di 15 dipendenti (5 se agricole) se l'azienda occupa nello stesso comune più di 15 dipendenti (5 se agricola);

- nelle aziende con più di 60 dipendenti.

A partire dall'inizio degli anni 2000, da vari governi italiani, sono stati fatti diversi tentativi di riformarlo. I sindacati si sono sempre opposti con decisione a ognuno di essi, temendo un allentamento della tutela dei lavoratori."

Ci pare chiarissimo!!!

Le “soluzioni” sull'articolo 18, su cui si stanno esercitando in questi giorni Monti e la Fornero, appoggiati dal dibattito tra i segretari dei partiti su cui si regge il governo (Bersani, Alfano, Casini), sono inaccettabili per gli operai e per tutti i lavoratori in generale, perché ciò che passa oggi in un settore riguarderà tutti nel breve futuro.  Queste "soluzioni" hanno come unico scopo quello di mascherare la sostanza della proposta Fornero, per renderla più digeribile al PD. Ma il problema non è salvare Bersani, è salvare l'articolo 18.

Nella migliore delle ipotesi ventilate,i lavoratori illegittimamente licenziati verrebbero privati del "diritto" al reintegro, oggi previsto, a favore della “scelta” imponderabile di un giudice. Infatti le notizie che in questi giorni si rincorrono relative ad (apparenti)  aggiustamenti sulle modalità di reintegro, sulla competenze del giudice ecc. ecc. si riducono a questo: nell'attuale bozza in discusione (ogni giorno assistiamo al carosello di dichiarazioni con l'unico scopo di non farci capire nulla) è previsto che nel caso dei licenziamenti per motivi economici il giudice "potrà" (non "dovrà", quindi sempre a sua discrezione) continuare a disporre il reintegro, ma solo in caso di “manifesta insussistenza” delle ragioni economiche. Altrimenti potrà disporre un indennizzo. La prima delle compensazioni accordate per far fronte di questa modifica, però, è la riduzione delle possibili mensilità di indennizzo: non saranno più tra 15 e 27 bensì tra 12 e 24!!!

Non ci sembra un gran aggiustamento, anzi ed in ogni caso è e resta un palese arretramento pesantissimo delle attuali garanzie di tutela, per di più aggravato da ulteriori concessioni al PDL sul precariato.

I lavoratori non stanno scioperando in tutta Italia per ottenere un arretramento dei propri diritti. Stanno scioperando per salvaguardarli. Forse è ora dello sciopero generale per salvare l'articolo 18 così com'è?

Gianni Urioni

Ultimo aggiornamento Giovedì 05 Aprile 2012 10:23
 
Articoli correlati :

» Presidio per la Sanità Pubblica il 30 novembre

Mercoledì mattina, 30 novembre, davanti a diverse strutture sanitarie pubbliche del nostro territorio, il Comitato Salute Pubblica Bene Comune (!) organizza dei presidi con volantinaggio. L'iniziativa segue la petizione con quasi 18.000 firme dei...

» Nessuna risposta dopo un mese per S.Giovanni d.T.

Purtroppo siamo alle solite. Finché si tratta di generiche promesse tutto è facile, ma quando si chiedono informazioni precise la risposta è fin troppo spesso il silenzio nella speranza che i cittadini si dimentichino.La promessa di sistemazione...

» Appello a voi "grandi": fate in modo che tutti ci VEDANO!!!

Ancora una volta questo articolo è dedicato a voi "grandi" che però, nei confronti di noi piccoli e sicurezza stradale, a volte siete un pochino distratti, o tendete a sottovalutare, , o non ci pensate per niente, perchè pensate che tenerci per...

» Assemblea regionale sulla SANITA' 24 giugno!

Facendo seguito alle quasi 18.000 firme dei cittadini del FVG raccolte nei mesi scorsi e presentate alla regione, ecco l'appello a partecipare alla grande assemblea che tirerà le somme su quanto successo ad oggi, approfondirà diverse problematiche...

» Incidenti 2021

Sono in totale 74 gli incidenti avvenuti nel 2021 nel nostro territorio comunale. 44 i feriti. Purtroppo mancano da alcuni anni i numeri della Polstrada, perchè il sistema in cui inseriscono i dati è regionale e risulta complicato estrarre i...

» La storia finita del Liceo Musicale a Sacile

E così, con il mancato numero di iscrizioni per l'anno scolastico 2022-2023 si chiude purtroppo irrevocabilmente il capitolo per il tanto atteso Liceo Musicale nella nostra città, una città che in fatto di tradizione musicale non sta dietro a...

» Il risveglio tardivo della Lega pordenonese

Un pò nella tradizione della facilità con cui si possono, il 23 gennaio leggiamo sulla stampa che Sindaci e amministratori della Lega del Friuli occidentale hanno incontrato il Presidente della regione, Fedriga, per “sancire il filo diretto tra...

» Vecchio problema delle strade private

Ciclicamente i cittadini sono disorientati sulla questione delle strade private che necessitano di interventi perchè comunque aperte all'uso pubblico. Qui a San Giovanni del Tempio ricordiamo bene il problema illuminazione in via Aquileia, una via...

» Il Prefetto risolve l'attesa al freddo

Finalmente dopo quasi UN anno nessuno sarà più costretto ad addossarsi al muro per stare un pò al riparo in attesa di vaccinarsi. una seconda volta perchè evidentemente si era cercato di fare orecchie da mercante, ma da oggi, martedì 4 gennaio...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...