Sacile Partecipata e Sostenibile

Contatti

Sorridente Per comunicare con noi puoi telefonare al n. 0434-733716

Per commentare gli articoli partecipa al gruppo Sacile Partecipata e Sostenibile in facebook

Avvisi

sito gestito da Rossana Casadio

Segnalazioni

Banner

Chi è online

 100 visitatori online

Notizie flash

Contro ogni razzismo: SPS crede nella ius soli!!!

Benvenuto in Sacile Partecipata e Sostenibile!
La Carinzia (559.000 abitanti) possiede da dieci anni una rete capillare di oltre 100 “First Responder” PDF Stampa E-mail
Mercoledì 01 Settembre 2010 22:17

img01La regione della Carinzia, come tutta l’Austria, si basa su una efficientissima struttura di Pronto Soccorso, gestita interamente (dall’elisoccorso alla guardia medica) da un'unica centrale e basata sul principio di una capillare rete di diversi soggetti collegati tra loro ma messi in condizione di intervenire autonomamente. Uno di questi, quello che opera individualmente, è la figura del cosiddetto First Responder.

Un First Responder è un volontario già formato nel Pronto Soccorso (120 ore di teoria e 160 di pratica).

Ogni First Responder riesce ad intervenire nel giro di pochissimi minuti dalla chiamata di aiuto, perché opera all’interno del raggio del suo comune di residenza.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 08 Settembre 2010 22:47
 
Stupidità o ipocrisia? PDF Stampa E-mail
Mercoledì 18 Agosto 2010 21:06

art imgMi rivolgo a tutti i cittadini che probabilmente avranno esultato leggendo che Narduzzi, il capogruppo della Lega in regione, ha presentato un disegno di legge per “tagliare i tempi della macchina amministrativa” anche ricorrendo a sanzioni e risarcimenti da parte degli uffici colpevoli di ritardi. Ebbene questo disegno di legge sarebbe perfettamente inutile se la Lega non fosse corresponsabile sia della cancellazione del Difensore Civico nel luglio del 2008 in regione sia a livello nazionale con la Legge 26 marzo 2010, n 42, che sopprime i Difensori Civici comunali.
Stupidità o ipocrisia della politica? Non importa quale delle due sia quella giusta visto è l’ottimo mix delle due a portare al successo politico. Il miglior antidoto contro questa politica delle facce di bronzo è, per noi cittadini, reimparare a leggere e ascoltare con maggior atenzione e avere memoria.
Non era il Presidente Tondo stesso a dichiarare che il Difensore Civico non serviva perché “già i comuni e gli altri enti rispondono al cittadino che lamenta ingiustizie e vessazioni”? Non è così allora? Oppure la Lega non ha alcuna fiducia di tutti quei comuni amministrati in primis dal PdL? E cosa propone Narduzzi per “sanzionare” tutti quei Sindaci e Assessori che non rispondono per iscritto alle interrogazioni consiliari o alle petizioni dei cittadini?

 
Linee guida sulla qualità dell'aria negli ambienti chiusi: nessuno studio viene fatto in Italia!!! PDF Stampa E-mail
Martedì 27 Luglio 2010 09:36

copertina linee guida sulla qualità dell'aria negli ambienti chiusiQuesta è la copertina del quaderno pubblicato nel 2009 dall'Organizzazione Mondiale della Sanità, contenente le linee guida sulla qualità dell'aria negli ambienti chiusi, affrontando in particolare i problemi relativi a umidità e muffe. Il volume (scaricabile in inglese dal sito  www.euro.who.int sez. pubblicazioni) presenta 33 studi che sono il risultato di una rigorosa revisione delle evidenze scientifiche attualmente disponibili effettuata dai maggiori esperti di tutto il mondo e il titolo recita : Migliorare laAmbiente e la salute dei bambini: esempi europei dell’OMS.
In condizioni di umidità, centinaia di specie di batteri e funghi possono proliferare negli ambienti chiusi ed emettere nell’aria spore, frammenti di cellule e sostanze chimiche. L'esposizione a questi contaminanti è associata all'insorgenza o al peggioramento di sintomi respiratori, allergie, asma e reazioni immunologiche. Tutti trascorriamo la maggior parte della vita quotidiana nelle case, uffici, scuole, o altri edifici, la qualità dell'aria degli ambienti chiusi è critica per la nostra salute e benessere, ma i bambini sono particolarmente sensibili. Il 13% dei casi di asma infantile nei paesi sviluppati della regione europea dell'OMS potrebbe essere imputabile a queste cause.
Molte azioni necessarie non possono essere perseguite da singoli cittadini ma devono essere promosse convintamente dalle autorità pubbliche. E guarda caso, le linee guida raccomandano misure atte a garantire che gli edifici siano ben progettati, costruiti e mantenuti, identificando le azioni di pertinenza dall’amministrazione pubblica, dei progettisti, degli utenti.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 18 Agosto 2010 21:40
 
Vietare o offrire Graffiti? PDF Stampa E-mail
Lunedì 09 Agosto 2010 21:09

graffiti_imgPare proprio che non sia stato fatto alcun passo avanti relativamente a quel fenomeno che sta mettendo in subbuglio da due tre anni la città di Sacile, non nelle vesti di immigratii bensì in quelle di un gruppetto di giovani in maggioranza italiani.
La cosa in sé non dovrebbe stupire chi guarda con occhi onesti e attenti la nostra società: ragazzi che noi adulti abbiamo “perso per strada”. Li hanno persi le famiglie, li ha persi la scuola, li ha persi la politica, li ha persi ogni adulto che al primo segnale di disagio ha preferito far finta di niente piuttosto che intervenire. Perché intervenire è faticoso.
Non si tratta solo di figli di famiglie in difficoltà. Il lassismo educativo alberga sovente in casa di famiglie senza rilevanti problemi economici. Meglio assecondare, poi, quando i capricci si trasformano in scene di rabbia ingestibili, ai genitori iperimpegnati in tutto meno che con i loro figli, saltano i nervi stressati. E allora giù chi urla di più, giù minacce che poi non si realizzano, e, man mano che i figli crescono, anche con un vocabolario sempre più condito di parolacce e accuse varie. Ottimo esempio. Fallimento sicuro.
Comunque la colpa non è mai di mamma e papà. La colpa è dei nonni, della tata, dei compagni di asilo o di scuola, delle maestre, ecc; in caso di separazione è sempre colpa dell’altro coniuge. Se qualche anno dopo il pargolo adolescente viene inequivocabilmente pizzicato come autore di una prima marachella fuori dalle mura domestiche i genitori non gli spiegano che ora lo aspetta una giusta sanzione, ma si ritengono offesi e si presentano con l’avvocato.
Non tanto per amore della prole quanto piuttosto per essere sicuri di venir assolti dal loro fallimento educativo.

Ultimo aggiornamento Lunedì 09 Agosto 2010 21:17
 
Vittorio D’Orazio: vediamo se i dirigenti della Bennet sono sensibili e attenti ai problemi dei disabili! PDF Stampa E-mail
Mercoledì 04 Agosto 2010 15:03

Iart-imgn un articolo-intervista uscito oggi (mercoledì 4 agosto 2010) nella pagina locale del Gazzettino e recuperabile in internet al http://www.ilgazzettino.it/ (previa registrazione gratuita si vada, nella sezione pordenonese in data odierna, a "Sfoglia il giornale"), il nostro Vittorio afferma che per verificare la sensibilità dei dirigenti "... anch’io, fuori età, farò domanda di lavoro al centro Bennet, anche se non credo più a Babbo Natale infilerò la mia domanda nella cassetta della Bennet, nella speranza che comunque qualcosa succeda ... l'annuncio di 150 posti di lavoro per il nuovo ipermercato di Cornadella è in buona parte per giovani dai 16 ai 23 anni. A voler essere maligni si potrebbe pensare che forse questi limiti di età servano all'azienda per proporre contratti di lavoro a lei più favorevoli.

 
Biciclette, Birò e …… ruspe PDF Stampa E-mail
Martedì 27 Luglio 2010 08:20

Mentre a metà luglio a Pordenone sono già 560 i chilometri “ecologici” percorsi dagli utenti delle cosiddette BIRO’ e a San Vito verranno messe in strada prima della fine del mese, a Sacile le virtuose quattroruote presentate a maggio dal Sindaco Ceraolo sono ferme nel garage comunale.
Non c’è da stupirsi. Si tratta della stessa sorte capitata alle 12 biciclette del progetto Pegaso legate all’apertura/chiusura dell’ufficio Turismo e, ancor prima, alla quarantina di vecchie bici del progetto destinato al recupero presso il Centro Giovani Zanca, promosso dall’Associazione Aruotalibera durante il mandato dell’Amministrazione Cappuzzo.

 
Comune di Sacile assente dai contributi regionali alle manifestazioni sportive! PDF Stampa E-mail
Sabato 17 Aprile 2010 12:05

img-articoloPiù il tempo passa più il programma di SPS appare fondato (v. voce "Eventi"): nella nostra città non si è stati in grado finora di dar vita ad un solo evento sportivo che potesse durare e crescere nel tempo legando il suo nome a Sacile. Alcune singole grandi manifestazioni ci toccano di quando in quando solo come scelte occasionali di passaggio.
Nella pubblicazione sulla stampa del 16 aprile dei contributi della Regione alle "52 principali manifestazioni sportive" spicca infatti l'assenza del nostro comune: una città che ha oltrepassato i 20.000 abitanti non è stata ancora in grado di creare un evento sportivo tipico e capace di richiamo oltre i suoi confini.

La stessa sorte ci tocca anche per i 795 000 Euro distribuiti dall'Ass. De Anna a 134 società sportive nel luglio 2010 tenedo conto della loro "rilevanza sociale": non un solo contributo a Sacile!

Articolo inviato da: Rossana Casadio

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Luglio 2010 08:15
 
Pausa caffè in Municipio: analizziamo bene la situazione! PDF Stampa E-mail
Sabato 26 Giugno 2010 10:11

stanza ricreativa all'interno del Municipio di Arnoldstein (A)La questione della “pausa caffè” sollevata in questi giorni all’interno del Municipio di Sacile potrebbe costituire uno spunto di riflessione più ampia sul lavoro svolto ogni giorno dai dipendenti comunali in genere e sul loro ruolo. Considerazioni che possono sorgere solo in seguito all’aver vissuto la quotidianità degli uffici comunali in qualità di amministratore. E’ sicuramente sacrosanto il rispetto dell’orario di lavoro, ma non sono solo di carattere contrattuale gli aspetti che in questo momento mi vengono in mente, né si tratta solo di riconoscere l’aggravio di lavoro quando l’organico non è completo.

Ultimo aggiornamento Martedì 20 Dicembre 2016 22:48
 
<< Inizio < Prec. 81 82 83 84 85 86 87 Succ. > Fine >>

Pagina 85 di 87