Sacile Partecipata e Sostenibile

L'eredità della "Sirenella" PDF Stampa E-mail
Domenica 22 Dicembre 2013 20:09

Il Comune chiamato a rifondere le spese legali parimenti alla società russa per la mancata costruzione di quello che avrebbe dovuto essere un lussuoso Grand (!!!) Hotel con tanto di vantaggi per tutta la città di Sacile, per come si prefigurava l'area tutta attorno, e il denaro che la clientela d'alto rango avrebbe speso in città?
Il Comune si rivarrà su chi può aver causato questo esborso di denaro pubblico? Come è potuto accadere che al tempo chi di dovere non abbia previsto tale variabile che si sarebbe potuta verificare, cioè che non si fosse proceduto per un qualsiasi motivo alla edificazione del lussuoso albergo? Non è possibile non essersi cautelati in caso di non realizzazione di un fabbricato di una tale entità. Non è possibile che non si risalga mai alle responsabilità. Un'Amministrazione Pubblica ha il dovere di prevedere le possibili variabili e cautelarsi per ogni evenienza.

La funzione pratica della "solidarietà" consiste nel rafforzamento del diritto del creditore, cioè dello studio di architetti che aveva lavorato al progetto del Grand Hotel. Rendere "solidale" significa che, quando i debitori sono più di uno, cioè la società russa e il Comune di Sacile (come ha stabilito il Tribunale di PN), il creditore ha diritto di chiedere la prestazione per l’intero a ciascuno di loro; ciascuno ha l’obbligo di eseguire la prestazione per l’intero. Il pagamento di uno estingue l’intera obbligazione. Ovviamente, il debitore che ha eseguito la prestazione ha poi diritto di rivolgersi in regresso agli altri condebitori per l’adempimento.

Il tutto ha inizio quando nel 2007 la Società SIRENELLA GRAND HOTEL S.r.l. presenta per l'area in ogetto della Variante 38, quale "Area di Ristrutturazione Urbanistica all’interno del P.R.P.C. Zona O – residenziale e terziaria di ristrutturazione urbanistica" il progetto di ristrutturazione edilizia, ovvero di demolizione e ricostruzione di un fabbricato ad uso albergo denominato “Grand Hotel Serenella”.

Nella seduta del  18.10.2007 la Commissione Edilizia esprimeva parere favorevole ritenendo la soluzione progettuale apprezzabile per gli spazi pubblici e privati previsti, anche se relativamente alla tipologia dell'edificio si riteneva che la proposta fosse più adatta ad un centro urbano che al contesto sostanzialmente fluviale in questione e si invitava anche a porre particolare attenzione alle modalità costruttive dei due piani interrati.
A seguire nel gennaio del 2008 l'atto d'obbligo unilaterale, in cui, tra l'altro, la Società SIRENELLA GRAND HOTEL S.r.l. si impegnava a individuare lungo il percorso del fiume Livenza, lungo il percorso ciclo-pedonale, un’area sulla quale realizzare l’aggancio fra il percorso stesso e la passerella pedonale che avrebbe attraversato il fiume Livenza per consentire la permeabilità di passaggio fra le due rive del fiume, dall’area in proprietà della Società in oggetto all’area Zanette, visto che quest'ultima aveva esplicitato il programma di dismissione dell’attività industriale nell’area limitrofa di Via Natisone ed il suo spostamento in altra area entro il 2010, nonchè con modalità costruttive atte a conseguire la certificazione CasaKlima.

La vecchia mitica "Sirenella" è stata celermente demolita. Il materiale inerte avrebbe dovuto essere stato frantumato e riutilizzato per la nuova costruzione, secondo appunto i canoni della bioedilizia, ma l'intervento, nonostante un sito web dedicato ad hoc al nuovo Grand Hotel e il fuoristrada nero che girava per Sacile con la scritta in bella evidenza, non è più partito. Fino al decadere del permesso di costruire al 21 settembre 2012.

SPS ribadisce che non si può credere che quanto successo non fosse stato evitabile. Non solo la dovuta resa degli oneri di urbanizzazione, ma anche le spese legali per colpa di un percorso amministrativo non sufficientemente cautelativo per il Comune di Sacile. E ironia della sorte: oggi il territorio si trova con l'ennesima area degradata, ma per questo, nessuno ripaga la comunità sacilese.

Ultimo aggiornamento Martedì 24 Dicembre 2013 18:01
 
Articoli correlati :

» Per la TARI si sceglie il peggiore...

Si pubblica di seguito questo contributo del geom.Gaggiotti sulla questione della TARI:Il Consiglio Comunale di Sacile sceglie i peggiori.Sfuggita un po’ in sordina l’affidamento all’Agenzia delle Entrate di Pordenone la riscossione della...

» Ciclabile sul Meschio ok ... e poi?!

La notizia che la bella ciclabile lungo il Meschio potrebbe arrivare fino a Sacile è sicuramente una buona nuova. Conosco bene e frequento il tratto che da San Giacomo di Veglia porta a Vittorio Veneto. Nei giorni festivi più che una ciclabile è...

» Esternalizzazione dei PPI di Sacile e Maniago

Se fosse cosa certa l'annuncio che il PPI di Sacile verrà esternalizzato a tempo indeterminato ci pare davvero gravissimo.Poco ci interessa e di certo non ci stupiamo che siano già parole al vento quelle dell'assessore alla Salute, Riccardi, che...

» Quale nuova soluzione per l'ISIS Pujati?! Prima puntata

Ancora una volta sulle sorti delle scuole di Sacile si sceglie il minimo ribasso per sanare una situazione ormai da definire come emergenza. Parlare di urgenza oggi infatti è troppo blando, perchè le vicissitudini dell'ISIS Pujati so protraggono...

» Bollettino annuale e democrazia

E' arrivato nelle case dei sacilesi il bollettino dell'amministrazione. Ribadisco quanto sempre detto: segno di democrazia sarebbe lasciare alle fine due pagine di spazio alle minoranze. Non solo per principio democratico, ma perché l'impegno ...

» Le NON risposte alle preoccupazioni sui cantieri

Spiace molto, ma le spiegazioni apparentemente dettagliate dell'ass. Ceraolo apparse il giorno dopo sulla stampa locale in verità danno ben poche risposte a quanto , a parte apprendere che le asfaltature non sono ancora definitive. Quindi speriam...

» Sul Liceo Musicale è calato il silenzio

E così pare calato il silenzio intorno alla futura collocazione del Liceo Musicale. Peccato, perchè visto che il mancato numero di iscrizioni ha fatto slittare di un anno l'avvio del nuovo corso, sarebbe stato bello leggere che l'amministrazione...

» Incidenti 2020

Ecco il tradizionale (purtroppo) report di SPS sul numero di incidenti stradali verificatisi nell'arco del 2020 nel territorio comunale di Sacile.Dopo aver finalmente e quelli forniti dale Forse dell'Ordine e dalla PM di Sacile, specifico anche...

» Un 6 gennaio da respirare a pieni polmoni!

Eh già, se il SEI gennaio 2021 una commissione di esperti fosse passata per valutare di fare a Sacile un polo di riabilitazione pneumologica, un centro di cura aerobica, insomma quello che un tempo si trovava in quegli eleganti "sanatori" immersi...

» La corsia ciclabile di v.le Zancanaro si è dimostrata per quel che è

Purtroppo non ci è voluto molto tempo per dimostrare che la corsia ciclabile di viale Zancanaro brilla di precarietà in fatto di sicurezza. Sapete che dall'inizio ero contraria e sapete che non la definisco "pista" bensì "corsia". Il primo...